Derby di Coppa Italia, avanti il prossimo

Roma-Lazio in Coppa Italia, i precedenti: sempre gol, tanti e pesanti

di Valentino Cesarini

La Roma per una storica rimonta, la Lazio per una finale che coronerebbe l’ottimo lavoro svolto da Simone Inzaghi. Martedì sera all’Olimpico, andrà in scena il ritorno della semifinale di Tim Cup. L’andata si chiuse con il successo della Lazio per 2 a 0 grazie alle reti di Milinkovic-Savic e di Immobile. Non è difficile fare i calcoli, per capire chi approderà in finale. La Roma, se vuole passare il turno, deve vincere con tre o più goal goal di scarto, altrimenti con tutti gli altri risultati, tranne il 2-0 che porterebbe le squadre ai supplementari, sarebbe la Lazio a volare in finale. In attesa di martedì, vediamo quattro derby di Coppa Italia, che sono rimasti impressi nelle menti dei tifosi giallorossi e biancocelesti.

6 GENNAIO 1998: LAZIO-ROMA 4-1 (QUARTI ANDATA): E’ la stagione del poker di derby vinti dalla Lazio e del trionfo in Coppa Italia dei biancocelesti, che in finale rimontano il Milan. Si gioca il giorno dell’Epifania. Gara che si sblocca dopo appena 2’ grazie al croato Boksic. I laziali sono padroni del campo e alla mezzora raddoppiano con un rigore di Jugovic. Su rigore, dopo pochi minuti, arriva anche il goal di Balbo, che sembra riaprire la gara. Ma la qualificazione la Lazio la mette in ghiaccio fra il 75’ e l’80’ quando prima Mancini, con un delizioso pallonetto, poi Fuser fissano il punteggio sul 4 a 1. Il ritorno, quindici giorni dopo, vede la Lazio vincere anche in “casa” della Roma per 2 a 1, grazie ad un rigore di Jugovic ed un goal di Gottardi.

5 FEBBRAIO 2003: LAZIO-ROMA 1-2 (SEMIFINALE ANDATA): Lazio e Roma si ritrovano di fronte in semifinale di Coppa Italia. L’andata, che si gioca il 5 febbraio con la Lazio padrona di casa, è una gara ricca di emozioni, ma alla fine la spunta la Roma di Capello per 2 a 1. Cassano dopo 12’ porta in vantaggio la Roma, mentre la Lazio si ferma sul palo colpito da Chiesa e sulle parate di Ivan Pelizzoli. Ad inizio ripresa arriva il raddoppio giallorosso con il Puma Emerson, e solo al 76’ Fiore realizza il goal del 2-1. Al ritorno (16 aprile), la Roma vince 1 a 0 grazie alla rete di Montella ed approda in finale, dove viene superata dal Milan.

19 GENNAIO 2011: ROMA-LAZIO 2-1 (OTTAVI DI FINALE): Il derby inizia nel peggiore dei modi perché ci sono incidenti fuori lo stadio e il pullman della Lazio viene preso a sassate (ne fa le spese il team manager Manzini). La gara è tesa, il primo tempo vede la Lazio giocare meglio della Roma, ma il punteggio rimane fermo sullo 0 a 0. Ranieri ad inizio ripresa inserisce Menez e Vucinic e la mossa è azzeccata, perché al 52’ la Roma va in vantaggio con un rigore (fallo di mano di Radu) trasformato da Borriello. Pochi minuti dopo e la Lazio ottiene un rigore per un fallo di Juan su Zarate. Proteste dei biancocelesti per il colore del cartellino. Dal dischetto va Hernanes che trafigge Julio Sergio. Kozak spreca il goal del 2 a 1 e al minuto 76’ Fabio Simplicio ruba la palla a Radu e beffa l’incolpevole Berni, facendo esplodere la Sud. La Roma arriva fino in semifinale, dove viene eliminata dall’Inter.

26 MAGGIO 2013: ROMA-LAZIO 0-1 (FINALE): E’ la finale, la gara più attesa dalle due tifoserie e dalle due squadre, anche perché vale un trofeo, ed alzarlo davanti ai cugini è ancora più bello. Un motivo in più per vincere la Coppa Italia, è che la stessa regala anche un posto in Europa League. L’Olimpico è gremito in ordine di posto, la tensione si taglia con il coltello e alle ore 18 prende il via l'attesissima finale. La gara come prevedibile è avara di emozioni, ma la tensione in campo è tanta: Orsato è costretto ad estrarre otto cartellini gialli ed un rosso. Il momento topico del match arriva al minuto 71’. Candreva crossa dal versante destro, Lobont tocca solamente mettendo fuoritempo Marquinhos e ne approfitta Lulic che insacca, facendo esplodere la Nord. Andreazzoli si gioca il tutto per tutto, ma la Lazio non corre più rischi fino al 94’ quando esplode la festa biancoceleste e la disfatta dei giallorossi (poi contestati al rientro a Trigoria), che vede Mauri alzare la Coppa Italia nel cielo di Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.