La giostra impazzita del calciomercato europeo

Il calciomercato europeo fra schegge impazzite e costi alle stelle

di Enrico Vitolo

La domanda non è più “Chi sarà il prossimo?”, bensì “Quando verrà messo un freno a tutto questo?”. Del resto è inevitabile dopo tutto quello che è accaduto negli ultimi mesi, da luglio scorso ai giorni nostri. Giusto o sbagliato che sia, punti di vista che dipendono ovviamente da chi è il diretto interessato e da chi invece non lo è, la sensazione è che si stia andando oltre. Troppo oltre. Al di là del facile moralismo che può essere messo in campo in questo momento per provare ad opporsi ai super investimenti del calcio moderno. i trasferimenti dei vari Zidane, Vieri e Kaka sembravano faraonici, anzi lo erano, oggi invece sembrano quasi spiccioli utilizzati per l’acquisto di qualche capo firmato e nulla più. Tutta colpa o merito, sempre per il discorso dei punti di vista, dei clamorosi investimenti fatti nel recentissimo passato. A dir poco scioccanti. Forse inimmaginabili ai più fino a qualche tempo fa.

Ma il passato non conta, probabilmente neppure il presente. Perché si va ad un ritmo talmente folle che è già il futuro a rubare la scena. Intanto con 160 milioni di euro spesi appena poche ore fa Coutinho è diventato il terzo calciatore più pagato di tutti i tempi. Il suo passaggio dal Liverpool al Barcellona è dietro solamente a quelli di Neymar (222milioni) e Mbappe (180) che di fatto hanno reso unica l’ultima sessione estiva di calciomercato. Nella top ten, dove ormai non c’è più spazio per Zidane e soci, ci sono Dembele (105 + bonus per il passaggio dal Dortmund al Barca), Pogba (90 dalla Juve allo United), Bale (101 nel 2013-14 dal Tottenham al Real), Cristiano Ronaldo (94 nel 2009-10 dal Manchester al Real), Higuain (90 dal Napoli alla Juve), nuovamente Neymar (88,2 nel 2013 dal Santos al Barca) e Van Dijk (85 milioni dal Southampton al Liverpool). Ma restando in tema di sensazioni, difficilmente in tempi brevi verrà data una risposta chiara e precisa alla domanda del momento.

 

 

 

.