MILANO

Derby di mercato: Nainggolan fra Inter e Milan 25 Maggio 15:48

L’Inter ha iniziato a capire i contorni economici dell'operazione Nainggolan. I nerazzurri non giocano la Champions e nemmeno in Europa, ma avranno uno Spalletti in più e hanno in Sabatini un prezioso alleato che conosce benissimo Nainngolan e il suo procuratore (oltre che le dinamiche della Roma). Insomma il derby è iniziato e l’Inter ora pare in vantaggio. Anche se prima dovrà mettere a posto il discorso allenatore, con Spalletti appunto.

Aria di derby su Spalletti: Salvini la spara grossa 24 Maggio 17:11

Dopo il recente botta e risposta a distanza tra Salvini e Spalletti, il leader della Lega Nord è tornato a parlare del tecnico giallorosso, molto vicino a diventare il prossimo allenatore dell’Inter. Queste le sue parole a Radio 24: “Spalletti in confronto a Totti è un microbo, cosa vuoi me ne freghi di lui a Milano. E’ un perdente, tra lui e Totti scelgo sempre Totti”.

Inter, attacco: Izquierdo, idea dal Bruges? 23 Maggio 11:31

Il Calciomercato dell'Inter è alla ricerca di un attaccante, per andare a rinforzare il reparto offensivo, anche in vista del prossimo addio di Rodrigo Palacio. Il calciatore argentino, infatti, ha fatto sapere che, al termine di questa stagione, lascerà i nerazzurri. Con il futuro incerto di Gabigol e la sola presenza in attacco di Capitan Mauro Icardi e di Eder, il reparto è da rinforzare. I nerazzurri non hanno intenzione di stare con le mani in mano e, per il calciomercato di giugno, hanno già pensato ad un possibile nuovo approdo. Il suo nome potrebbe risultare nuovo alle orecchie dei calciofili: si tratta di José Izquierdo, un attaccante nativo della Colombia appartenente alla classe 1992. Attualmente si trova in forza al Club Bruges, in Belgio. La news di mercato, che riguarda da vicino l'Inter, è stata ripostata da Het Laatst Niuws. Per adesso il calciatore non ha ancora rinnovato il suo contratto che lo lega al club belga: per questo motivo, il suo futuro potrebbe essere davvero altrove. E perché non a Milano? Negli ultimi tempi il colombiano è stato costretto a stare fuori dai campi di gioco per un brutto infortunio, ma è comunque pronto a rientrare a breve. siparte da una valutazione di 15 milioni di euro.

Nanchino: Inter sì, Milan no, cambia l'avversario 22 Maggio 14:06

Battuta la Lazio 3-1 a Roma, l'Inter "incassa" un chiarimento ufficiale sulla propria estate e in particolare sull’organizzazione dell’International Champions Cup (ICC) ha scritto un comunicato ufficiale nel quale spiega cosa accadrà durante il torneo: “Visto il raggiungimento dell’EL da parte del club rossonero, non potrà partecipare al derby previsto per il 24 luglio a Nanchino e restano confermate le partite che si giocheranno in Cina contro Borussia Dortmund il 18 luglio e contro il Bayern il 22 luglio“. Poi i rossoneri torneranno in Italia nella stessa notte. Intanto si sta cercando un’avversaria “di qualità” per garantire all’Inter la partita di Nanchino, la patria di Suning, del 24 luglio e le prevendite per la partita saranno comunque in vendita dal 30 maggio come previsto. “Gli organizzatori ringraziano i tifosi del Milan per la loro passione e vogliono vedere il club rossonero all’opera nelle date confermate. I tifosi dell’Inter si preparano a vedere la squadra nella loro casa cinese contro una squadra europea che verrà presto nominata“.

Inter, Gabigol silenzioso in gruppo e polemico sui social 21 Maggio 10:02

"Molti parlano, pochi sanno". È il tweet enigmatico, forse polemico di Gabriel Barbosa, alla vigilia della partita contro la Lazio all'Olimpico. Contro i biancocelesti, senza Icardi infortunato, Gabigol avrà forse una chance a partita in corso ma non scenderà in campo da titolare. L'attaccante brasiliano, arrivato all'Inter dal Santos per oltre 40 milioni di euro, non ha mai giocato una partita di campionato dal primo minuto e potrebbe essere ceduto in prestito nel mercato estivo. Un'operazione che lascia non pochi dubbi e che scatena le polemiche dei tifosi sui social come allo stadio. Tanto che, contro il Sassuolo, il pubblico presente a San Siro lo ha invocato per dieci minuti e Vecchi, cedendo alla pressione, lo ha schierato in campo.

Ecco il tanto atteso curriculum di Yonghong Li 18 Maggio 11:20

Tutto è stato reso noto oggi, in occasione dell'assemblea dei soci del Milan. Yonghong Li è nato nella provincia di Guangdong, Cina nel 1969. Dal 1994 ha ricoperto svariate posizioni dirigenziali in diverse società di vari settori , tra cui veicoli ad energia rinnovabile, servizi finanziari e sport, sui quali attualmente concentra i propri investimenti. Si è occupato per molti anni di investimenti sul mercato finanziario. Ha una grande esperienza nell'individuare potenziali target di acquisizioni e nell'incrementare il valore delle aziende tramite l'acquisizione e l'integrazione. E' il socio di maggioranza della Guizhou Fuquan Group, proprietaria della più grande miniera di fosforo cinese. Il Gruppo si occupa principalmente di estrazione, lavorazione e vendita di prodotti di fosforo. E' stata premiata come "China Top Brand" e "Product Exempted from Quality Surveillance Inspection". La miniera ha una riserva di circa 200 milioni di tonnellate e una produzione di approssimativamente 3 milioni di tonnellate all'anno.

Altre esperienze professionali:

2011-2015: Presidente della Duolun Investment (Hong Kong) Ltd, azionista di maggioranza della società quotata Duolun Inc.

1997-2005: Amministratore e Direttore Generale della Chongqing Alpu Technology Co., Ltd.

1994-1997: Amministratore e Direttore Generale della Hong Kong Anshun Corporation Limited.

Kessie-Milan, ormai sembra proprio tutto fatto 17 Maggio 11:16

Sembra proprio giunta al traguardo l'operazione che può portare Franck Kessie a vestire la maglia del Milan. Le basi dell'accordo tra Atalanta e Milan e club rossonero e giocatore erano già state impostate prima del match di sabato scorso ed ogni momento, da ora, sarà quello buono per le firme. Il centrocampista ivoriano classe '96 ha già scelto il rossonero, con i club giunti alla medesima conclusione: all'Atalanta andranno 28 milioni di euro, bonus compresi, mentre al giocatore 2,5 milioni (comprensivi di ogni bonus) per 5 anni. Il Milan ha, così, superato la concorrenza della Roma.

Inter-Conte: apertura decisa da parte di Zhang 16 Maggio 12:37

"Conte o altri? Ogni idea è possibile. Un allenatore è importante per una squadra, così come i giusti giocatori. Come in un'azienda, devi trovare i giusti impiegati. C'è bisogno di giocatori, persone, management che abbiano a cuore la società e che giochino per il club con il cuore e con lo spirito": lo ha detto Steven Zhang, figlio del proprietario dell'Inter Zhang Jindong, in un'intervista con la Cnbc. "Non è giusto pensare alla prossima stagione - ha aggiunto - ma a dove sarà il club tra due, cinque, dieci anni". Zhang jr ha ammesso poi che la gestione dell'Inter è per lui "una grande responsabilità" e ha chiesto ai tifosi di avere "pazienza e fiducia nel club". "Faremo del nostro meglio passo dopo passo - ha continuato - Non si possono cambiare le cose in un mese. Quando si parla di rinnovamento, non si parla solo di soldi ma anche di strategia. Il calcio in Europa è come una religione, la gente è pazza per il calcio. Per Suning il calcio diventa anche una porta per aprirsi a nuove realtà, nuovi scambi, nuove culture".

Accuse all'Inter: Gagliardini smentisce 12 Maggio 17:18

"Non mi permetterei mai di parlare delle cose di casa mia. E la mia casa è l'Inter. Ho troppo rispetto per lo spogliatoio, i miei compagni, lo staff precedente, quello attuale e la mia dirigenza per pensare e dire falsità come quelle riportate nelle scorse ore. La mia concentrazione va solo a questo finale di stagione per uscire da un momento difficile, poi guardare al futuro. Uniti, insieme per l'Inter". Così il centrocampista nerazzurro Roberto Gagliardini ha voluto smentire le notizie di stampa, circolate nelle scorse ore, secondo le quali avrebbe duramente criticato i dirigenti e i compagni di squadra.

Derby milanese Europa League: il Milan ci tiene 10 Maggio 15:36

di Carmelo Catania

Per diversi mesi i tifosi rossoneri hanno potuto rigustare certe emozioni che con il tempo si erano assopite. Merito di Vincenzo Montella e dei suoi ragazzi che hanno riavvicinato il pubblico di San Siro dopo anni di delusioni.

La rimontona contro il Sassuolo, la doppia vittoria contro la Juventus, l’impresa di Bologna e il pareggio in extremis nel derby sono solo alcune delle gioie che la squadra rossonera ha regalato in questa stagione ai suoi tifosi. Ma proprio il pareggio nel derby rischia di essere il canto del cigno di una squadra che sembra aver dato tutto e che si è ritrovata tutto ad un tratto con serbatoio vuoto. Ma come spesso accade, ci si dimentica presto del passato ricordando solo il presente. E questo amaro finale di stagione, nella testa dei tifosi, rischia di vanificare e cancellare quanto di buono fatto nei mesi precedenti.

Due punti nelle ultime quattro partite, una corsa al sesto posto al rallentatore ed una squadra che per molti è totalmente da rifondare. L’allenatore è finito sul banco degli imputati e i giocatori si sono trasformati in pippe. Se ne salvano solo 4-5, questo è il giudizio del web. Dispiace purtroppo non rendere merito a dei ragazzi che per lunghi tratti hanno fatto emozionare e forse illudere, ma il tempo non perdona. I tifosi non perdonano. Per il Milan resta una Europa League da difendere e conquistare, per terminare degnamente la stagione chiudendo davanti ai cugini nerazzurri.

Poi si farà spazio al mercato e alla nuova società e tra qualche mese, forse, questo finale di stagione verrà dimenticato e il giudizio muterà nuovamente. Una Supercoppa e una qualificazione in Europa non sono poi da buttare….

Brutta sconfitta Milan, ma l'Europa League vale 12 milioni...8 Maggio 12:38

Anche dopo Milan-Roma 1-4, in molti si sono domandati se conviene, dal punto di vista economico, conquistare i preliminari di Europa League e rinunciare quindi alla tournée estiva che porterebbe nelle casse del club di via Aldo Rossi circa 2,5 milioni di euro. Oggi l’Europa League premia ciascuna partecipante alla fase a gironi con 2,6 milioni di euro, in aggiunta ai quali le squadre possono incassare 360mila euro a vittoria e 120mila euro a pareggio. Il passaggio del turno come seconda del girone vale altri 300mila euro, come prima invece vale 600mila euro. Accedendo poi ai sedicesimi si ricevono altri 500mila euro, agli ottavi 750mila euro, ai quarti 1 milione, in semifinale 1,6 milioni, mentre la finalista perdente incassa 3,5 milioni e chi alza la coppa 6,5 milioni. Complessivamente, quindi, chi arriva fino in fondo può ricevere al massimo 15,71 milioni di euro, senza contare la quota per il market pool. Per quanto riguarda invece proprio il market pool, ipotizzando che la vincitrice della Coppa Italia non si qualifichi all’Europa League (ovverossia che la Lazio non alzi il trofeo), la prima parte verrebbe distribuita in parti uguali tra le tre partecipanti, circa 5,2 milioni di euro. A tutto ciò, va poi aggiunto ovviamente quanto un club ottiene dallo stadio e dai ricavi del botteghino: per ipotizzare una cifra, la Roma in questa stagione nelle 3 gare della fase a gironi ha incassato 5,8 milioni dai biglietti, con una media di 14.500 spettatori circa a partita. Provando a riassumere, una partecipazione all’Europa League può valere circa 11/12 milioni di euro solo dal bonus qualificazione, market pool e biglietteria, a cui vanno aggiunti gli eventuali premi leagati ai risultati.

L'Inter perde a Genova e stanno tornano Ranocchia e Jovetic...8 Maggio 12:35

Le cattive notizie per l'Inter non arrivano solo dalla sconfitta di Marassi, ma anche pensando al prossimo calciomercato. sSno sorti alcuni problemi legati a due giocatori che attualmente sono in prestito con diritto di riscatto e che l'Inter era convinta di cedere prima di giugno, ricavandone anche un bel gruzzoletto. Stiamo parlando di Stevan Jovetic e Andrea Ranocchia, il primo è in prestito al Siviglia e la squadra spagnola ha un diritto di riscatto fissato a 14 milioni, l'ottimo avvio del montenegrino aveva fatto sperare la dirigenza Interista di incassare facilmente questi 14 milioni di euro ma adesso le carte in tavola sono cambiate. Jovetic dopo aver segnato contro il Real Madrid nelle due prime apparizioni con la maglia del Siviglia si è un po' perso e finora il suo bilancio parla di 4 gol e 4 assist in 19 presenze. L'altro giocatore che l'Inter era convinta di riuscire a cedere è invece, come detto, Andrea Ranocchia, il difensore è in prestito in Inghilterra all'Hull City che ha un diritto di riscatto intorno ai 10 milioni di euro. L'italiano si è ben comportato con gli inglesi, tanto da convincerli a puntare su di lui, ma qui il problema è legato alla probabile retrocessione degli inglesi visto che occupano il terz'ultimo posto in classifica a tre giornate dal termine. Un'eventuale retrocessione non permetterebbe agli inglesi di investire i 10 milioni di euro necessari al riscatto di Ranocchia.

Genoa-Inter: 24 i convocati di Pioli per Marassi 6 Maggio 17:54

La squadra di Pioli si troverà di fronte a Marassi un Genoa ferito dagli ultimi risultati e che ha bisogno di punti per non vivere le ultime giornate di campionato con l’incubo retrocessione. Sono 24 i convocati dall’allenatore nerazzurro. Ecco l’elenco completo:

Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni, 97 Radu;

Difensori: 2 Andreolli, 17 Medel, 20 Sainsbury, 21 Santon, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 94 Yao;

Centrocampisti: 5 Gagliardini, 6 Joao Mario, 7 Kondogbia, 19 Banega, 77 Brozovic;

Attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 11 Biabiany, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva, 96 Barbosa, 99 Pinamonti.

Milan, non arriverà ma i tifosi lo vogliono: Gallo Belotti 5 Maggio 13:57

di Carmelo Catania

#BelottiMilan, perché si. Si fa un gran parlare in queste settimane del nuovo possibile attaccante del Milan. Ma mentre Mirabelli e Fassone sono al lavoro per trovare un grande numero 9 da regalare a Vincenzo Montella, i tifosi del Milan sembrano aver già scelto. Il nome è sempre quello del Gallo Andrea Belotti.

Ma perché proprio Belotti? Perchè innanzitutto i numeri parlano per lui. Andrea Belotti è attualmente il capocannoniere della Serie A, davanti a dei mostri come Higuain, Icardi e Dzeko, con 25 gol in 31 presenze.

Perché l’attaccante granata ha fame e tanta voglia. Requisiti essenziali per il nuovo Milan.

