La strada del Milan è lastricata di troppe espulsioni

Sempre in dieci e sempre in trasferta: se non è cattiveria cos'altro è?

di Enrico Vitolo

Il rosso sarà anche di casa per il Milan, ma solo se abbinato al nero. Ed invece da qualche tempo si sta abbinando spesso e volentieri al giallo, che tradotto vuol dire doppio cartellino e quindi espulsione. Tante. Tantissime. Che stanno condizionando e non poco la squadra di Gennaro Gattuso. Dopo quella ricevuta da Calabria ad Udine nell’ultimo week-end, sono diventate addirittura 6 le occasioni nelle quali i rossoneri hanno dovuto chiudere la partita con un uomo in meno. Tutto è iniziato nel derby con l’Inter quando toccò a Calhanoglu lasciare anzitempo il rettangolo verde, poi stesso epilogo per Bonucci contro il Genoa. Dopo qualche settimana di relativa tranquillità, il problema è diventato reale a Benevento quando il protagonista involontario fu Romagnoli. Dopodiché è toccato a Suso a Verona e Rodriguez a Cagliari. Ciò vuol dire quattro espulsioni nelle ultime cinque trasferte. Non proprio quello che serve per riuscire a tentare in classifica una rimonta che avrebbe del clamoroso.

Intanto il dato rossonero è tristemente il peggiore della serie A (a quota 5 ci sono Cagliari e Verona), ma questo non deve essere l’unico spunto a dover far riflettere mister Gattuso. Con 330 falli commessi in 23 giornate il Milan, insieme al Torino, è la quarta squadra più fallosa del campionato (400 per il Cagliari, 361 per il Genoa e 337 per l’Udinese). Tutto vero. Nessun errore. Una statistica che può essere definita quasi sorprendente ricordando soprattutto la squadra della prima parte di stagione. Con 45 falli Kessie è il rossonero più cattivo, dietro di lui c’è Kalinic con 32 che vuol dire 2.14 a partita e media in assoluto più alta tra tutti i calciatori presenti in organico. A seguire, poi, Rodriguez con 26, Romagnoli con 25, Biglia con 24 e Suso con 20. Ora, però, è necessario un cambio di rotta. Immediato. Anche perché al Milan il rosso piace sole se vicino al nero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.