Roma e Lazio, il mercato delle attese e delle uscite

Il calciomercato delle romane: idee Monchi, rebus Lotito

di Giancarlo Fusco

Se si esclude il Milan, il calciomercato di tutte le altre squadre di Serie A sta iniziando a muovere i primi passi. Per quanto riguarda la società di via Aldo Rossi, Fassone sta tenendo fede alla parola data il giorno del closing. Il Milan per poter tornare ai vertici del calcio ha bisogno di investire (bene) in sede di mercato. Con Musacchio, Kessie, Ricardo Rodriguez e André Silva già ufficializzati e lo spinoso caso sul rinnovo di Donnarumma ancora da risolvere, la nuova dirigenza rossonera continua a guardarsi attorno in cerca di altri rinforzi. Non è, comunque da meno, la Juventus. I bianconeri hanno sicuramente meno lavoro da fare rispetto i rossoneri ma stanno gettando le basi anche per il futuro, in modo tale da poter essere sempre sul pezzo con un ciclo nuovo e vincente. In tal senso va letto l'affare per Schick, senza dimenticare quelli per Caldara e Orsolini. L'Inter dopo l'annuncio di Spalletti sta provando ad allacciare i contatti per diversi giocatori. C'è una stagione deludente da riscattare e Suning non sembra farsi troppi problemi in fatto di nuovi investimenti. Lo stesso dicasi anche per il Napoli. De Laurentiis, però, non ha voglia di spendere cifre esorbitanti. Tuttavia, anche le trattative del club campano stanno iniziando a muovere i primi passi importanti.

Tutti diranno: "E' ovvio che tutti si muovono, siamo in pieno calciomercato". Invece, non è proprio così. Ci sono due club protagonisti in positivo dell'ultima stagione che al momento sembrano viaggiare nel limbo delle trattative: Roma e Lazio. Tutti d'accordo nel dire che i giallorossi hanno da poco presentato Eusebio Di Francesco e preso Hector Moreno. Alzi la mano, però, chi non è andato a cercare su google chi fosse il difensore di provenienza dal PSV. Al momento le notizie che a tutti arrivano riguardo la squadra di Pallotta sono più inerenti i possibili partenti. Salah è il primo della lista con il Liverpool disposto a spingersi oltre i 30 milioni offerti poche settimane fa pur di accontentare Klopp. Come non considerare poi gli interessi per Nainggolan, Rudiger e Manolas, senza dimenticare che Szczesny è tornato all'Arsenal e Allison di cui tutti parlano bene è ancora una scommessa da vincere. Di tanto in tanto, però, dalle parti di Trigoria iniziano a filtrare i primi nomi dei rinforzi chiesti da Di Francesco anche se al momento non vi è una certezza assoluta e non si parla di top player. Discorso a parte merita, invece, la Lazio. I biancocelesti sono alle prese con gli addii imminenti di Keita Baldé e di Biglia. Soprattutto per l'esterno sembra esser scoppiato un vero e proprio caso con il presidente Lotito pronto a dichiarare guerra alla Juventus per la modalità con la quale hanno trovato gli accordi con lo stesso Keita. Biglia, invece, è un promesso sposo del Milan. Due giocatori importanti per Simone Inzaghi pronti a salutare Formello. Ai due aggiungiamoci anche De Vrij, anche lui accostato alla Juventus. Tutto molto chiaro e semplice da capire. Ma i sostituti dove sono? E' questo che dalle parti di Roma preoccupa e non poco. La Lazio tra timidi sondaggi e discussioni varie non sembra ancora aver individuato i calciatori giusti per poter affrontare nel migliore dei modi la prossima stagione. Stagione nella quale c'è anche l'Europa League da disputare e dunque più partite. Bisogna, dunque, allungare la coperta con meticolosità. Insomma, almeno per ora, Lazio e Roma non sono solo cugine rivali sul campo, ma sembrano essere cugine anche in sede di calciomercato. Intanto il tempo scorre inesorabile e qualcosa bisogna pur fare per non farsi trovare impreparati tra qualche tempo. Questo Pallotta e Monchi lo hanno capito e stanno iniziando a muoversi, per quanto riguarda Lotito invece è tutto ancora un rebus.

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.