Perché è un classe 1993 (23 anni).

Perché è italiano.

Perché è milanista. Si, il gallo ha il cuore rossonero. Un passato da tifoso del Milan è un idolo come Shevchenko.

Insomma, Belotti è l’attaccante perfetto per il nuovo Milan che verrà. Un Milan dall’ossatura italiana (Donnarumma-Romagnoli-Bonaventura-Belotti?), con tanta fame e tanta voglia di tornare nell’elitè del calcio europeo. Prima dai sobborghi dell’Europa attraverso l’Europa League, per poi entrare dalla porta principale dalla stagione 2018/2019.

#BelottiMilan è un matrimonio che si deve fare. Toro permettendo…

Aprile da derby: i tifosi del Milan incoronano Zapata 4 Maggio 14:36

l gol di Cristian Zapata nel derby milanese al 97' è stato nominato dai tifosi del Milan sui canali ufficiali del club come miglior gol del mese di aprile. Il centrale colombiano ha rilasciato un breve commento a Milan TV: "Sono molto contento di aver segnato in un derby così sentito. Ho visto la palla e mi sono buttato pensando solo a farla entrare. Penso che fino all'ultimo siamo stati capaci di pareggiare perchè ci credevamo tutti. Speriamo di fare molto presto un altro gol".

Dopo il gol del Napoli: Nagatomo pretende rispetto 2 Maggio 16:24

Un suo errore è costato la sconfitta dell'Inter contro il Napoli e ha fatto sì che i tifosi si accanissero contro di lui. Parliamo del terzino giapponese, Yuto Nagatomo, che domenica ha regalato a Josè Maria Callejon la palla della vittoria che lo spagnolo ha dovuto solo appoggiarlo in rete. Un gesto tecnico che ha fatto perdere la pazienza ai supporters nerazzurri, che erano già adirati per i risultati disastrosi conseguiti dalla propria squadra nell'ultimo mese e mezzo. Quella contro i partenopei, in particolar modo, è stata un'insufficienza grave visto che, come detto prima, il suo errore è costato il match ai nerazzurri. Sul web ci sono stati vari sfottò ma la cosa grave sono stati gli insulti che hanno colpito il terzino giapponese che, sui propri profili social, è sbottato con il seguente post: "In Italia, se uno fa bene è elogiato come un Dio, se fa male viene criticato e offeso come un criminale. Non c’è morale, non c’è rispetto. Sono orgoglioso di lavorare in un ambiente duro, in cui solo pochi riescono a farcela. Io sono qui da sette anni. E comunque tutto questo mi dà forza per guardare avanti e al futuro”.

Verso Inter-Napoli, parziale interruzione del ritiro 27 Aprile 15:55

Qualche ora libera in vista della sfida di domenica sera a San Siro contro il Napoli. E’ quanto ha deciso di concedere ai giocatori Stefano Pioli, in accordo con la società. Ecco la nota ufficiale: “In accordo con il Club, il tecnico dell’Inter Stefano Pioli ha concesso ai giocatori qualche ora da trascorrere con le famiglie nel pomeriggio dopo l’intenso lavoro dei primi due giorni di ritiro".

Crisi Inter, si rafforzano i poteri di Ausilio 26 Aprile 14:33

Piero Ausilio ha avuto maggiori poteri all'Inter dopo il suo rinnovo contrattuale, come si evince dal discorso alla squadra con certi toni dopo la sconfitta contro la Fiorentina. L’Inter si sta riorganizzando perché non c’è un’organigramma chiaro. Steven Zhang lavora su questo: diversi colloqui per un nuovo ad e Gardini è in attesa di capire se gli verrà rinnovato il contratto in scadenza al termine di questa stagione. Al momento il vice presidente Zanetti non ha potere esecutivi e quindi servirà qualcuno che abbia maggiori poteri.

Jardim all'Inter? Intanto Zhang sgrida i giocatori 24 Aprile 19:49

Il tonfo casalingo del Milan ha attutito l'effetto della sonora sconfitta dell'Inter a Firenze, ma mentre Pioli è sempre più in bilico già nell'immediato, la società nerazzurra sgrida i giocatori con un comunicato ufficiale. Suning è peraltro alle prese con una crisi anche in casa Jiangsu. Perché in quattro partite di campionato è arrivato solo un punto e c’è chi parla del possibile esonero dell’allenatore. Secondo altre fonti invece al momento non è previsto un ribaltone in seno al club cinese. A Milano, invece, la rosa nerazzurra è stata richiamata alle sue responsabilità, mentre si fa strada il nome dell'allenatore del Monaco semifiinalista di Champions LEague, Jardim, per il futuro interista.

Stefano Pioli rialza la testa dopo il pareggio nel derby 20 Aprile 16:41

Dopo il pareggio a tempo scaduto subito col Milan, l’Inter tornerà in campo sabato sera contro la Fiorentina al Franchi per cercare una vittoria che manca ormai da quattro partite. A due giorni dalla sfida contro i viola, il tecnico Pioli ha tenuto la conferenza stampa ad Appiano Gentile, ecco le sue parole: "Il giorno dopo il derby si è lavorato per togliere l’amaro dalla bocca. Dobbiamo mettere in campo prestazioni che ci appartengono e tornare alla vittoria. Ho rivisto tante volte la fine del derby, dobbiamo prendere coscienza di cosa non ha funzionato. La gestione della palla e le palle inattive hanno condizionato il risultato finale. In questo momento è importante fare le cose ne miglior modo possibile e schierare la formazione migliore, dobbiamo tornare a vincere e recuperare posizioni. Sono sei mesi che rincorriamo, siamo vicini e abbiamo le qualità per fare bene. Credo che il derby sia stata una situazione particolare dove diventa difficile trovare delle cose che ci sono mancate se non maggiore attenzione su due palle inattive. Chi ha giocato ha dato il massimo, dovevamo gestire meglio alcune ripartenze. Abbiamo commesso errori che non facevamo e ora le prestazioni devono tornare più complete. Gabigol? Ho tante soluzioni e quando faccio le scelte dò forza ad alcuni e penalizzo altri. Ho fatto scelte forzate per via di infortuni, altre per mie scelte. Tutti devono lavorare con entusiasmo e positività, perché il loro dovere è farsi trovare pronti quando verranno chiamati in causa”.

Inter, se arriva Berardi, va in prestito Gabigol 19 Aprile 13:04

L'Inter punta forte su calciatori italiani forti e di prospettiva; tra questi c'è ovviamente il calabrese Domenico Berardi, che nonostante non stia disputando la migliore delle sue stagioni nella massima serie, ha più volte dimostrato di avere grande talento e di essere in grado di fare la differenza. Il ragazzo, attualmente veste la maglia neroverde, ma la Juventus vanta sul ragazzo un diritto di prelazione. L'attaccante non ha mai nascosto la sua fede nerazzurra, e la cosa potrebbe favorire il suo passaggio alla squadra nerazzurra. Potrebbe esserci un doppio scambio tra la società che fa capo a Squinzi e l'Inter di Zhang Jondong. Il doppio scambio prevederebbe il passaggio di Ranocchia (ora in prestito all'Hull City) in neroverde, l'arrivo a Milano dell'ex rossonero Acerbi; ed il trasferimento di Caprari (di proprietà dell'Inter ma parcheggiato al Pescara) in Emilia Romagna per Berardi. Tra i due club, quindi, si starebbe stabilendo una sorta di asse di mercato che potrebbe anche portare Gabigol a vestire la maglia del Sassuolo. A proposito del brasiliano, l'altra opzione il "parcheggio" a Bergamo, dove con l'Atalanta potrebbe trovare grande continuità e fare esperienza anche in Europa, soprattutto in caso di qualificazione degli orobici all'Europa League.

Icardi: dopo il pareggio nel derby, le parole di Maxi Lopez 18 Aprile 12:26

Maxi Lopez, dopo il caso mediatico scoppiato per la foto con Messi e Mascherano, per molti in Argentina fatta per inviare un messaggio al nuovo ct contro Icardi, è voluto intervenire ai microfoni di TycSports per chiarire la situazione: “La foto l’avevamo solo io e Wanda, nessun altro. Io parlo poco e questo mi gioca sempre contro. Questa cosa della foto è stata fatta in malafede, sono dovuto intervenire perché stava danneggiando i miei amici. Ed è ingiusto, erano quasi 10 anni che non parlavo con Messi e Mascherano. Io credo che ci sia un secondo motivo per cui Icardi non è in Nazionale, al di là del rendimento. Il calcio è molto geloso quando tu hai un’esposizione mediatica così alta per motivi che non c’entrano niente con il campo. Vieni criticato perché sei protagonista non in campo. Il calcio ha certi codici e quando uno sbaglia, paga".

Il pepe di Pioli e Montella sul derby del 2-2 di San Siro 16 Aprile 00:16

Prima il presidente Lì Yonghong fa festa negli spogliatoi e riceve la maglia del "goleador" Zapata in regalo, poi inizia il roadshow di Montella: "Troppo recupero? Beh, negli ultimi 20 minuti loro hanno perso troppo tempo, non da Inter. All'andata? Li avevo pizzicati un po', ma adesso ho capito cosa si prova a pareggiare un derby nel tempo di recupero". Dichiarazioni che non sono passate inosservate. L'allenatore interista ha rimandato al mittente le critiche per le sostituzioni ma perde l'aplomb quando gli viene riferito che Montella ha polemizzato per la perdita di tempo dei nerazzurri: "Parla troppo spesso degli avversari. Noi siamo l'Inter abbiamo certi valori che sono quelli di vincere con qualità e rispetto". E' l'unico momento in cui Pioli perde serenità. In conferenza stampa sorride ironico quando gli viene chiesto se abbia pensato alle dimissioni e se si senta responsabile del crollo dei nerazzurri: "Le responsabilità me le prendo sempre, anche oggi. Con un pizzico d'attenzione avremmo conquistato una vittoria importante. Ma dalla fine della partita ho pensato solo a come rilanciare la squadra. Si parla troppo del mio futuro, non sono preoccupato. Oggi ci prendiamo una bella delusione, ma l'unico risultato sarà quello di fine campionato".

Closing? Fatto! Il Milan non è più di Berlusconi 13 Aprile 11:41

Il closing è stato firmato, lo stesso Adriano Gallliani ha disimpegnato la sua firma come Vicepresidente vicario del Milan. L'era Berlusconi iniziata il 20 Febbraio 1986, si è conclusa il 13 Aprile 2017. Oltre 31 anni di vita rossonera, alla quale sia Berlusconi che Galliani rinunciano con grande dispiiacere. Ma per i tifosi del Milan inizia con entusiasmo una nuova avventura. La campagna acquisti estiva del Milan sarà di alto livello e la squadra rossonera punterà ad uno dei primi 4 posti in Campionato per tornare in Champions League.

Milan, venerdì alle 11.00 la conferenza stampa cinese 12 Aprile 12:06

Venerdì alle 11 la nuova proprietà Cinese del Milan si presenterà in conferenza stampa. Intanto nella giornata di oggi David Han Li ha raggiunto, da pochi istanti, l'hotel nel quale si trova Yonghong Li sbarcato alle 7.20 del mattino a Malpensa. I due, al volo, hanno organizzato un incontro nel quale discuteranno degli ultimi dettagli in vista delle giornate di domani e venerdì oltre alla possibilità di alcuni spostamenti odierni in quel di Milano.

Milano e il derby, una città in fibrillazione 11 Aprile 14:16

Una città intera attende questo giorno, la Stracittadina, il derby tra Inter e Milan. Lo Stadio di San Siro si tingerà a festa per la sentitissima sfida di Milano, uno scontro che va oltre ogni logica di classifica e che rappresenta l’essenza del tifo nel capoluogo meneghini. Potrebbe essere davvero il primo derby di Yonghong Li, le due squadre dunque in mano ai cinesi, le formazioni sono in lotta solo per un posto in Europa League (e nulla più) ma il fascino di Inter-Milan è sempre lo stesso. Eccezionalmente il derby di ritorno, valido per la 32esima giornata della Serie A 2017, si giocherà alle 12.30 del sabato che precede Pasqua. Una scelta di calendario che ha fatto tanto discutere, adottata per garantire il match in prima serata in Cina con un introito economico alle stelle.

Mancini sull'Inter: non tutti i dirigenti sono validi...10 Aprile 16:44

Roberto Mancini, intervistato da Sky Sport, ha commentato il suo addio all’Inter e il momento dei nerazzurri: “Gli allenatori sono quelli che pagano per primi quando le cose non vanno bene: ma la squadra devo farla io. Non può farla chi viene dall’altra parte del mondo o chi non c’entra nulla col club. La squadra la faccio io e se le cose non vanno bene pago io; ma questo credo sia il pensiero di tutti gli allenatori. Se mi sono sentito maltrattato? No, perché è stata una mia decisione. Purtroppo io ero nel mezzo del caos che c’è stato tra luglio e agosto: ho preso la decisione, ma non a cuor leggero. Mi è dispiaciuto molto perché quando torni in un posto in cui hai già vinto speri di farlo di nuovo. Ma ci vuole del tempo e quando si pensa di aver fatto il peggior risultato del mondo, è lì che si mettono le basi per vincere. Penso che l’Inter sia un’ottima squadra: ha ottimi giocatori, non so se ottimi dirigenti, dobbiamo vedere di chi parliamo. A volte nel caos societario anche i dirigenti si devono adattare”.

Galliani ad Arcore per la settimana Closing-Milan 10 Aprile 16:28

Il classico incontro del lunedì, con il pranzo in tra Berlusconi e tutti i suoi uomini più fidati. Galliani incluso, ha avuto oggi un sapore particolare. Potrebbe essere stato l'ultimo con la proprietà del Milan fra le disponibilità di Silvio Berlusconi. Infatti sono attesi i cinesi tra domani e mercoledì, così come il doppio bonifico di 180 milioni di Elliott e 190 del gruppo di Yonghong Li, che si presenterà a Milano nei prossimi giorni.

Milan, tante offerte per Sead Kolasinac 6 Aprile 15:07

Prima la Juventus, poi il Milan. Sead Kolasinac sembrava ormai destinato a sbarcare in Italia al termine della stagione, quando scadrà il suo contratto con lo Schalke 04. I rossoneri, infatti, dopo il lungo corteggiamento juventino erano balzati in pole e sembravano ormai vicini all'accordo. A complicare i piani milanisti, però, ci pensano i club inglesi, che comunque non hanno mai del tutto mollato la presa e, ora, starebbero cercando il sorpasso. In particolare, secondo 'A Bola', dopo l'Everton anche il Tottenham si sarebbe mosso con un'offerta molto importante per avere il difensore bosniaco che si libererà dal club tedesco a zero.

Panchina: Pioli? Tronchetti vota Antonio Conte 6 Aprile 15:02

Tra Conte e Pioli Tronchetti Provera non ha dubbi. L'amministratore delegato di Pirelli, a margine di un evento di Assolombarda, parla del calciomercato Inter e del futuro della panchina nerazzurra. Inevitabile un accenno ad Antonio Conte, sogno di calciomercato del Suning per il futuro della squadra: "E' un grande allenatore. Le scelte in questo campo però le fa la società e nessuno deve interferire". Diverso, invece, il giudizio espresso su Pioli: "E' un bravo allenatore. Spero vada tutto bene e che gli ultimi siano soltanto incidenti di percorso e la squadra di consolidi".

