Il dopo Supercoppa, Spal e Keita richiamano la Lazio sul Pianeta Terra

Lazio, dall'euforia della Supercoppa alla prima contro la Spal - Gestione Keita: rottura totale con l'attaccante

di Angelica Cardoni

L'impeto della Supercoppa Italiana alzata al cielo è una scarica di adrenalina che permette a Simone Inzaghi di iniziare il campionato con lo spirito giusto. Centrare un obiettivo è un episodio stimolante e appagante, sempre. Ma per la Lazio ha assunto un significato ancora più forte. La vittoria contro la Juventus ha il sapore della rivincita, dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia e dopo una serie di verdetti favorevoli a Massimiliano Allegri. È il successo di una squadra e quello di un condottiero che è cresciuto mano nella mano con la sua Lazio. È l'affermazione della strategia di Claudio Lotito che ha reso i biancocelesti il quarto club più titolato in Italia negli ultimi quattro anni dopo Inter, Juventus e Milan. È la gioia dei tifosi che si riappacificano con il presidente e pensano già a Lazio-Spal, in programma domenica alle ore 20.45 allo stadio Olimpico di Roma.

Il caso Keita – La Lazio funziona più in campo che nella gestione dell'affare Keita. La querelle tra il senegalese e la società va avanti, oggettivamente, da troppo tempo. Screzi, litigi, frecciatine sui social e riavvicinamenti. Dall'esclusione del giocatore nell'amichevole contro la Triestina a quella nella prima gara ufficiale contro la Juventus è passato quasi un mese. Il tempo necessario per gelare completamente i rapporti, per far sì che Keita non si presentasse all'allenamento di ripresa a Formello e alla festa della società nel centro di Roma. La reazione dell'attaccante è criticabile, ma l'atteggiamento della Lazio non è da meno. “Il club non crede in lui. Keita è esasperato” - ha dichiarato l'agente Roberto Calenda alla Gazzetta dello Sport. Un nuovo caso Pandev? Eppure, Lotito aveva smentito: “Impossibile che accada”. Insomma, ormai è difficile rimettere insieme i cocci e la strada da prendere è soltanto una.

Djordjevic, tra Lazio e Spal – La Lazio deve gestire la gioia post Juventus, la separazione in casa da Keita e l'avvio del campionato. Con la matricola Spal alle porte e un mercato che si intromette anche durante il fischio di inizio della stagione. Se in Juventus-Lazio il nome caldo era quello di Keita, in Lazio-Spal c'è Filip Djordjevic a scaldare gli animi. I ferraresi lo avrebbero individuato come nuovo obiettivo per il reparto avanzato, adatto alle richieste espresse da mister Semplici. E, secondo le ultime indiscrezioni, il direttore sportivo della Spal Davide Vagnati sarebbe in posizione di vantaggio rispetto ai concorrenti italiani. Resta da valutare la volontà del giocatore che, probabilmente, preferirebbe partire verso l'estero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.