Una sconfitta che vale, Milan adesso la reazione emotiva

Lazio-Milan porta via i 3 punti, ma deve lasciare intatta la convinzione

di Davide Simonetti

Ogni tanto può capitare che una sconfitta faccia meglio di una vittoria. Mentalmente le due cose vengono processate in egual misura, ma emotivamente la reazione che ne deriva è differente. La sconfitta contro la Lazio lascia in dote alla squadra un bagaglio di lezioni e "sofferenze" che, se utilizzate nel verso giusto", possono portare nel breve/medio periodo per accelerare qual processo di amalgama che tanto importante è ai fini degli obiettivi stagionali.

Se si avesse la fortuna di essere in Montella, la primissima cosa da fare sarebbe quella di lavorare sui comportamenti (prima che sugli errori tecnici) perché a ogni stimolo corrisponde una reazione, quindi sarebbe importante capire perché all'episodio del rigore questa sia stata di confusione anziché di tranquillità, per poi intervenire immediatamente sul comportamento non produttivo. Crediamo che la fortuna stia nell'avere in rosa gente che ha ricoperto spesso ruoli di primissimo ordine in passato (Biglia) e che abbia fatto parte di un gruppo vincente (Bonucci) che possano, con l'esempio, dare quella dimensione che possa in futuro evitare certi comportamenti.

La strada sarà lunga e tumultuosa, ma bisogna restare convinti che, come un cavallo di razza, la bontà del lavoro di questa estate si vedrà alla fine.