Inter-Samp 1-2 e c'è anche il caso Gabigol 4 Aprile 11:54

La sfida contro la Sampdoria ha generato molta delusione nei quasi 50.000 spettatori di San Siro e in tutto il popolo nerazzurro. La delusione però è un sentimento che ha coinvolto anche chi si trovava in panchina. Secondo quanto riportato da "Premium Sport" infatti, Gabigol non avrebbe preso affatto bene la scelta di inserire Joao Mario - come ultimo cambio al 78′ - al punto da scalciare una bottiglietta vicino alla panchina e buttare la pettorina per terra. Il calciatore brasiliano è stanco di non essere preso in considerazione da Pioli e ritiene di meritare maggiore considerazione dal tecnico della Beneamata. Dopo il gol realizzato contro il Bologna infatti - rete che è valsa i tre punti per l'Inter - l'attaccante brasiliano è scomparso dai radar, non mettendo quasi mai piede in campo nelle restanti uscite della squadra nerazzurra. Dunque la gestione di Gabigol rappresenterà un ulteriore problema per Stefano Pioli, ora sprofondato al sesto posto, a tre punti dall'Atalanta di Gasperini.

Dopo la Cina, Piero Ausilio torna a Milano 3 Aprile 11:14

Proprio in queste ore il direttore sportivo dell'Inter, Piero Ausilio, sarebbe di ritorno dalla Cina dove avrebbe incontrato i vertici di Suning per concordare le future mosse del club di corso Vittorio Emanuele.Zhang Jindong avrebbe ribadito ad Ausilio la volontà di investire ingenti somme di denaro, tra i 150 e i 200 milioni di euro, per cercare di colmare il gap con la Juventus e tornare a competere per la conquista del campionato già a partire dalla prossima stagione. Gli obiettivi del calciomercato nerazzurro sono Manolas e de Vrij, con la ferrea volontà di blindare in maniera definitiva il reparto arretrato, dedicandosi poi ad un grande colpo in attacco: in tal caso, il sogno di Zhang continua ad essere Alexis Sanchez, con il calciatore cileno che viene considerato la spalla ideale di Mauro Icardi. I tifosi nerazzurri quindi sono autorizzati a sognare: Suning vuole riportare l'Inter ai vertici del calcio italiano

Pioli: Non sono infastidito dalle voci su Conte 2 Aprile 12:20

Alla domanda sulla sua reazione ai rumors di mercato su Conte all'Inter, il tecnico nerazzurro Stefano Pioli ha risposto così: "No, assolutamente non mi infastidiscono. Fanno parte del gioco e credo che troppe volte si parli dello stesso sport ma con obiettivi diversi. Il vostro obiettivo adesso è parlare del futuro ed essere poco concentrati sul presente, il mio è tutt’altro. Sono concentrato sul presente per fare il meglio possibile, per dare il massimo quest’anno e costruire una base solida per il futuro”.

Conte-Oriali in coppia, dalla Nazionale all'Inter 1 Aprile 09:11

Dopo essersi lasciato male con gli Agnelli, l’idea di essere l’uomo che interrompe l’egemonia juventina sembra stuzzicare molto Antonio Conte. Che all’Inter porrebbe anche una condizione imprescindibile. Portare con sé Lele Oriali, compagno prezioso durante l’esperienza in Nazionale.

Closing, le date Milan adesso diventano 9 e 13 Aprile 1 Aprile 09:09

Le ultime notizie sul closing rossonero riferiscono della possibilità che le firme per la cessione del Milan a Yonghong Li vengano poste il 13 aprile, invece che il 14. La prossima settimana sarà fondamentale per definire anche questo aspetto, visto che sono in programma una serie di passi fondamentali, tra questi l’arrivo in Italia del braccio destro di Mister Li, David Han, prevista per domenica 9 aprile. La sua presenza servirà per completare una serie di questioni.

Milan, prende corpo il programma del 14 Aprile 30 Marzo 16:28

E' partita per l'ennesima volta la macchina organizzativa del closing e si farà tutto da ora di pranzo in poi. Il programma ufficioso dice che si dovrebbe partire da Arcore verso ora di pranzo dove verranno simbolicamente apposte le firme sul contratto di cessione del Milan, poi si andrà a Casa Milan per l'assemblea dei soci, che è stata convocata dal notaio Roveda e non da Galliani come accade di solito. Ho chiesto a chi di dovere spiegazioni e mi hanno spiegato che, siccome Galliani sarà consigliere dimissionario perchè verrà destituito l'attuale CdA e quindi non ci saranno più nè lui nè Barbara Berlusconi, molto probabilmente l'attuale ad per la parte sportiva non sarà presente quel giorno. Alle 16.30 poi ci sarà il nuovo atto della nuova proprietà con la conferenza stampa e poi il nuovo CdA per dividersi deleghe e competenze. In chiusura, nel tardo pomeriggio, la nuova proprietà sbarcherà poi a Milanello per incontrare la squadra alla vigilia di un derby molto atteso.

Inter, soddisfazione Gagliardini per l'esordio azzurro 29 Marzo 14:47

"Un altro 'piccolo' traguardo raggiunto. Gioia immensa ed emozioni uniche". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini ha festeggiato su Instagram l'esordio con la Nazionale, pubblicando una foto che lo ritrae in campo vicino ad un ex campione nerazzurro: Wesley Sneijder. Ieri Gagliardini ha debuttato in azzurro al 37' del secondo tempo dell'amichevole contro l'Olanda. Ora torna ad Appiano Gentile e inizierà la preparazione alla partita contro la Sampdoria di lunedì sera a San Siro.

Gabigol, Wagner Ribeiro non rinnega l'Inter 28 Marzo 12:59

Forse si sarebbe aspettato una stagione diversa, dopo il suo primo anno in Italia. Stiamo parlando di Gabriel Barbosa Almeida. La stagione che va verso la sua conclusione, non è stata sicuramente positiva per Gabigol che con la maglia dell’Inter ha racimolato solo pochi minuti ed un gol. Per parlare del futuro della giovane promessa brasiliana, è intervenuto l’agente Wagner Ribeiro: “Se c’è delusione? Gabriel è un giocatore dell’Inter. Quando abbiamo scelto questo club abbiamo firmato un contratto fino al 2021, e non sono state inserite clausole particolari che avrebbero dovuto garantire un minutaggio obbligatorio dal punto di vista dell’impiego, tantomeno la maglia da titolare. È felice a Milano, lotterà per avere sempre più spazio. Se è possibile un cambio di maglia a giugno? Non saprei. Il futuro non è nelle mie mani, ma in quelle di Dio. Differenze tra lui e Gabriel Jesus? Questi discorsi sembrano delle provocazioni. Preferisco non parlare di atleti che non sono miei assistiti”.

Vigilia Inter-Samp, Osti parla di Schick e Muriel 27 Marzo 14:33

Intervenuto durante la trasmissione “Tempi Supplementari” in onda su Radio Babboleo, il direttore sportivo della Sampdoria, Carlo Osti, ha spiegato la situazione di mercato dei due gioielli blucerchiati, Muriel e Schick: “Schick-Inter? È ancora troppo presto, diciamo che molte cose già sentite e sono state scritte sono più di fantasia che attenenti alla realtà. Le clausole contrattuali esistono in modo tale che le società e i procuratori possano tutelarsi sul mercato. È un ragazzo forte, che abbiamo fortemente voluto, si è saputo inserire in tempi molto celeri alla Sampdoria, poi le scelte di campo spettano a Giampaolo. Muriel? sta disputando un campionato strepitoso, terremo monitorata la sua situazione e speriamo di averlo in campo il prima possibile. Lui è amareggiato, l’infortunio arriva in un momento dove stava bene ed era stato determinante per la squadra”.

Milan, i tifosi chiedono il colpo di coda a Galliani 27 Marzo 00:13

di Emanuele Colangeli

Tempi duri quelli per l'amministratore delegato brianzolo. L'attuale numero 2 del club di via Aldo Rossi infatti da un lato è alle prese con le "battaglie" per i diritti televisivi in Lega, dall'altro con il Closing rossonero che sembra ormai imminente dopo il comunicato congiunto Fininvest-Yonghong Li. Eppure per chiudere in bellezza anche la sua epopea ad Adriano Galliani basterebbe armarsi di carta e penna. Di chi stiamo parlando direte voi? Semplice, di Gianluigi Donnarumma. Il rinnovo di "Gigio" è ancora in alto mare e l'offerta mostre del Manchester City sempre sul tavolo, 150 i milioni messi sul piatto dallo sceicco Al Mansour. Per carità, siamo ben consci che nel calcio le cose cambiano minuto per minuto, ma se l'orientamento di Donnarumma appare più chiaro di quanto non lo vogliano far apparire i media, la cosa più nebulosa di tutte è la volontà degli attuali proprietari milanisti. Che cosa si vuol fare? Ogni minuto, Ogni ora, ogni giorno che passano sono farina pesante nel sacco di Mino Raiola da sempre personaggio attento a cospicui aumenti salariali dei suoi principali assistiti, basti pensare ai 20 milioni all'anno che il Psg doveva sborsare a Zlatan Ibrahimovic. Insomma da un lato un mondo pieno di incognite, dall'altro la possibilità per il signor Galliani di "chiudere" in bellezza la sua avventura milanista con il rinnovo del numero 99 di Castellamare di Stabia, solo il tempo dirà quale dei due fattori prevarrà, nella speranza che la sabbia nella clessidra Raiolina non finisca il suo naturale corso.

Gabigol si trova meglio: adesso l'Inter mi piace 23 Marzo 18:25

Gabigol coglie l'occasione della sosta per confessarsi ai microfoni di Inter Channel: "Adesso mi piace stare qua. Mi piacciono i giocatori che parlano con me, mangio troppo bene. Mangio bene, l’alimentazione è diversa. E' diverso anche perché ci sono tanti modi di giocare e qui è più difficili. Sono stati due mesi complicati all’inizio, ma ora va meglio. Eder, Miranda e Joao Mario parlano sempre con me e io sto bene adesso. Se ho pensato che è difficile, i primi due mesi sì perché non conoscevo Milano ed era solo allenamento e poi casa…”

Niente Inter, Cholo-Atletico anche nel 2017-18 22 Marzo 15:41

Diego Pablo Simeone sarà l’allenatore dell’Atletico Madrid anche nella prossima stagione. Questa la sua volontà, espressa nel corso del programma radiofonico ‘Perros de la Calle’ in onda su ‘Metro951': “Il mio sogno è quello di continuare in questo club e accompagnare questa crescita. Vedo ancora molte cose positive per continuare a crescere. Vedo che l’Atletico è ancora un terreno fertile, ci sono molte possibilità di miglioramento. Vedo molti giocatori giovani che stanno per dare l’equilibrio giusto per avere una buona rosa. Mi vedo nella prossima stagione al Wanda Metropolitano”, ha annunciato il Cholo.

Mauro Icardi: Inter, sono molto legato a te 21 Marzo 11:06

Mauro Icardi si sente ormai milanese, perché "sono qui da quattro anni e sono molto legato all'Inter". Nel cuore, neanche a dirlo, San Siro, poi il centro e il Duomo: "Ogni volta che ci passiamo davanti scattiamo la foto". Selfie, social e soprattutto il calcio: il capitano dell'Inter si racconta a GQ. "Il mio gol più bello? Sicuramente quello fatto da fuori area contro il Bologna. All'incrocio dei pali. Il più importante... E' sempre contro la Juve". Quest'anno Icardi ha già raggiunto quota 20 gol in Campionato a cui bisogna aggiungere anche otto assist: "Ne sto facendo molti. E per segnare bisogna trovarsi sempre nel posto giusto al momento giusto. Questo è il compito di ogni attaccante".

Inter, Gagliardini sente già aria di derby 20 Marzo 14:43

Roberto Gagliardini, prima della partenza per Coverciano per rispondere alla convocazione della Nazionale, ha detto: “Sicuramente è stata una stagione positiva. Ci tengo a fare bene in Nazionale e avere un posto anche lì mi piacerebbe. E’ una vera e propria convocazione e non è essere una riserva come la prima volta in cui sono stato convocato, spero di mettere in difficoltà mister Ventura. Derby di Milano, se già si sente? Beh si. Ma con il Torino abbiamo sbagliato troppo rispetto ai nostri standard e non abbiamo segnato quanto dovevamo, questo ci ha penalizzato”.

Closing Milan: pazienza Berlusconi ai minimi termini 18 Marzo 13:40

Una buona e una cattiva notizia per il Milan: la prima è rappresentata dalla mossa messa in atto dai vertice del Sino-Europe Sports in settimana. Li Yanghong e Han Li, presidente e direttore generale del gruppo cinese, hanno voluto parlare con i vertici di Fininvest. Una mossa, riferisce la 'Gazzetta dello Sport', che ha stupito in maniera positiva l'azienda della famiglia Berlusconi che è stata soddisfatta anche dalle rassicurazioni ottenute dalla controparte. Il problema, però, eccoci alla cattiva notizia, è che i tempi di arrivo dell'ulteriore caparra, ora prevista tra giovedì e venerdì prossimo, potrebbero ulteriormente allungarsi. Qui entra in gioco Silvio Berlusconi che, sempre secondo la rosea, sarebbe innervosito dai continui rinvii, pur non avendo cambiato la volontà di portare a termine la cessione del club. Lo stallo sta stancando il patron rossonero che tiene anche conto del fatto che questa situazione incide anche su calciomercato e altre attività del Club.

Gli arbitri su Juve-Milan: De Sciglio, non era rigore 17 Marzo 17:45

L'arbitraggio di Massa e la collaborazione dell'addizionale Doveri nella partita Juventus-Milan continua a far discutere anche a una settimana di distanza. Secondo quanto riferisce Premium Sport, La decisione di fischiare il calcio di rigore al 95° per il fallo di mano di De Sciglio è stata giudicata non corretta dal presidente dell'Associazione Arbitri Marcello Nicchi e dal designatore di Serie A Messina. Un errore non giudicato così grave da comportare uno stop di una-due giornate come da prassi, ma che ha avuto comunque delle conseguenze per i due direttori di gara protagonisti in uno degli episodi più controversi della stagione. Massa è stato designato come addizionale per il match tra Cagliari e Lazio, anche se i vertici arbitrali si affrettano a definire non punitiva questa scelta; Doveri, invece, inizialmente selezionato come arbitro di Udinese-Palermo, sarà addizionale anche alla Dacia Arena. Secondo quanto trapela, è stato individuato lui come il principale responsabile dell'errore in occasione di Juventus-Milan.

Milano, Italia, si adegui e giochi il suo derby alle 12.30 15 Marzo 14:05

Billy Costacurta favorevole al derby delle 12.30 tra Inter e Milan. L'ex difensore rossonero ha spiegato anche i motivi: "Favorevolissimo. Il nostro obiettivo è colmare il gap dalla Premier che in Europa è il campionato di riferimento. In Inghilterra si usa giocare i big match in quell’orario per esportare il prodotto in Asia. Cina? Non solo, penso anche alla Corea o al Giappone. Se non seguiamo l’esempio di altri campionati è inutile che poi ci lamentiamo dei fatturati dei nostri club che sono inferiori a quelli britannici. Resistenze dei tifosi? Siamo un Paese di provinciali se ci facciamo problemi per anticipare una gara di un paio d’ore. Oppure se restiamo ancorati alla convinzione che la domenica mattina sia il momento dedicato alla messa. Dobbiamo produrre ricchezza per portare di nuovo in Italia qualche grande campione. Questo deve essere il fine ultimo. Ben venga Inter-Milan alle 12.30, se milioni di spettatori in Oriente ci guardano. Pensiamo all’indotto che ne deriva".

