Pioli-Vecchi, qui Milano, un fulmine a cielo poco sereno

Ordine da Nanchino: si faccia il ribaltone - Adesso Sabatini porterà Conte o Spalletti?

di Bettino Calcaterra

F.C. Internazionale Milano comunica di aver sollevato l'allenatore Stefano Pioli ed il suo staff tecnico dalla guida della prima squadra. L'Inter ringrazia Stefano ed i suoi collaboratori per la dedizione ed il duro lavoro svolto per il Club durante gli ultimi sei mesi di quella che si è rivelata una stagione difficile. L'attuale tecnico della Primavera, Stefano Vecchi, è stato incaricato della gestione della prima squadra con effetto immediato e per le tre partite stagionali ancora da giocare. La società inizierà fin da ora a lavorare in vista della prossima stagione sportiva.

Nulla, nella giornata interista, sembrava far presagire la clamorosa decisione. C’era stato, negli spogliatoi della Pinetina un duro richiamo all’ordine ai giocatori, da parte del Vicepresidente Javier Zanetti, del Direttore Sportivo Piero Ausilio e del Chief Football Administrator Giovanni Gardini. Discorso breve ma deciso soprattutto nei confronti dei giocatori, richiamati ad un atteggiamento decisamente più̀ "professionale" da qui a fine campionato.

Povero Pioli. "Non mollo" aveva sentenziato dopo la terza sconfitta di fila domenica scorsa a Genova, ma la fiducia ribadita due settimane fa da Zhang era solo di facciata. Da due mesi l’Inter non vinceva in campionato e l’allenatore ha pagato la striscia negativa di 2 pareggi e 5 sconfitte nelle ultime 7 partite e un rapporto logoro con lo spogliatoio che l’ha fatto fuori, come già era accaduto a fine ottobre con Frank De Boer. Il "ribaltone" è maturato poco prima di cena. Ordine telefonico da parte di Zhang Jindong e del figlio Steven direttamente da Nanchino. I dirigenti di Corso Vittorio Emanuele non hanno potuto che prenderne atto.

Riassumendo via Pioli e Stefano Vecchi in formato Caronte per tre partite (con Daniele Bernazzani alla Primavera). Il divorzio tra l'Inter e Pioli a fine stagione era certo, con Suning pronto a fare follie per portare sulla panchina nerazzurra l'attuale tecnico del Chelsea Antonio Conte. Ma la rivoluzione non finisce qui. Come responsabile dell’area sportiva di Suning, l’impero capace di fatturare 50 miliardi di euro all’anno, arriva Walter Sabatini. Sarà lui il nuovo coordinatore tecnico per il Jiangsu, la squadra cinese di Suning, ma sarà̀ il direttore anche di tutte le altre squadre, anche l’Inter, in cui a giugno dovrebbe arrivare pure Oriali nel ruolo di Club manager.

L’arrivo dell’ex d.s. della Roma - contratto rescisso nell’Ottobre scorso - avrà ripercussioni anche sul mondo Inter. In attesa di verificare come andrà la convivenza con Piero Ausilio, l’uomo mercato nerazzurro, fresco di rinnovo triennale, va ricordato che Sabatini - maestro delle plusvalenze, tra gli altri gli affari Benatia, Marquinhos e Lamela - è da sempre amico di Conte, nonché il dirigente che aveva riportato a Roma Spalletti. Non a caso i due più seri candidati per il dopo Pioli. L’ex Ct della Nazionale è il primo della lista. Già̀ contattato più̀ volte, gli è stato promesso un ingaggio in doppia cifra, un mercato sontuoso e una sorta di carta bianca nella gestione sportiva E’ iniziata la programmazione per il 2017-18, con i giocatori letteralmente sotto esame sia in allenamento che negli ultimi 270’ di campionato.