La difesa giallorossa traballa, ma la Roma punta tutto sull'attacco

Roma: il bilancio di fine estate - Dal colpo Schick a una difesa che balla

di Angelica Cardoni

La sosta delle nazionali arriva nel momento giusto e può essere sfruttata per capire cosa è andato storto e per aggiustare il tiro. Una pausa di riflessione per la Roma di Eusebio Di Francesco che, nella gara persa contro l'Inter dell'ex Spalletti, ha messo in evidenza qualche limite. “Non alleno più il Sassuolo e mi aspettavo più tutela da parte degli arbitri”. Di Francesco ha commentato così la performance di Irrati e assistenti, riferendosi in particolar modo a quel calcio di rigore negato a Perotti che avrebbe cambiato il corso della partita. Però, quel che resta delle chiacchiere è l'1-3 centrato dall'Inter contro una Roma che ha dominato per 70 minuti e poi è crollata. E i tre pali colpiti dai giallorossi non impreziosiscono certamente la prestazione del gruppo. Tutti spunti da analizzare in vista della Sampdoria e dell'Atletico Madrid nei gironi di Champions e per migliorare l'avvio della stagione, considerando anche le gare amichevoli giocate durante la preparazione. Eccezion fatta per Pinzolo, Tottenham e Slovacko, la Roma ha avuto qualche problemino contro Celta Vigo, Siviglia, Juventus e Psg. Gare in cui l'errore veniva ancora perdonato.

Schick a Roma - Prendere un giocatore forte e giovane è sempre un gran colpo. L'arrivo a Trigoria di Patrik Schick rientra tra quelli più azzeccati e anche più costosi della storia giallorossa, superando addirittura l'affare Batistuta. Il calciatore ceco, che potrebbe esordire con la nuova maglia proprio contro la sua ex squadra, è stato fortemente voluto dalla piazza capitolina. I tanti tifosi presenti a Fiumicino lo hanno dimostrato, sognando già di vederlo nel tandem intrigante con Dzeko. Contratto fino al 2022 e totale disposizione verso il tecnico giallorosso: “Sono mancino, però mi trovo a mio agio anche sulla fascia destra” - ha dichiarato l'attaccante - “Preferisco il ruolo da numero nove, da centravanti, ma posso giocare anche esterno. Apprezzo l'allenatore e il suo sistema di gioco. Ritengo che questa sia la scelta ideale per me”.

Il giallo in difesa – Alla Roma manca un centrale, inutile negarlo. Anche se il ds Monchi non crede che quello della difesa sia un problema da risolvere in breve tempo. “Questa è l'ultima presentazione del mercato” - ha dichiarato in apertura della conferenza stampa di Schick - “Non ci saranno altri calciatori”. Secondo le ultime indiscrezioni, Dragovic del Bayer sarebbe vicino all'Olympiacos. Gli altri nomi caldi erano quelli di Boateng (Bayern Monaco), Kempf (Friburgo) ed Engels (Club Brugge). Senza dimenticare il sogno Nacho, difensore del Real Madrid.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.