Il premiato Rino Gattuso pensa al closing del Milan 14 Marzo 15:01

Premiato alla serata di Gala del Torneo di Viareggio col Premio Scirea, Gennaro Gattuso, tecnico del Pisa, ha parlato dei colori rossoneri: "Il futuro del Milan? Mi aspetto il closing e che si ricominci una nuova vita con una nuova mentalità. Il lavoro di Montella è da apprezzare, se la squadra prosegue così, facendo crescere anche i giovani può fare qualcosa di importante".

Juve-Milan: anche Materazzi contesta le decisioni 13 Marzo 14:30

Il giorno dopo Inter-Atalanta 7-1, si parla ancora di Juventus-Milan. Anche da parte dell'interista doc Marco Materazzi: “E’ una situazione stucchevole, le decisioni vengono prese solo in una direzione e uno si stanca anche di parlarne. La Juventus sicuramente merita di essere prima in classifica anche perché se vinci cinque scudetti e prendi pure Higuain significa che che tendi sempre a migliorare. La partita tra Milan e Juve? Non è mai bello perdere al 95’, non è mai piacevole soprattutto se perdi con un rigore che è difficile da digerire”.

Inter-Atalanta: Pioli convoca Marcelo Brozovic 11 Marzo 19:23

Stefano Pioli ha convocato 24 nerazzurri per la partita contro l’Atalanta in programma domani allo stadio a San Siro..Questo l’elenco completo:

Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni;

Difensori: 2 Andreolli, 15 Ansaldi, 17 Medel, 20 Sainsbury, 21 Santon, 24 Murillo, 25 Miranda, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo;

Centrocampisti: 5 Gagliardini, 6 Joao Mario, 7 Kondogbia, 19 Banega, 77 Brozovic;

Attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 11 Biabiany, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva, 96 Gabigol.

Inter, Suning fra Fair play e mercato estivo 10 Marzo 13:14

Suning e il mercato estivo: come fare con il fair play finanziario dell’Uefa? I cinesi hanno studiato le carte e vogliono coniugare le loro ambizioni con le regole europee. Nessuna forzatura, ma una serie di passaggi che consentiranno, almeno nelle intenzioni, massicci investimenti nel rispetto dei dettami di Nyon. L’obiettivo, dichiarato, è quello di raggiungere il pareggio di bilancio o quantomeno contenere le perdite entro 10 milioni, entro il prossimo 30 Giugno, pagando una multa, altrimenti si è fuori dal settlement agreement e si rischia parecchio. Questo l’Inter lo sa e sta lavorando per rientrare nei parametri. Intanto è stato sottoscritto con Suning un contratto commerciale per i naming rights dei centri sportivi di Appiano e Interello, per la sponsorizzazione dei kit di allenamento e per la cartellonistica allo stadio: così sono stati recuperati 15 milioni di ricavi-extra.

Closing Milan fra fine Marzo e inizio Aprile 10 Marzo 13:12

Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore, ha pubblicato il seguente aggiornamento sulla cessione del Milan ai cinesi all'interno del suo blog personale, presente sul sito del noto quotidiano economico: "Fininvest, consulenti bancari e professionali hanno passato al setaccio in questi giorni la documentazione fornita da Yonghong Li sulla consistenza patrimoniale e la struttura finanziaria dell’operazione messa in piedi per rilevare il Milan. In particolare, si sono soffermati sulle verifiche antiriciclaggio per appurare se ragionevolmente si possano sollevare dubbi sulla provenienza lecita del capitali fin qui trasferiti e di quelli in arrivo. I controlli, secondo fonti vicine alla trattativa, hanno dato esito positivo. Dunque, si va avanti. Nei primi giorni della prossima settimana si attende il versamento della terza tranche di caparra da 100 milioni di euro necessaria per riattivare il timing in vista del closing che a questo punto potrebbe cadere nella prima decade di aprile, o al massimo nella prima metà del mese prossimo".

Fifa e Uefa: dopo il milanista Boban, l'interista Stankovic 6 Marzo 14:46

Se Gianni Infantino alla Fifa ha puntato su Zvonomir Boban, il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin si avvarrà della consulenza di Dejan Stankovic. L'ex di Lazio e Inter inizia un nuovo capitolo della carriera entrando a far parte, in qualità di consulente, dello staff del presidente sloveno della Federcalcio europea. Con lui, spazio anche a Nadine Kessler, ex stella tedesca del calcio femminile, che supervisionerà la crescita del calcio 'rosa' e dare un input per migliorare le competizioni. Stankovic, che si è ritirato dal calcio gicato nel 2014, lavorerà ai progetti della Federcalcio europea e aiuterà le federazioni a coltivare i loro migliori talenti dall'età di 14/15 anni, assicurandosi che siano preparati opportunamente a livello tecnico per diventare un giorno professionisti. "Ho giocato per 20 anni e ora è il momento di scrivere una nuova pagina della mia vita - ha commentato - Per me è un onore lavorare all' Uefa e avere la possibilità di restituire qualcosa al calcio".

Milan-Chievo: il rientro di Mattia De Sciglio 3 Marzo 17:35

Mattia De Sciglio, con ogni probabilità, sarà il titolare della fascia destra di difesa, domani sera, contro il Chievo Verona. Con Calabria non al top a causa di un attacco influenzale, a sinistra ci sarà Vangioni. Kucka, che ieri è stato provato come terzino, potrebbe essere a centrocampo nel suo consueto ruolo di mezz'ala, anche se con il rientro eventuale di Locatelli in quel ruolo potrebbe giocare Sosa.

Inter, Icardi: noi vogliamo aiutare Pioli 2 Marzo 12:37

La Gazzetta dello Sport, ha intervistato in esclusiva, Mauro Icardi: "La sconfitta con la Roma? Bisogna sempre lasciarsi alle spalle i risultati negativi e guardare avanti. Specialmente quando si è stati all’altezza dell’avversario. Cosa ci manca per vincere lo scudetto? “Dobbiamo acquisire una mentalità vincente. Non possiamo mostrarla solo in alcune partite, è la continuità ad alto livello la dote che fa la differenza. E che non abbiamo ancora. Dobbiamo abituarci a vincere, deve diventare una cosa naturale, non eccezionale. Per aiutarci a vincere ci vuole un allenatore di provata esperienza? Non dobbiamo deconcentrarci o riempirci la testa di situazioni non reali, anche se sono aspetti che fanno parte del calcio. Il nostro allenatore è Pioli e dobbiamo fare il massimo per aiutarlo, come lui ha fatto col nostro gruppo. Ha tirato fuori il meglio di noi, ha cambiato tutto e abbiamo già fatto un salto di qualità notevole, da quando è arrivato a oggi. Dice che le voci sul suo futuro non lo sfiorano? Dice bene. E io gli credo. Il discorso deve valere anche per noi giocatori, deve contare solo ciò che facciamo in allenamento e sul campo, senza distrazioni esterne”.

Milan, dubbi sul closing: Galliani non commenta 2 Marzo 12:33

Adriano Galliani, arrivato nella sede della Lega Serie A in rappresentanza del Milan per l'assemblea di Quagliarella, non ha voluto rilasciare dichiarazioni ai cronisti presenti, limitandosi ad una fugace battuta: "Il giovedì è il giorno del silenzio".

Inter, spunta una cena fra Simeone e Zanetti 1 Marzo 12:19

Una cena fra Diego Simeone e Javier Zanetti, è stata raccontata da Pipi Estrada, giornalista di Marca, nel corso di una trasmissione di approfondimento in onda su El Chiringuito TV. Un incontro fra due vecchi amici, il secondo dopo quello avvenuto a Milano il giorno prima della scorsa finale di Champions League fra Ateltico e Real Madrid, che inevitabilmente viene considerato come un segnale importante da coloro che vedono l’argentino in vantaggio sugli altri nomi in lizza nel caso in cui l’Inter decidesse di salutare Stefano Pioli al termine della stagione.

Milan, nonostante ieri, resistono i nomi del nuovo Cda 1 Marzo 12:18

Se il closing si farà a marzo, il nuovo cda del Milan sarà composto da sei persone, tre italiane e tre cinesi: i primi saranno Marco Fassone, Roberto Cappelli e Marco Patuano. Per quanto riguarda i tre consiglieri cinesi, un posto sicuro lo avranno Yonghong Li e Han Li, mentre il sesto uomo dovrebbe rappresentare Haixia Capital e il nome più logico è quello del presidente Lu Bo. Lo riferisce questa mattina La Gazzetta dello Sport.

Gagliardini: abbiamo perso ma non è finita 27 Febbraio 15:22

L’Inter ieri sera ha perso contro la Roma una sfida molto importante per continuare a inseguire il sogno Champions. Gara non positiva anche per Gagliardini che ha subito la grande serata di Radja Nainggolan. Questo il commento del centrocampista nerazzurro sul suo profilo Instagram: “C’è grande rammarico per l’occasione persa ma ci sono ancora 12 finali da giocarci con la consapevolezza che siamo un grande gruppo che lotterà su ogni pallone”.

Compleanno Donnarumma: Galliani gli regala una penna...27 Febbraio 00:39

Dopo la vittoria sul campo del Sassuolo e le relative polemiche arbitrali, Adriano Galliani ha parlato a Milano prima della festa di Donnarumma per i suoi diciotto anni: "Vittoria importante dopo tre sconfitte consecutive a Sassuolo. Sono contento per Gigio che fa gli anni, anche per Kucka è stato il compleanno. Donnarumma è una delle cose più belle degli ultimi anni? Si assolutamente. Regalo di Gigio? Ha fatto tanti regali e tante parate, io questa sera gli regalo una penna e vediamo cosa succede".

Medel: i pericoli della Roma arrivano dagli esterni 24 Febbraio 15:00

Inter-Roma sarà la partitissima della domenica, come confermano le parole rilasciate dall’interista Gary Medel: “Perchè Icardi è tanto che non segna? Non gli sta succedendo niente. E’ stato fuori due partite per squalifica e adesso è pronto per dare di nuovo il suo contributo. In settimana l’ho visto carico e sono convinto che sarà protagonista. Icardi è un grande attaccante e i grandi attaccanti si esaltano in partite come questa. Può essere decisivo anche se, sinceramente, mi interessa più la vittoria che il nome del marcatore. La Roma? E' una squadra forte che gioca un calcio bello e offensivo. I giallorossi puntano a vincere ogni incontro perché hanno elementi di notevole qualità. Speriamo di riuscire a fermarli. Chi toglierei? La forza della Roma sono gli esterni, sia quelli di centrocampo sia quelli d’attacco: sono velocissimi e dovremo fare attenzione. Non giocando le coppe arriveremo più riposati di loro? Non credo. La qualificazione l’avevano messa al sicuro all’andata e Spalletti ha fatto un bel turn over. La stanchezza non sarà un fattore neppure per loro”.

Juan Jesus: Roma, ormai automatico il riscatto dell'interista 23 Febbraio 15:33

Juan Jesus alla Roma a titolo definitivo, proprio nella settimana di Inter-Roma. I nerazzurri, infatti, avevano svelato nel bilancio diffuso a ottobre 2016 le condizioni che avrebbero portato Juan ad essere definitivamente un giocatore della Roma. Alla voce “fatti di rilievo avvenuti dopo il 30 giugno 2016″ era arrivata infatti la precisazione. “Il brasiliano è stato ceduto con obbligo di riscatto nel caso in cui la Roma al 1 febbraio 2017 o alla fine del campionato 2016/2017 risulti essere tra la prima e la diciassettesima posizione in classifica”, certificava il bilancio nerazzurro. Una condizione che si è puntualmente verificata, per cui la Roma (oltre ai 2 milioni per il prestito), dovrà versare all’Inter anche gli 8 milioni di euro previsti per il riscatto dell’ex difensore dell’Internacional di Porto Alegre, per un totale di 10 milioni di euro.

Deulofeu: nessuna notizia dal Barcellona 22 Febbraio 15:49

Gines Carvajal, agente di Gerard Deulofeu, ha parlato così dell’arrivo dello spagnolo al Milan: “Io ero sicuro delle qualità di Gerard, è un grande giocatore. Sinceramente non mi aspettavo che potesse già fare così bene, dopo poche settimane dal suo arrivo al Milan. La determinazione di Rocco Maiorino, del Presidente Berlusconi e di Galliani hanno avuto un ruolo determinante. E' stata una trattativa lunga ma siamo molto felici di come sia andata a finire. Non era facile iniziare così positivamente, ma sapevamo del forte gradimento di Montella ed era la scelta giusta da fare. Gerard ha sentito subito la fiducia, questa è fondamentale per fare bene. Ci sentiamo spesso e lo trovo molto felice, quasi sorpreso del suo inserimento al Milan. E' entrato facilmente nel gruppo, che lo ha accolto bene. Gli piace molto Milano, le strutture del club e i tifosi. Le sensazioni sono ottime. Se il Barcellona eserciterò il diritto di recompra? Io non credo che sia così certo, il Barcellona adesso ha altro a cui pensare. Deve recuperare nella Liga e provare a ribaltare al Camp Nou, il passivo dell'andata con il Psg. In questo momento nessuno del Barcellona si è fatto vivo".

Schiarite per Murillo e Brozovic in vista del grande match 21 Febbraio 14:41

L’Inter, tramite il proprio sito, ha comunicato l’esito degli esami strumentali cui si sono sottoposti Jeison Murillo e Marcelo Brozovic nella giornata odierna presso l’Istituto Humanitas di Rozzano.

“Ecografia con esito negativo per il difensore colombiano; per il centrocampista croato fase di avanzata guarigione della frattura della falange del piede. Le condizioni dei due giocatori, che oggi svolgeranno lavoro personalizzato, saranno valutate giorno dopo giorno“, si legge nel comunicato della società.

Verso Inter-Roma: formazione tutta da costruire 20 Febbraio 12:49

Dopo i tre punti conquistati a Bologna con la rete nel finale di Gabigol, ora l’Inter si concentrarsi solo sulla sfida contro la Roma di domenica sera a San Siro, vero spartiacque per la corsa ad un posto in Champions. Ma Stefano Pioli, dovrà reinventare la difesa. Il giallo preso ieri fa infatti scattare la squalifica per Miranda. Ma il vero problema è che Murillo non sta benissimo. Ieri infatti il colombiano ha dovuto lasciare il campo a inizio ripresa per un affaticamento alla coscia destra. Nelle prossime ore farà gli esami strumentali, anche se affiora un discreto ottimismo, anche per riavere Brozovic. Il croato sabato ha ripreso a correre con una protezione. Da verificare la reazione del dito del piede destro fratturato contro la Juve.

Bologna-Inter, convocazioni Pioli: non ce la fa Brozovic 18 Febbraio 17:40

Stefano Pioli ha annunciato la lista dei convocati in vista della gara di domani contro il Bologna: oltre agli squalificati Icardi e Kondogbia, non compare in elenco nemmeno Marcelo Brozovic, che proverà a rientrare per l’impegno con la Roma. Questa la lista dei 22 convocati:

Portieri: Handanovic, Carrizo, Berni.

Difensori: Andreolli, Ansaldi, Medel, Sainsbury, Santon, Murillo, Miranda, D’Ambrosio, Nagatomo.

