Cardiff, in palio Champions League e Pallone d'Oro

Il Real Madrid per la seconda consecutiva, la Juventus 21 anni dopo Roma...

di Marco Varini

Ci siamo! Fra tre giorni, al Millenium Stadium di Cardiff, andrà in scena la finalissima di Champions League. Sarà Juve-Real Madrid, bianconeri contro blancos, Zidane contro Allegri. Una finale molto sentita dalla Juve, che vincendo il più importante trofeo continentale, raggiungerebbe il tanto atteso triplete, impresa riuscita finora, tra le squadre italiane, solo all’Inter di Josè Mourinho nel 2010. I bianconeri cercano la rivincita, visto che una delle finali perse è quella del 1998 ad Amsterdam, proprio contro il Real di Mihajtovic, autore del gol decisivo. Juve che insegue la 3^ Champions League, trofeo che manca dal lontano ‘96, dalla vittoria di Roma contro l’Ajax, ai calci di rigore. Juve che gioca inoltre la 2^ finale in 3 anni, dopo quella persa nel 2015 a Berlino contro il Barca.

Dall’altra parte c’è il Real Madrid, club che non ha bisogno di presentazioni. 11 Champions League in bacheca per i Blancos, che puntano ad alzare il trofeo per la 12^ volta. Il Real Madrid, già club più titolato al mondo in questo momento con 23 trofei, (davanti ai rivali del Barca a quota 22), prova ad allungare ulteriormente. Ma il Real cerca anche un altro record, conquistare la Champions League per 2 anni consecutivi, dopo il successo di un anno fa a San Siro contro l’Atletico Madrid. Impresa finora mai riuscita a nessun club se si parla di Champions League. L’ultima squadra ad alzare il trofeo per due anni consecutivi è stato il Milan, (1989 e 1990), ma era ancora la vecchia Coppa dei Campioni.

La sfida sarà anche un indizio importante in ottica pallone d’oro, da una parte Gianluigi Buffon, dall’altra Cristiano Ronaldo. Il portiere bianconero, già vincitore della Coppa del Mondo nel 2006, vuole alzare la Champions, unico trofeo che manca al suo ricco palmares. Una sorta di ossessione per il numero 1 bianconero, che lo porterebbe, con ogni probabilità, ad alzare il tanto atteso pallone d’oro. Riconoscimento che ben conosce invece CR7, autore fin qui di una stagione straordinaria, e un eventuale successo a Cardiff significherebbe automatica assegnazione dell’ennesimo pallone d’oro.

Sarà una sfida equilibrata, come testimoniano i numeri. La Juve ha la miglior difesa del torneo, solo 3 le reti incassate finora, di cui un gol, ininfluente, subito nella semifinale di ritorno col Monaco (vinta 2-1, dopo lo 0-2 dell’andata), nemmeno il tridente del Barcellona è riuscito, in 180’, a superare la difesa bianconera. I gol segnati premiano invece il Real, sono infatti 32 le reti della squadra di Zidane, contro i 21 bianconeri. Anche analizzando le vittorie fin qui ottenute regna equilibrio, con la Juve in leggero vantaggio, 9 a 8. La Juve arriva alla finale con 2 vittorie su 2 in semifinale, mentre il Real è reduce dalla sconfitta per 2-1 subita al Calderon, dopo il 3-0 dell’andata. 18 sono invece i confronti, in Champions League, tra Juve e Real. Bilancio in perfetta parità, 8 vittorie a testa e 2 pareggi. Sabato un altro capitolo, l’attesa è quasi finita.

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.