Profezie di sventura per il Milan dai grandi del proprio passato

Milan, cercavi fenomeni o dovevi rifare l'ossatura della squadra? Il parare dei grandi

di Franco Ordine

E sono tre, più uno. Tre firme autorevoli del calcio di qualche tempo fa. Tutti e tre hanno stroncato il mercato del Milan che sta suscitando una valanga di obiezioni dopo i fuochi d’artificio accesi nei giorni scorsi. Di chi si tratta? Fama e passato sono indiscutibili, la buona fede anche. Uno è Zorro Boban, milanismo mai rinnegato, anzi confessato in pubblico, ora vice-segretario Fifa, in passato non lesinò critiche e censure allo stesso Silvio Berlusconi per il quale conserva stima e riconoscenza. Abituato al mercato sontuoso della sua epoca, quello per intendersi con Papin Pallone d’oro riserva di Marco Van Basten Pallone d’oro, storce il muso dinanzi ai tanti arrivi. “Meglio concentrarsi su due-tre top player” la sua filosofia. Opinione pertinente. Sulla stessa lunghezza d’onda si sono esibiti poi Gianluca Vialli, volto Sky e infine Bobo Vieri che passa il tempo a registrare storie per Instagram.

A loro tre si è aggiunto, quasi fuori tempo massimo, Alberto Zaccheroni: “L’Inter attende di prendere i pezzi da novanta: credo arrivino pochi acquisti, ma buoni, anche perché la qualità di base nella rosa nerazzurra è già presente. Inoltre, l’Inter un direttore sportivo, Sabatini, che sa esattamente ciò che vuole Spalletti. Il progetto nerazzurro mi pare più centrato di quello del Milan”.

Può darsi che abbiano ragione loro quattro. Lo scopriremo solo vedendo il Milan nelle prossime settimane quando il calcio diventerà una cosa seria e non più chiacchiere e pronostici. Di certo l’impresa sulle spalle di Montella è di quelle che farebbero tremare i polsi persino a uno stagionato uomo di calcio come Carlo Ancelotti. Perché rimodellare il Milan con i sette nuovi arrivi che possono diventare anche nove o dieci, non sarà così semplice. Allora appuntamento a novembre quando tireremo le prime somme della prossima stagione. E capiremo se i tre profeti avranno azzeccato o ciccato la previsione.