Centrocampisti: Gagliardini, Joao Mario, Banega.

Attaccanti: Palacio, Biabiany, Eder, Perisic, Candreva, Barbosa, Pinamonti.

La Fiorentina lancia la sfida al Milan di Montella 17 Febbraio 18:22

Paulo Sousa, tecnico della Fiorentina, ha commentato il successo viola in Europa League, di misura sul campo del Borussia Mönchengladbach: "Lo spirito della squadra è stato quello giusto, ci ha permesso di fare bene contro quest'avversario. Vorrei vedere questo spirito anche nel match di ritorno, con maggiore qualità in termini di gioco. Sarà certamente una gara diversa, bisogna recuperare al massimo alcuni nostri calciatori. Così potremo fare bene anche col Milan”.

Thohir: dallo Stadio di Washington a quello dell'Inter 16 Febbraio 16:41

Erick Thohir, nella giornata di ieri, ha annunciato il nuovo stadio del Dc United, finalmente pronto e con uno sponsor d’eccezione: Audi. L’apertura dell’impianto, che si chiamerà proprio Audi Field, è prevista nel 2018. Ma Thohir non ha dimenticato l’Inter anche in questo annuncio: “Speriamo un giorno di poter fare lo stesso a San Siro. Forza Inter”, ha scritto Thohir, confermando la volontà, già espressa quando era socio di maggioranza, di voler trasformare il Meazza nella ‘casa dell’Inter’. L’Inter aveva un progetto già in piedi, un progetto di ristrutturazione imponente, frenato però dall’accordo con il Comune di Milano e dalla situazione societaria del Milan, coinquilino del Meazza alle prese con un lunghissimo passaggio di proprietà. Ma l’idea di Thohir, e di Suning, è di insistere con il progetto dello stadio nerazzurro.

Bologna-Inter: la partita degli infortuni 14 Febbraio 16:26

Brutte notizie dall'infermeria del Bologna per il tecnico, Roberto Donadoni. Sono ben tre le pedine fondamentali che salteranno la partita di domenica, alle ore 12:30 allo stadio Dall'Ara, contro l'Inter: si tratta di Daniele Gastaldello, Domenico Maietta e Mattia Destro. Questo il responso medico dopo gli esami strumentali: Anche in casa Inter c'è una piccola emergenza a centrocampo dovuta alla squalifica di Geoffrey Kondogbia e all'infortunio di Marcelo Brozovic, che molto difficilmente sarà a disposizione per il match di domenica nonostante l'appello del tecnico nerazzurro, Stefano Pioli, dopo la vittoria sull'Empoli. Diverse le soluzioni a disposizione dell'ex allenatore della Lazio e, proprio del Bologna: o verrà avanzato Gary Medel sulla linea dei centrocampisti al fianco di Roberto Gagliardini o, in alternativa, sarà arretrato il fantasista portoghese, Joao Mario, con l'inserimento dietro le punte dell'ex fantasista argentino del Siviglia, Ever Banega, che dovrebbe recuperare dal lieve infortunio subito al ginocchio. In avanti tornerà l'esterno croato, Ivan Perisic, dopo aver scontato il turno di squalifica per le proteste in Juventus-Inter mentre sarà ancora squalificato Mauro Icardi, che tornerà, invece, la settimana dopo contro la Roma.

Schick preferito a Muriel: è la prima scelta dell'Inter 13 Febbraio 11:03

Ormai è diventato una certezza: Patrik Schick. La Sampdoria si gode l’ennesima prodezza dell’attaccante ceco, il cui ingresso è stato determinante per centrare la terza vittoria consecutiva contro il Bologna. Con la rete segnata al Bologna, Schick è arrivato a quota 6. Cinque gol li ha segnati partendo in panchina: da subentrato ha colpito Torino, Lazio, Chievo, Roma e Bologna. Ai sei gol in campionato bisogna sommare le due reti realizzate in coppa Italia al Cagliari. Per portare a casa il giocatore ceco (che ha già accumulato tre presenze e un gol nella nazionale maggiore) la Sampdoria ha fatto un investimento importante: 4,5 milioni di euro. Le prodezze di Schick non sono passate inosservate. Le sirene nerazzurre si fanno sempre più insistenti. Oggi è in programma un incontro tra il suo agente e il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio. Questo nuovo incontro significa che l’Inter comincia a pensare seriamente all’attaccante ceco. Più a lui che a Muriel, perché la clausola del colombiano è alta. Muriel costa decisamente troppo.

Inter-Empoli: l'ultima radiocronaca di Riccardo Cucchi 11 Febbraio 10:32

Riccardo Cucchi, nel lontano 1971, da poco laureatosi in Lettere, fu assunto giovanissimo dall'emittente radiofonica nazionale: passo dopo passo è diventato una colonna portante del racconto della domenica calcistica, lavorando al fianco di altri "mostri sacri" come Ciotti, Provenzali, Armero e Forma. Ordinato preciso ed estremamente professionale è diventato la prima voce dei big match della serie A, coronando la sua carriera con la memorabile radiocronaca della finale di Berlino 2006, dove gli azzurri del C.T. Lippi si laurearono campioni del mondo. Dopo aver ricoperto il ruolo di Capo Redattore e cronista, domenica pomeriggio, in occasione della 24° giornata del campionato di Serie A, Riccardo Cucchi racconterà Inter-Empoli, per quella che sarà la sua ultima cronaca nella storica trasmissione radiofonica di "Tutto il calcio minuto per minuto", lasciando il timone alla frizzante voce di Francesco Repice, anche lui ormai consacrato ai romantici ascoltatori delle radioline. Ci si attende perciò un emozionante commiato, come avvenne, per altri illustri cronisti come Pierpaolo Catozzi o Ugo Russo che nelle loro ultime radiocronache non hanno potuto fare a meno di salutare i loro colleghi e la Radio che li ha accompagnati durante tutta la loro carriera e la loro vita.

Lazio-Milan: ben 8 assenti fra i rossoneri 10 Febbraio 15:42

Nel prossimo match di campionato contro la Lazio, in programma per lunedì 13, Vincenzo Montella dovrà rinunciare ad otto giocatori. Agli infortunati Montolivo, Bonaventura, De Sciglio, Antonella e Calabria si è aggiunto Romagnoli, oltre agli squalificati Paletta e Kucka.

Progetto Inter: contro l'Empoli con Icardi e Perisic 9 Febbraio 12:24

L’Inter ha presentato ricorso per le squalifiche del Giudice Sportivo a Icardi e Perisic. Si spera in uno sconto per i due nerazzurri, ma secondo Sky Sport c’è anche la speranza di una riduzione totale per almeno dei due squalificati. Difficile, ma potrebbe esserci anche questa ipotesi. Pioli sta lavorando su un’idea di Inter senza Perisic e Icardi ma la speranza giuridica di poterli avere c’è e si saprà di più domani pomeriggio.

Coppa Italia: nessuna punizione per la Curva Inter 8 Febbraio 13:52

Nessun provvedimento nei confronti del tifo nerazzurro in seguito ai cori discriminatori intonati da qualcuno nel corso del match di Tim Cup con la Lazio di martedì scorso. Questo il comunicato del giudice sportivo: “Letta la relazione finale, con l’esito delle indagini effettuate, e i relativi allegati, considerato che dai detti accertamenti disposti non emerge un quadro che consenta di applicare una sanzione calibrata e proporzionale rispetto all’effettiva gravità e portata dell’accaduto; rilevato, in particolare, che i dati numerici forniti in seconda battuta in virtù della collaborazione della società ospitante, peraltro non del tutto collimanti con le rilevazioni indicative dei collaboratori della Procura federale, non rendono possibile, all’evidenza, l’applicazione di misure congrue che vadano a penalizzare, per le gare di Campionato, il settore dove trovano normale collocazione, almeno in prevalenza, i responsabili dell’accaduto; delibera di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti della soc. Internazionale, ferma restando la sospensione di un anno dell’esecuzione della precedente sanzione".

Juve-Inter 1-0: l'analisi Facebook di Giovanni Capuano 6 Febbraio 10:52

La Juventus ha vinto perché oggi è la squadra più forte d'Italia. L'Inter ha perso, ma nessuno era stato così solido e continuo allo Stadium nelle ultime stagioni in una sfida di alto livello. Forse non sarà stata come una semifinale di Champions League (cit Allegri), ma di sicuro Juventus-Inter ha regalato mille spunti su cui riflettere. E anche molti motivi di soddisfazione per chi ha perso, oltre alla gioia legittima dei vincitori.

Per questo Pioli sbaglia a buttarla sull'arbitraggio di Rizzoli. Che, vivisezionato frame per frame, supera l'esame della moviola. Certo, avesse fischiato rigore su una delle trattenute non ci sarebbe stato scandalo, ma il punto è un altro. Proprio perché l'Inter si è candidata seriamente a diventare in un futuro vicino la vera anti-Juve, l'unico errore da non commettere è rifugiarsi nello stereotipo della partita rubata. Silenzio, lavoro e scelte giuste: questa la ricetta. Che comprende anche l'accettazione del risultato sul campo senza se e senza ma. Una strada che, con l'unica deviazione del doppio confronto di Monaco di Baviera un anno fa, proprio la Juventus ha tracciato. Mentalità vincente. L'ultimo salto che manca all'Inter di un Pioli fin qui miracoloso. (dal blog Calcinfaccia).

Juventus-Inter: 67 anni fa Juventus-Milan 1-7 5 Febbraio 09:55

All'indomani di Bologna-Napoli 1-7 e nella stessa data di Juventus-Inter di oggi, un riferimento storico evocativo. Il 5 febbraio 1950 veniva trasmessa la prima partita di calcio di serie A in tv. Per la sola città di Torino la Rai decise di trasmettere Juventus-Milan. Nel 1949 erano iniziare le trasmissioni sperimentali e quella gara fu il primo programma realizzato in esterrna con le telecamere. La Juventus era in testa alla classifica e il Milan al secnodo posto. Cinquantamila gli spettatori paganti: per la cronaca la partita finiì con un clamoroso 7-1 a favore dei rossoneri. Le reti furono realizzata da Hansen, tripletta di Nordhal III, Gren, Liedholm, Burini e Candiamo II.

La maglia dell'Inter al Ct argentino Bauza 3 Febbraio 14:07

Il ct dell’Argentina Bauza questa mattina era alla Pinetina, al centro sportivo Suning, e ha avuto modo di parlare con gli argentini dell’Inter. Una chiacchierata con il vicepresidente Zanetti, col secondo allenatore Samuel e l’incontro con Mauro Icardi per parlare anche dell’eventuale convocazione dell’attaccante. Bauza, dopo aver ricevuto una maglia dell'Inter e dopo aver posato con i calciatori argentini dell'Inter, ha parlato anche con Pioli e ha assistito all’allenamento della squadra.

Milan, terzini cercasi dopo l'infortunio di Antonelli 2 Febbraio 12:24

Nuovo infortunio in casa rossonera dopo quelli di Bonaventura e De Sciglio: nella giornata di ieri, si è infatti fermato anche Luca Antonelli, il quale si sottoporrà oggi ad alcuni accertamenti per capire l’entità del suo problema fisico. A riportarlo è questa mattina La Gazzetta dello Sport. Ricordiamo anche che Calabria è ai box, mentre Abate ha già molti chilometri nelle gambe in questa stagione.

Infortuni decisivi: Niang 2016, Bonaventura 2017 1 Febbraio 12:02

di Emanuele Colangeli

Non c'è dubbio: se hai in rosa un calciatore che spicca su tutti che rietieni indispensabile per le tue idee e il tuo credo di gioco, le redini della squadra passano inevitabilmente dai suoi piedi. Due sono i casi recenti al Milan che hanno fatto tanto ma tanto rumore: l'infortunio di M'Baye Niang nel febbraio 2016 al ritorno a casa subito dopo una gara vinta 1-0 sul Torino a San Siro e quello di Jack Bonaventura a Udine avvenuto Domenica. Due episodi differenti che però hanno caratterizzato e stanno caratterizzando l'andamento delle due stagioni in questione: se da un lato quello del francese della scorsa versione rossonera è stato purtroppo influente per quanto concerne la rincorsa alla Champions League, oggi quello del numero 5 ex Atalanta, rischia di essere altrettanto importante. Bonaventura aveva segnato il gol del vantaggio e i meneghini stavano controllando di fatto la situazione, poi però questo incidente che ha fatto pendere l'ago della bilancia della gara a favore dei friulani insieme anche e soprattutto a quello di De Sciglio per mano del fallo di De Paul, che è stato di fatto il preludio al gol del vantaggio casalingo. Qualora gli ospiti avessero portato a casa i tre punti sarebbero tornati prepotentemente in zona Champions League o comunque Europa che conta. Quando però la sorte decide di accanirsi nel calcio non c'è niente da fare e ti si ritorce contro proprio nel momento in cui devi tornare ad acquisire quelle sicurezze che la sconfitta contro la Juve allo Stadium ti aveva fatto perdere, facendoti mettere ko il tuo uomo migliore insieme a Suso, da tale asse infatti era nato il momentaneo vantaggio milanista: cross dello spagnolo e gol del numero 5. Purtroppo sono episodi che nel calcio sono sempre dietro l'angolo ma bisogna essere più forti anche di questo e cercare di provare, anche se non sarà facile di proseguire nella rincorsa all'Europa anche senza il tuo calciatore chiave con Deulofeu e Ocampos che sicuramente sono degni sostituti e cercheranno di non far rimpiangere il fuoriclasse rossonero.

Biabiany solo a titolo definitivo: il suo no al Chelsea 31 Gennaio 14:45

Sembra sfumata la cessione dell'esterno francese, Jonathan Biabiany. Il giocatore è stato chiesto dal Chelsea ma ha rifiutato la destinazione londinese in quanto si trattava solo di un trasferimento temporaneo. L'ex esterno del Parma, tornato all'Inter nell'estate del 2015 dopo il fallimento dei gialloblu, vuole trasferirsi solo a titolo definitivo e, quindi, potrebbe prendere quota un possibile trasferimento allo Jiangsu, altro club di cui è proprietario Suning. Così facendo l'Inter metterebbe a segno anche un'ottima plusvalenza, fondamentale per il Fair Play Finanziario, che prevede il pareggio di bilancio entro giugno 2017.

Inter-Lazio di coppa Italia: pienone a San Siro? 30 Gennaio 14:49

Quello di domani è il 16° confronto tra Inter e Lazio in Coppa Italia, il primo dei quali si disputò solo nell' edizione 1958/59: la dodicesima della manifestazione. Il 14 giugno 1959 a Roma i nerazzurri, poi finalisti perdenti, superano i laziali con una rete di Angelillo capocannoniere del Campionato appena terminato.

L'Inter si presenta alla sfida di TIM Cup reduce da serie positiva in Campionato e soprattutto da un ultimo turno di Campionato in cui ha superato in classifica proprio la Lazio ed ha guadagnato punti su ciascuna dei pretendenti alla qualificazione alla prossima UEFA Champions League.

La squadra nerazzurra potrebbe centrare un prestigioso accesso alle semifinali dopo quattro stagioni ed anzi superare anche questo turno di Coppa Italia significherebbe affrontare il prossimo impegno, il derby d'Italia contro la Juve, di domenica 5 febbraio allo Stadium, con un una marcia in più.

La società, sia nella sua area ammistrativa che in quella tecnica, stanno minuziosamente preparando l'ambiente e la squadra al prossimo incontro con la Lazio, cercando di attirare più tifosi allo stadio con una politica prezzi veramente allettanti (biglietti per gli abbonati 10 € e a partire da 14 € per i non abbonati) memtre lo staff tecnico di Pioli sta sottoponendo la squadra ad un sapiente turn-over già dal precedente incontro col Pescara, al fine di affrontare nel migliore dei modi il doppio impegno contro Lazio e Juventus, vero e proprio crocevia per la stagione.

Lapadula smentisce i francesi: penso solo a Udine 28 Gennaio 17:46

Gianluca Lapadula è finito nel mirino del Marsiglia. La notizia di calciomercato, che ha svegliato i tifosi rossoneri, non sembra infastidire più di tanto il bomber. L'ex Pescara pare, infatti, pensare solo ed esclusivamente al Milan e alla partita di domani contro l'Udinese: "Un solo pensiero: VINCERE!", ha scritto infatti Lapadula sul proprio profilo Twitter.

Pioli pre Inter-Pescara: una gara alla volta 27 Gennaio 15:59

Le ultime dichiarazioni pre-partita del tecnico interista Stefano Pioli: "Dobbiamo avere consapevolezza del nostro lavoro, delle nostre possibilità, di poter alzare la testa. Gruppo compatto? So che stiamo lavorando tanto e bene e ognuno di noi è focalizzato sul bene della squadra, questa è la caratteristica che ci deve accompagnare tutti i giorni. La squadra sa bene quello che deve fare per proseguire bene questo momento, deve affrontare una gara alla volta, esprimendo al meglio il potenziale, che deve dare il massimo per ottenere qualcosa, lo abbiamo dimostrato a Palermo, un campo non semplice”.

Milan, Ocampos prima scelta con Niang a Londra 26 Gennaio 15:48

M'Baye Niang a Londra, non solo per le visite mediche. Ma anche per ultimare gli ultimi accordi economici con il Club londinese. Non appena arriverà la firma di Niang sul nuovo contratto, il Milan andrà su Ocampos. L'argentino del Genoa è l'unico obiettivo di mercato del Milan, in questo momento. Ocampos quindi, non Lazovic e non Giaccherini.

Niang-Watford, le due società avanti nella trattativa 25 Gennaio 14:38

Il trasferimento di M'Baye Niang al Watford, che però deve trovare una sistemazione per Ighalo, dovrebbe essere un prestito oneroso a 700.000 euro con un diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Il Milan starebbe lavorando ancora con il Genoa per il prestito di Ocampos. Un'alternativa è Lazovic, sempre del Grifone, e comincia a salire anche l'ipotesi di Giaccherini.

Una indiscrezione fra le tante: Inter, Criscito per Ranocchia 24 Gennaio 16:02

L'obiettivo Inter sul mercato di questi giorni sono le uscite. per ridurre la rosa di Stefano Pioli. Ma se dovesse arrivare uno scambio conveniente, non sarebbe rigettato a prescindere. Andrea Ranocchia ad esempio: lo Zenit San Pietroburgo pensa di poter convincere il giocatore a trasferirsi in Russia e l’Inter avrebbe otto mln dalla cessione del giocatore. Nelle scorse ore si è parlato anche del possibile scambio con Criscito che potrebbe materializzarsi se l’Olympique Marsiglia prendesse Nagatomo.

Il mercato in uscita: le prospettive dell'Inter 23 Gennaio 11:25

E' ripresa la trattativa tra l’Inter ed il Cagliari per Miangue. In un primo momento il Club sardo voleva inserire un diritto di riscatto in proprio favore con diritto di contro riscatto piuttosto alto per i nerazzurri, ma l'Inter non era d'accordo. Da ieri sembra esserci stato un riavvicinamento fra le parti. Nel caso in cui partisse Miangue, Santon rimarrebbe in nerazzurro. A completare le uscite potrebbe allora essere Ranocchia. Il 28enne difensore è chiuso non soltanto dal duo Miranda-Murillo, ma ora anche da Medel.

Deulofeu: solo sorrisi e una frase del legale 22 Gennaio 10:25

"La trattativa continua. Sono autorizzato dall'avvocato a dire questo e altro non dico". L'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, a Premium Sport e a Milan TV, ha risposto cosi' prima e dopo la partita poi persa contro il Napoli, ad una domanda sull'acquisto di Gerard Deulofeu attaccante dell'Everton. L'atteggiamento di Galliani era molto sereno e sorridente.

Pioli: contro Chievo e Bologna abbiamo speso molto 20 Gennaio 17:19

Alla vigilia della trasferta al 'Barbera' contro il Palermo, Pioli ha parlato in conferenza stampa, presentando le ultime di casa Inter. La sfilza di risultati positivi conferisce una certa fiducia ma contro il Palermo servirà molta attenzione: "Dobbiamo insistere sulla scia dei risultati precedenti, continuo a vedere atteggiamenti giusti nella squadra. Ma sappiamo anche che siamo passati da vittorie difficili, mentalmente dobbiamo essere pronti alla stesso tipo di partita anche per domenica. Di Gagliardini mi ha colpito la semplicità e la serenità con la quale si è inserito, si è fatto trovare pronto e ci ha dato quello che ci aspettavamo. Se giocherà? Abbiamo speso tanto in queste due partite, dovrò essere bravo a scegliere bene per avere ritmo e intensità. Tutti i giocatori lavorano bene, sono soddisfatto di poter scegliere tra tanti giocatori forti. Ultimamente abbiamo pagato tanto su poche occassioni concesse, concediamo molto meno. Stiamo lavorando ancora per crescere sotto questo punto di vista, a squadra schierata dobbiamo fare meglio, insistiamo su quello. Perisic? Dai grandi giocatori mi aspetto tanto, Ivan ha tutte le caratteristiche e tutte le qualità per essere determinante. Sta facendo bene, è in un buon momento".

Gli altri temi, soprattutto mercato: "Gli obiettivi della società e i miei erano e sono molto chiari, avevamo bisogno di un centrocampista, è arrivato un signor giocatore come Gagliardini. Ci serviva qualche uscita, qualcuna c'è stata e altre credo che ce ne saranno nei prossimi giorni. Sono fiducioso. Noi possiamo controllare il nostro presente, provare a fare il massimo per raggiungere la migliore posizione possibile. Fare un ottimo presente per cercare di costruire qualcosa di importante per il futuro dell'Inter. Insieme ad una società forte che ci sostiene e supporta e che ha grandi ambizioni. Il gruppo è unito e coeso, ha capito che lavorando nella stessa direzione possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Quando si lavora tanto e bene bisogna credere nei propri giocatori, ma ho anche l'esperienza necessaria per sapere che al 28 maggio si faranno i bilanci".

Mercato: Ranocchia davvero sul piede di partenza 19 Gennaio 14:38

Andrea Ranocchia, dodici giorni per lasciare l’Inter. Per lui ci sono sondaggi da parte di Palermo, Bologna e Sassuolo. Ma si aspettano anche le piste inglesi col West Ham opzione gradita e lo stesso Tottenham. In ogni caso l’entourage di Ranocchia sta trattando con gli Hammers che non hanno problemi ad accollarsi l’ingaggio da 2.4 milioni; l’Inter attende segnali. Quelli che Ausilio spera di avere a breve anche da Gnoukouri. Il club da tempo ha l’intesa col Crotone per un prestito fino a giugno, ma il giovane centrocampista ivoriano ha preferito prendere tempo per capire le altre possibilità.

Zanetti: per Gabigol non è facile, siamo felicissimi di Gagliardini 18 Gennaio 14:35

Il vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti era, all'indomani della vittoria per 3-2 sul Bologna in Coppa Italia,ospite dell’evento tenutosi a Roma “Calcio e disabilità: fischio d’inizio per Quarta Categoria”. Il dirigente nerazzurro ha parlato dell’evento, ma anche del momento della squadra e dei suoi singoli: “Gabigol meritava questa opportunità dopo tanto tempo che non giocava. Non era semplice per lui, ma abbiamo tanta fiducia, lo ha detto anche Pioli: con i giovani bisogna lavorare e avere la pazienza di farli abituare al campionato italiano. Gagliardini? Siamo contentissimi per le sue due partite, non è solo il presente ma rappresenta il futuro della nostra società. Bisogna ringraziare anche l’Atalanta che ha fatto un ottimo lavoro con il settore giovanile e continua a farlo. Puntiamo tantissimo su molti giocatori italiani che possono essere il futuro del paese”.

Ancora il Bologna a S.Siro, ancora Gabigol 17 Gennaio 13:34

L’Inter in campo questa sera a San Siro, contro il Bologna, per gli Ottavi di finale di Coppa Italia. Dovrebbe essere la serata di Gabigol che questa sera dovrebbe partire titolare; il Bologna torna dunque nuovamente nel destino, dopo l’esordio in Serie A del 25 Settembre scorso, i rossoblù potrebbero essere gli avversari nella sua prima da titolare con l’Inter. Barbosa agirà sulla trequarti partendo da destra, accompagnato da Joao Mario (Banega squalificato) ed Eder, alle spalle di uno tra Icardi e Palacio. Il tecnico dell’Inter Pioli questa sera farà ampio turnover: Andreolli e Medel faranno coppia in difesa, con Santon e Nagatomo terzini, Brozovic e Kondogbia in mezzo al campo.

Moratti esclude Thohir dai complimenti per l'Inter 16 Gennaio 15:15

"La squadra ha giocato molto bene, dà speranze per il futuro. Sia Pioli sia Zhang sono stati molto bravi. La Champions? Continuiamo a vincere": lo ha dichiarato l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti dopo il 3-1 al Chievo e le 5 vittorie consecutive. "Un mio ritorno nel club? Sono un tifoso - ha aggiunto - mi fa piacere che la squadra vada così. Non è impossibile ma difficile".

I 3 derby giovanili del weekend: 2 vittorie Milan, 1 Inter 16 Gennaio 14:12

Ieri erano in programma ben 3 derby giovanili fra Milan e Inter, tutti e 3 disputati in casa del Milan. L'elenco completo dei risultati, tutti di misura con un solo gol di scarto:

Allievi Under 16: Milan-Inter 0-1

Giovanissimi Nazionali Under 15: Milan-Inter 4-3

Giovanisslmi Regionali 2004: Milan-Inter 2-1

Cina sempre più nerazzurra e meno rossonera: piovono nuovi accordi 13 Gennaio 12:04

Tcl Corporation, uno dei maggiori produttori di televisori al mondo, ha chiuso un accordo di partnership con Suning. Il colosso sembrava nella cordata Milan, invece questo accordo conferma l’interesse ad avvicinarsi alla multinazionale proprietaria dell’Inter che gestisce quasi 2000 punti vendita di elettronica in Estremo Oriente. L’intesa è stata siglata nei giorni scorsi dopo una vista del presidente di Tcl, Li Dongsheng, a Nanchino da Zhang Jindong, fondatore di Suning. Scopo della collaborazione è duplicare l’attuale quota di televisori venduti on line. Ma ci sarà anche un risvolto direttamente legato all’Inter: alcuni modelli prodotti da Tcl saranno personalizzati col marchio della società nerazzurra. La stessa traiettoria l'aveva percorsa Alibaba che qualcuno, subito smentio, aveva indicato tra i papabili acquirenti del Milan. Invece ora il gigante dell’e-commerce è decisamente più vicino all’Inter dal momento che possiede il 20% di Suning e nei mesi scorsi il management europeo del gruppo di Jack Ma ha parlato di possibili accordi per creare una piattaforma on line di merchandising nerazzurro in Cina.

L'attacco del Milan fra Petagna e Luiz Adriano 12 Gennaio 13:35

"E' falso", è stato questo il commento del Milan all'indiscrezione giornalistica su un contatto fra il Club rossonero e la Lazio per il prestito di Cataldi. Intanto sembra vicina alla conclusione l'esperienza di Luiz Adriano con la maglia del Milan. Il calciatore, a 'Villa Stuart' a Roma, ha sostenuto le visite mediche per conto dello Spartak Mosca prima della firma sul contratto che lo legherà ai russi per i prossimi quattro anni e mezzo. Il raduno dello Spartak è fissato per domenica 15 Gennaio. Intanto secondo alcuni rumors, il Milan starebbe pensando ad un ritorno del figliol prodigo nella prossima estate: Petagna è, infatti, un prodotto del vivaio e con la maglia rossonera ha esordito tra i professionisti nel 2012.

Su Gagliardini la benedizione di Massimo Moratti 11 Gennaio 15:55

"Sono felicissimo per l'acquisto di un giocatore italiano. Ora dovrà dimostrare di essere all'altezza dell'Inter". L'ex presidente nerazzurro Massimo Moratti ha commentato così l'acquisto di Roberto Gagliardini che questa mattina ha svolto le visite mediche per poi raggiungere Appiano Gentile. Quando poi gli viene chiesto un giudizio sull'operato positivo di Pioli che ha riportato l'Inter a vincere, Moratti dice: "Era necessario".

Galliani per Cataldi e magari una parola in più su Keita...11 Gennaio 15:44

Nelle scorse ore, in casa Lazio, Danilo Cataldi ha 'alzato' la voce. Il giocatore, prodotto del vivaio biancoceleste, vuole giocare di più ma attualmente è chiuso da Lucas Biglia e Marco Parolo. Il profilo del giocatore è l'ideale per questo Milan giovane e italiano e la possibilità di schierarlo in tutti i ruoli della mediana stuzzica, e non poco, la fantasia di Adriano Galliani. La Lazio, inoltre, si starebbe convincendo a cedere il giocatore in prestito per dargli la possibilità di giocare e il Milan sarebbe la piazza giusta per rilanciarsi. L'amministratore delegato rossonero vuole provarci e magari proporre a Lotito l'inserimento, nella trattativa di Keita Baldè, vero obiettivo del Milan del presente e del futuro.

Milan, anche in Olanda Mastour continua a deludere 10 Gennaio 16:41

Dopo la delusione in Spagna, il bis in Olanda: Hachim Mastour, talento mai sbocciato delle giovanili del Milan, non è riuscito a imporsi neanche in Eredivisie con la maglia del Pec Zwolle. Appena quattro le presenze e il suo nome è comparso tra i flop del campionato olandese di 'Voetbalzone.nl': a 18 anni il tempo per rifarsi è ancora dalla sua parte.

L'Inter vince ancora, ma chi parla è sempre De Boer 9 Gennaio 14:02

Il giorno dopo Udinese-Inter 1-2, l'agenda nerazzurra torna ad imbarcare le dichiarazioni post Inter di Frank De Boer: "Dal licenziamento all’Inter non ne esco danneggiato, è stato un progetto difficile. Uno all’inizio pensa: oddio come sarà? E si spera di avere tempo a disposizione. Disappunto per come è finita con l’Inter? Io non guardo al passato in questo modo. Sarei rimasto volentieri più a lungo. Ma mi ha anche tolto tantissima energia l’esperienza all’Inter. Quei tre mesi sono valsi come un anno. E’ stato difficile, la preparazione la abbiamo fatta durante il campionato, mancava poco e speravo di avere più tempo, era questa l’idea iniziale. I dirigenti non possono promettere tempo, ma sanno che non sono un allenatore per il breve periodo. Se avessi avuto successo sarebbe stato molto bello, l’inter è ancora un top club nel mondo. Nessun danneggiamento per me, che i tifosi dell’Inter ancora mi apprezzino mi fa molto piacere”.

Milan-Cinesi: incognita Isole Vergini, certezza Huarong 5 Gennaio 14:04

Non si è ancora spenta l'eco suscitata dal documento pubblicato ieri dal portale calcioefinanza.it sulla provenienza dei 100 milioni di euro della seconda caparra versata dai cinesi di Sino-Europe Sports lo scorso 13 dicembre. La rivelazione del prestito concesso ad una società riconducile al capocordata Li Yonghong da parte di una società con sede nelle Isole Vergini Britanniche (noto paradiso fiscale) ha suggerito le ipotesi e le ricostruzioni più differenti, da chi continua a manifestare un certo scetticismo su tutta l'operazione a chi invece lo considera come una conferma sul coinvolgimento di importanti gruppi finanziari. Le convinzioni di questi ultimi derivano dal fatto che l'uomo di riferimento della Willy Shine (la società offshore coinvolta nella vicenda) sia quel Ken Chiam a cui, nella sezione del documento riservata ai finanziatori del prestito, è riconducibile l'indirizzo di posta elettronica con un dominio di proprietà della Huarong, uno degli istituti finanziari cinesi più imporanti in ambito internazionali. Un gruppo a partecipazione statale con un valore di mercato di oltre 14 miliardi di dollari, che occupa il 348° posto nella classifica della rivista specializzata Forbes dei gruppi industriali più ricchi del mondo.

Siviglia: sì a Jovetic, no invece a Banega 4 Gennaio 12:39

Pepe Castro, presidente del Siviglia, ha parlato a Cadena Cope del possibile arrivo di Stevan Jovetic e del futuro di Ever Banega, accostato di nuovo al club andaluso: “Abbiamo varie opzioni sul mercato e speriamo che qualcuna si concretizzi presto. Jovetic è un giocatore magnifico e speriamo che possa arrivare e dimostrare il suo valore, come ha già fatto in Italia e anche in Inghilterra. Sappiamo che ci interessa ma sapete anche che non mi piace parlare di cose che non sono fatte. Banega? Banega è un giocatore che ora sta in Italia, al momento non è un’opzione per noi. A noi serve un attaccante, è in quella posizione che abbiamo problemi”.

Il derby Suning-Sino Europe visto da un docente di diritto 3 Gennaio 10:27

Il professor Renzo Cavalieri, docente di diritto dell’Asia Orientale a Ca’ Foscari, che è anche uno degli avvocati del team che ha curato l’acquisto dell’Inter da parte di Suning, ha parlato così al Corriere della Sera della cessione del Milan ai cinesi: “Le cessioni di Milan e Inter? Sono due casi molto differenti. Suning è una realtà solida e articolata, con rami di business da tempo nel sistema-calcio della Repubblica Popolare. Anche per questo l’acquisizione dell’Inter è filata liscia: il progetto era chiaro e non c’erano contraddizioni con le regole cinesi. Pochi mesi di trattative, poi il closing. Per quanto riguarda il Milan, ma non è certo una novità, mi pare che ancora si debbano chiarire aspetti fondamentali come l’identità precisa della nuova proprietà e il futuro gestionale della squadra. Ogni investimento estero che abbia origine in Cina ha bisogno di specifiche autorizzazioni, in particolare da parte di tre enti: la National development and reform commission (Ndrc), il ministero del Commercio (Mofcom), infine (e forse la più importante), la State administration for foreign exchange (Safe). Prima di fornire il nulla osta, ognuno di questi attori verifica la coerenza tra le attività in patria e l’investimento all’estero. Insomma, se si possiede una società farmaceutica e si desidera acquistare una catena di ristoranti (o viceversa) scattano controlli e freni. Se è per questo che l’affare con la famiglia Berlusconi non è stato ancora chiuso? Se il ritardo dell’operazione dipende dal mancato ottenimento delle necessarie approvazioni cinesi, forse sì. Tutta la vicenda Milan appare abbastanza opaca sin dai tempi di mister Bee, l’imprenditore sino-thailandese che rappresentava capitali cinesi: finito nel nulla. Poi buco temporale, nomi che saltavano fuori come generati da un computer e infine il consorzio guidato da Li Yonghong, finanziere di cui mi pare che gli stessi cinesi sappiano piuttosto poco”.

Luiz Adriano allo Spartak Mosca dopo l'Epifania 2 Gennaio 19:34

Il trasferimento di Luiz Adriano allo Spartak Mosca è ormai definito. L'accordo è totale tra il Milan e il club russo. Mancano alcuni dettagli ancora da limare tra il giocatore e lo Spartak, nulla però che possa impensierire la chiusura dell'operazione. Il giocatore effettuerà le visite mediche tra il 10 e l'11 gennaio e solo allora si avrà l'ufficialità della cessione.

Rumors Inter: meno Lucas Leiva, più L.Gustavo e Gagliardini 31 Dicembre 11:04

L'Inter rimane in una situazione di attesa congelata, voluta, per il brasiliano del Liverpool, Lucas Leiva. Le indiscrezioni di mercato dell'ultimo giorno dell'anno vedono i nerazzurri più concentrati su altri obiettivi: sembra esserci uno spiraglio per Luiz Gustavo con il Wolfsburg, ad esempio. Ma anche la volontà di inserirsi con successo nella corsa ad uno dei giovani gioielli dell'Atalanta, nella fattispecie il giovane Gagliardini.

Deulufeu fra Milan ed Everton: interesse e nulla più 30 Dicembre 22:09

Lo spagnolo nato nel 1994 non è sceso in campo nella gara fra Hull City ed Everton. Il suo profilo interessa al Milan e, nel caso in cui lo cercasse, cosa che non è ancora avvenuta, potrebbe esserci anche il consenso di Sine Europe Sports. Ma per l'attaccante esterno già compagno di squadra di Bacca al Siviglia, non è ancora iniziata una vera e propria trattativa per il prestito fra Milan ed Everton.

Mercato Inter: Lucas Leiva una opzione come tante 30 Dicembre

L’ok definitivo per Lucas Leiva all'Inter non è ancora arrivato. La stessa Inter è intenzionata a ripensarci ancora prima di una decisione definitiva. La nuova proprietà ha espresso la propria fiducia a Stefano Pioli, ma sul mercato, i proprietari cinesi hanno chiesto ad Ausilio di verificare per qualche altro giorno se è possibile sbloccare, a certe condizioni, una delle trattative più allettanti (Luiz Gustavo su tutte) o se esistono altre opportunità in Italia (uno scambio Badelj-Jovetic è legato all’addio del viola Kalinic e potrebbe avere tempi lunghi) e in Europa (previsto un nuovo assalto per Krychowiak del Psg, Diarra chiede molti soldi e tra i papabili è spuntato l’argentino con passaporto italiano Kranevitter del Siviglia). La sensazione, quindi, è che soltanto in caso di esito negativo di queste valutazioni potrà essere dato il via libera per Lucas Leiva.

Il 2017 interista inizierà in campo in Spagna il 3 Gennaio 29 Dicembre 11:11

Il nuovo anno dell’Inter partirà dal sud della Spagna, ai confini con Gibilterra. Il 3 gennaio andrà in scena il 1° Trofeo la Linea de la Concepcion all’Estadio Municipal. In programma ci saranno 3 partite da 45 minuti ciascuna. Il match d’apertura vedrà sfidarsi Real Balompédica Linense e Marbella Fútbol Club alle ore 18.00. La squadra perdente affronterà l’Inter alle ore 19.00, mentre quella vincente giocherà alle ore 20.00, sempre contro i nerazzurri. Le due formazioni spagnole disputano questa stagione la Segunda División B, la terza serie calcistica, che equivale alla nostra Lega Pro. La visione del torneo amichevole dovrebbe essere disponibile su Inter Channel. Archiviata la trasferta in Spagna, i nerazzurri faranno rientro in Italia, ma a Trieste, dopodiché si trasferiranno a Udine per affrontare i bianconeri di Luigi Delneri domenica 8 gennaio alle ore 12.30.

Dubai, Javier Zanetti rilancia i programmi dell'Inter 28 Dicembre 11:06

Javier Zanetti, presente a Dubai per i Globe Soccer Awards, ha rilanciato le ambizioni dell’Inter, grazie alla potenza economica e alla voglia di investire di Suning: “Il calcio sta crescendo, io sono vicepresidente dell’Inter e la proprietà è cinese. Suning è una proprietà seria, vuole aprire un ciclo e fare la storia. Possiamo fare cose ancora più importanti e, attraverso i valori del club, tornare a essere protagonisti. Un’Inter ancora grande? È il nostro obiettivo. Suning ha grandi ambizioni, ha idee chiare e vogliamo che l’Inter torni a lottare per essere protagonista nelle competizioni più importanti”.

Anche Rino Gattuso contento per il Milan di Doha 24 Dicembre 16:59

"Dopo tante vittorie conquistate in questi anni, vedere come ha festeggiato Galliani ieri sera mi ha fatto piacere e non nascondo che sono contento per il successo del Milan". Lo ha detto Rino Gattuso, tecnico del Pisa al termine dello 0-0 pre-natalizio contro lo Spezia, commentando il primo trofeo conquistato dai rossoneri dai tempi in cui lui vestiva quella maglia. "Montella è un bravo allenatore - ha aggiunto - ed è quello che gioca il calcio 'spagnolo' nel modo migliore in Italia. Il Milan ha dei buoni giovani e ieri, mentre festeggiavano, ho visto nei loro occhi tanta voglia. Penso che potranno crescere ancora e togliersi tante soddisfazioni".

Gabigol in campo anche vs Lazio: buona prova 22 Dicembre 12:10

Gabigol è entusiasta e felice per la terza presenza con la maglia dell'Inter, in coda al 3-0 sulla Lazio. Il ragazzo ha fatto anche un paio di buone giocate e incitato i tifosi: "Ma che bello! Forza Inter" ha scritto l'attaccante brasiliano nella notte su Twitter postando una foto che lo vede in campo contro la Lazio nella gara di ieri. Solo una manciata di minuti sul 3-0 ma comunque un passo avanti per il giovane brasiliano.

Milan, piccolo ma c'è: il ritardo aereo del giorno dopo 21 Dicembre 16:23

Un ritardo c'è stato ma sopportabile, di circa un quarto d'ora, nel decollo del charter con a bordo il Milan, diretto a Doha dove venerdì i rossoneri affronteranno la Juventus per la Supercoppa italiana. Dopo i problemi tecnici al velivolo, che ieri pomeriggio hanno costretto la squadra a posticipare la partenza di 24 ore, oggi è filato tutto liscio. Il 757 della compagnia britannica Titan Airways è arrivato da Londra all'aeroporto di Malpensa poco dopo mezzogiorno ed è decollato con a bordo squadra e dirigenti rossoneri alla volta del Qatar circa un quarto d'ora dopo le 15. La durata del volo è poco più di sei ore, quindi il Milan atterrerà a Doha verso le 23 ora locale.

Zhang Jindong: Suning sostiene l'Inter al cento per cento 21 Dicembre 15:20

Zhang Jindong ha voluto fare un discorso all’ambiente per dare tivazioni per chiudere bene il 2016: “Sono arrivato questa mattina direttamente dalla Cina, dove in queste ore tutti aspettano questa partita. Dobbiamo essere tutti uniti per questa ultima partita del 2016. Il Gruppo Suning sostiene al 100% l’Inter, dobbiamo vincere questa sera, prima di godere di una meritata sosta“.

Matthaeus sprona l'Inter contro la Lazio a S.Siro 21 Dicembre 10:42

"Inter-Lazio? Finisce 3-1 per i nerazzurri". E' il pronostico di Lothar Matthaeus, ex centrocampista dell'Inter, ieri in visita ad Appiano Gentile e stasera ospite di un evento dedicato ai tifosi, a San Siro. Il tedesco, sorridente insieme a Zanetti e felice di poter riassaporare il mondo Inter, si è detto sicuro che i nerazzurri lotteranno fino alla fine per il terzo posto. "Ci sono sei squadre che se la giocano. La Juve è troppo distante - ha detto - Roma e Napoli fanno un bel gioco, ma Milan e Fiorentina non sono più forti dell'Inter. Pioli sta facendo un buon lavoro e quando vinceremo contro la Lazio saremo vicini alla Champions".

Supercoppa, si accendono i motori direzione Doha 19 Dicembre 15:45

Adriano Galliani oggi in Lega: "Siamo al quarto confronto con la Juventus in questo anno solare. Io continuo a dire che non ci hanno mai messo sotto e qualcuno scrive che non abbiamo mai perso. Come gioco non ci hanno messo sotto. Abbiamo perso sia in campionato sia nella finale di Coppa Italia, giocando alla pari con la Juventus. Poi abbiamo giocato questo autunno vincendo. Sul piano del gioco, nelle tre partite disputate, ho sempre visto il Milan giocare alla pari con la Juve. Io mi auguro che si continui a giocare con lo stesso equilibrio e magari con lo stesso risultato dell’ultima Le chance sono al 50%. Il Milan sta bene, abbiamo vinto qualche partita che, magari potevamo non vincere. Con la Roma e Atalanta un punto è poco. Siamo felici che facciamo la seconda finale di questa stagione e speriamo di tornare a vincere, visto che è da Pechino 2011 che non alziamo un trofeo. Il presidente Berlusconi ci terrebbe molto e mi piacerebbe molto vincere. La Juventus è solida e feroce. Il Milan è giovane e bello”

Inter nega caso Jovetic, a Giugno solo prestiti 18 Dicembre 16:10

Prima della vittoria, 1-0 gol di Candreva a Sassuolo, ha preso la parola Piero Ausilio: "Non c'è nessun caso Jovetic. Il suo agente, sa benissimo che le cose stanno in un altro modo. Pensare che all'Inter i giocatori facciano la formazione come in una tombola di Natale è una cosa che non esiste. Se nell'ultimo anno tre allenatori hanno utilizzato poco Jovetic è solo per ragioni tattiche. Lui è un grandissimo calciatore, è un patrimonio dell'Inter". Lo ha detto il direttore sportivo dell'Inter, Piero Ausilio. Quanto al mercato, Ausilio ha confermato che stanno cercando un perno davanti alla difesa: "Purtroppo, per via del financial fair play, potremo solo trovare qualcuno in prestito per sei mesi - ha spiegato - e poi lavorare su qualcosa di più concreto a giugno. "Appiano Gentile cambierà nome da 'Angelo Moratti' a 'Suning Com'? Suning è solo una sponsorizzazione, ma il centro sportivo rimane dedicato al presidente", ha concluso Ausilio.

Milan, poche aspettative dal mercato di Gennaio 18 Dicembre 11:02

Le dichiarazioni più importanti di Adriano Galliani dopo Milan-Atalanta 0-0: "Bacca è incedibile e sono d'accordo anche lui e il procuratore. E' entrato bene oggi, lasciamo fare all'allenatore il suo lavoro e vediamo. Io tifo per la Juventus per 36 partite su 38 in questa stagione, perchè ogni volta che vince porta via punti a squadre abbordabili per noi. Percassi, il presidente dell'Atalanta ha un grande rapporto con il presidente Berlusconi, è un imprenditore eclettico. Ha tanti marchi. Giovani in squadra? Tanti giovani e italiani come piacciono tanto al presidente e all'amministratore delegato del Milan. Mercato a gennaio? Succederà poco e nulla. Gli obiettivi del Milan per l'estate dipenderanno da chi ci sarà. Se ci sarà una nuova proprietà deciderà con la propria testa".

Milan, conferme sulla China Industrial Bank 16 Dicembre 17:20

Ci sarebbero realtà finanziarie e imprenditoriali che gestiscono asset per oltre mille miliardi di euro fra gli investitori cinesi impegnati nell'acquisto del Milan. Lo riferiscono fonti vicine alla trattativa che hanno consultato gli ultimi documenti ufficiali scambiati nel dossier. Tra i soggetti finanziari più rilevanti coinvolti nel consorzio da Sino-Europe Sports sarebbe confermata la presenza di China Industrial Bank Asset Management, società che fa parte di uno dei principali gruppi bancari cinesi e capitalizza oltre 40 miliardi di euro con asset totali per circa 780 miliardi. Inoltre ci sarebbe anche la Huangshi Zhongbang Sports Development, presentata come una realtà imprenditoriale specializzata nel settore dell'edilizia sportiva.

Inter, Zhang: il mondo è il nostro obiettivo 14 Dicembre 12:57

"Abbiamo un solo obiettivo da quando investiamo nell'Inter: farne il miglior club al mondo": lo ha detto Steven Zhang, figlio del proprietario del club nerazzurro, durante la cena natalizia degli sponsor. "L'Inter oggi è diversa, perché Suning è una delle più grandi imprese nel mondo - ha aggiunto - nonché la più grande azienda di media in Cina. Vi prometto che in futuro faremo la storia insieme: è una questione di tempo". Poi con un sorriso, chiedendo agli ospiti di non brindare troppo con i giocatori, ha ricordato: "Ci sono ancora due partite da giocare e vogliamo essere certi di arrivare a Natale più forti".

L'Equipe "chiama" Mauro Icardi a Parigi 13 Dicembre 15:39

C'e' anche Mauro Icardi nella rosa dei nomi nel mirino del Paris Saint Germain, alla ricerca di un attaccante, soprattutto se dovesse partire Cavani. Dopo la partenza in estate di Ibrahimovic, finito al Manchester United, il club francese non è riuscito ancora a sostituire lo svedese e riproverà a farlo nel mercato invernale. Tra i possibili obiettivi del Psg ci sarebbe, secondo L'Equipe, anche l'attaccante dell'Inter autore di 14 gol dall'inizio della stagione.

Roma-Milan 1-0: Montella e il "rigorista" Niang 13 Dicembre 10:42

Vincenzo Montella ieri sera all'Olimpico: "I cambi? Ho chiesto tanto a Lapadula e Bertolacci, hanno speso tanto. Erano opzioni che avevo preventivato, perché erano stanchissimi. Hanno fatto una buona partita, ma cominciavo a vederli in calo". Sull’errore di Niang: "Prima della partita, parlando alla squadra, avevo detto che il rigorista sarebbe stato ancora M’Baye, perché li calcia bene. Il secondo rigorista era Lapadula. Mi spiace per il ragazzo, ma ci sta: i rigori li sbaglia chi li tira".

Inter, Gabigol ha ormai finito le scorte di pazienza 13 Dicembre 10:40

"Gabigol si e' veramente rotto e ha ragione". E' il duro sfogo di Wagner Ribeiro agente dell'attaccante dell'Inter Gabriel Barbosa. "Non gioca. E' sceso in campo 16 minuti in tre mesi. Ieri vincevano 2-0 - ha aggiunto l'agente a Espn - e non ha giocato, la settimana prima perdevano 3-0 e non ha giocato. Hanno pagato 30 milioni di euro per trattarlo così. Parlerò con l'Inter faccia a faccia a inizio anno". E il futuro del giovane brasiliano e' ancora un enigma: "Ancora non so nulla di un eventuale prestito. Andrò in Italia a gennaio e parlerò con l'Inter, ora è complicato". Intanto il sito brasiliano 'Globoesporte' scrive che il giovane attaccante ex Santos avrebbe già respinto l'ipotesi di andare in prestito al Las Palmas, quindi nella Liga, preferendo invece tornare in patria, sempre a titolo temporaneo.

Inter-Genoa 2-0, Pioli: Ok anche le vittorie sofferte 12 Dicembre 12:07

"Volevamo fare la partita, anche se abbiamo sofferto. Ma avevamo bisogno di questa vittoria sofferta'': ha commentato così la vittoria della sua Inter Stefano Pioli. ''All'inizio non ci siamo mossi benissimo, dovevamo cercare di più la profondità. Non ci siamo riusciti anche per merito della forte pressione del Genoa - ha aggiunto - Non possiamo essere soddisfatti di quello che è stato fatto fino a ora: dobbiamo accettare le critiche, ma il campionato è lungo e abbiamo il tempo per crescere e migliorare le situazioni che ancora ci vedono in difficoltà''. ''La presa di posizione della Curva nei miei confronti? Ho avuto un buon impatto con l'ambiente -ha poi sottolineato Pioli - ma ora è il momento di fare i fatti: è il momento della determinazione e dell'umiltà. Dobbiamo portare serenità e serietà: le parole le porta via il vento, i fatti rimangono. Siamo una grande società e dobbiamo comportarci come tale. È il lavoro che ci deve dare certezze, con quello arrivano i risultati''.

Montella pensa alla Roma e resta alla finestra per i Cinesi 11 Dicembre 15:02

Vincenzo Montella vive "con molto distacco" la lunga vicenda della possibile cessione del Milan ai cinesi e cerca di continuare a isolare la sua squadra. "Sinceramente non stiamo facendo fatica, la nostra società attuale, non so se sarà quella futura o no, è molto vicina e presente, ci sta dando valore - ha spiegato l'allenatore rossonero a Milanello alla vigilia di Roma-Milan -. Quello che sarà non possiamo prevederlo, non posso domandarmelo e nemmeno possono farlo i giocatori". "Aspettiamo gli eventi ma con molto distacco", ha concluso.

Pioli non nega il tema di Gabigol in prestito ma sta sulle sue 10 Dicembre 16:00

Vigilia di Inter-Genoa,le parole di Stefano Pioli: “E' lecito aspettarsi giocate importanti dai giocatori di qualità come Banega. Ne ho tanti di giocatori di qualità, che con le loro giocate possono farci vincere le partite. sul Genoa, credo che Juric stia facendo un ottimo lavoro. Il Genoa ha tanta organizzazione, tanta grinta, dovremo essere all’altezza delle loro caratteristiche. Fanno molto bene con le grandi, hanno la seconda miglior difesa del campionato. Ci stiamo preparando al meglio per affrontarli, è una gara importante. I tifosi? In questo momento dobbiamo accettare tutte le critiche. I tifosi hanno espresso insoddisfazione per non aver onorato un impegno importante come l’Europa League. Siamo riusciti ad onorarlo almeno giovedì, e così dovremo fare da qui a fine campionato. Gli obiettivi ci sono ancora, non è finito tutto. Dobbiamo dare loro soddisfazioni, i tifosi non si aspettano parole ma fatti. E questo è quello che gli dobbiamo dare. Gabigol meglio via in prestito? Credo sia una domanda lecita, ma in questo momento non mi va di parlare di mercato. Sono concentrato sul presente, penso alle prossime tre gare molto importanti. Faremo poi le valutazioni migliori per la squadra e per i singoli giocatori”.

L'ultima del 2016 europeo dell'Inter: 2-1 allo Sparta Praga 9 Dicembre 12:02

L'Inter ha salutato l'Europa con una vittoria, in un San Siro semivuoto per la protesta dei tifosi. E' finita 2-1 con lo Sparta Praga, che si è qualificato ai Sedicesimi con gli inglesi del Southampton (1-1 con il Beer Sheeva). Ma anche ieri sera, con una squadra con diversi giovani, la formazione di Pioli ha sofferto. In gol con Eder, su una bella azione costruita dal baby Pinamonti, i nerazzurri sono stati raggiunti a inizio ripresa da un colpo di testa di Marecek. Lo Sparta ha poi sprecato l'occasione di andare in vantaggio su rigore, Carrizo infatti ha netraulizzato il tiro di Dockal. Nel finale, al 90', il gol vittoria ancora di Eder.

Inter, l'Empoli sogna in prestito Gabigol e Kondogbia 7 Dicembre 11:08

Marcello Carli, ds empolese, ha risposto a domande di mercato: “Gabigol da noi? Difficile, qui nessuno parla portoghese! Sarebbe bello averlo, magari insieme a Kondogbia. A parte gli scherzi, al momento preferisco non parlare di mercato. Le prossime saranno partite molto importanti per la nostra classifica. Se Ausilio chiamasse? A quel punto potremmo parlarne, anche se ora è presto. Piero è un amico e abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto”

Verso Roma-Milan: Bacca in dubbio, ottimismo Jack-Mati 6 Dicembre 16:06

Secondo quanto riferisce Premium Sport, in vista della sfida di lunedì prossimo all’Olimpico contro la Roma, ci sarebbe ottimismo a Milanello in merito al recupero di Giacomo Bonaventura, Mati Fernandez e Bacca, tutti e tre alle prese con problemi muscolari. Anche se Bacca sembra un po' più indietro rispetto agli altri due compagni di squadra, visto che non si è allenato nemmeno oggi.

#MaiUnaChance: finita la pazienza di Gabigol 6 Dicembre 11:56

"Gabriel Barbosa non è contento all'Inter, al di là dell'ottimo rapporto con i compagni di squadra. Il problema è in campo perché non sta avendo alcuna chance di giocare. Tornerò in Italia a gennaio per risolvere questa situazione una volta per tutte". E' lo sfogo di Wagner Ribeiro, agente di Gabigol, che a Radio Bandeirantes, si lamenta per la gestione dell'attaccante brasiliano. Gabigol finora e' stato utilizzato solo 16 minuti contro il Bologna e ora si parla gia' di una cessione in prestito a gennaio. "La possibilità di tornare in Brasile nel 2017 è difficile ma esiste. E' difficile perché prima di tutto - ha spiegato l'agente - vorrebbe dire tornare da sconfitto, secondo perché se dovesse lasciare l'Inter e tornare in prestito, perderebbe il posto da extracomunitario che è stato occupato quando è stato acquistato. Se andasse invece in un'altra squadra italiana, potrebbe tornare a luglio da comunitario. E questo potrebbe succedere solo se restasse in Italia".

Derby femminile: Milan Ladies-Inter Femminile 0-3 5 Dicembre 19:29

Un Derby con poca storia. Proprio nel giorno del suo compleanno, e alla presenza di Javier Zanetti, Alessia Rognoni con una doppietta ha posto le premesse per battere il Milan. La cronaca. Già Al 6′ le ragazze dell’Inter vanno in vantaggio con un gran tiro di Rognoni. Il Milan accusa il colpo, e non riesce a prendere il pallino del gioco, più volte prima con Baresi e poi con Bonfantini la difesa rossonera va in difficoltà, ed è Vitali, il centrale del Milan, che deve più volte intervenire per salvare la.propria area di rigore. Ma al 19esimo è ancora Rognoni che dopo uno scambio con Baresi calcia da fuori area e trafigge per la seconda volta l’ottima Groni. Neanche il tempo di cercare di avere una reazione, ed il Milan si trova sotto di tre reti, è infatti Alice Regazzoli, che dopo uno scambio sulla trequarti entra in area e trafigge ancora il portiere milanista. E si va al riposo sul risultato di 3 a 0. Il secondo tempo è sulla falsa riga del primo.

Gabigol si fa coraggio: per le vie di Milano con Joao Mario 5 Dicembre 12:37

Gabigol si è goduto qualche ora della giornata domenicale di ieri, in compagnia di Joao Mario, in giro per Milano. Ha pubblicato una foto su un ponte, con vista sulla Unicredit Tower. E ha scritto una frase che fa pensare ad un modo di farsi coraggio: “Dritto in faccia tutto ciò che viene“. Ma quello che viene sarà ancora all’Inter o gli verrà proposta una squadra che, schierandolo più frequentemente in campo, lo faccia maturare? Una prova non facile da superare. Ma lui dice di non aver paura e di essere disposto a continuare a guardare in faccia quello che verrà.

Galliani-Fassone: appuntamento per il mercato 5 Dicembre 12:34

Secondo quanto riportato da La Stampa, nel corso dei prossimi giorni l'ad del Milan Adriano Galliani incontrerà Marco Fassone per programmare le strategie in vista del prossimo mercato di Gennaio. Senza closing, i rossoneri sono destinati a un altro mercato di navigazione a vista, con i soldi a disposizione che saranno soltanto quelli provenienti da eventuali cessioni.

Pioli severo, dopo lo 0-3 di Napoli niente domenica libera 3 Dicembre 16:29

Inter in castigo. Stefano Pioli, dopo lo 0-3 di ieri a Napoli, ha annullato il giorno di riposo previsto per domani. Cambio di programma e allenamento fissato per le 15. L'allenatore nerazzurro cancella quindi la domenica libera concessa inizialmente alla squadra visto che giovedì affronterà lo Sparta Praga a San Siro in una partita comunque ininfluente, con i nerazzurri già matematicamente eliminati dall'Europa League.

Montella, i 3 punti sono sempre 3 punti, contro chiunque...3 Dicembre 16:28

"I tre punti in palio valgono come quelli con la Juventus": Vincenzo Montella ha esortato alla vigilia il Milan a non sottovalutare la sfida contro il Crotone del suo amico Davide Nicola. "Ci conosciamo da tanto, abbiamo giocato sei mesi insieme in Serie B al Genoa e abbiamo legato molto - ha raccontato l'allenatore rossonero -. Mi costrinse a comprare un libro, 'L'alchimista' di Paulo Coelho, e lo lessi in due giorni. Poi abbiamo fatto il corso di Coverciano insieme. E' un allenatore molto preparato anche sul piano psicologico". Montella non se la sente poi di rispondere un 'sì' o un 'no' deciso alla domanda se il Milan concluderà il campionato davanti all'Inter. "Non lo so, purtroppo domani come tanti addetti ai lavori del calcio non potrò andare a votare. Mi auguro che si possa arrivare davanti all'Inter, più per meriti nostri che per demeriti loro. Le ultime partite hanno dimostrato che i tifosi sono dalla nostra parte. Al di là dell'aspetto numerico, è importante avere la vicinanza del pubblico".

Closing Milan 2017, con altri 100 milioni rossoneri 2 Dicembre 13:01

Oggi nuovo summit tra i cinesi e Fininvest, con i rispettivi advisor. La strada è segnata: Fininvest chiederà un’ulteriore caparra di 100 milioni aggiuntivi rispetto ai 100 milioni già incassati. Il closing verrà così rinviato rispetto alla scadenza del 13 dicembre fino al prossimo anno. Non è dato sapere quanto tempo Fininvest concederà ai cinesi per versare i restanti 320 milioni (infatti 520 milioni è la cifra complessiva). Secondo quanto risulta da fonti attendibili, i nuovi 100 milioni transiteranno offshore dalla Cina, cioè da Hong Kong, come era già successo per i primi 100 milioni.

Sosa: il suo agente scarta il Fenerbahce 1 Dicembre 12:38

ll Fenerbahce su José Sosa del Milan. E' però intervenuto il suo agente, Favio Bilardo: "Detto in tutta sincerità, non abbiamo parlato con nessuno. Né noi, né il Milan. José è felicissimo della scelta fatta in estate e ora aspetta solo il suo momento per dimostrare quanto vale. Sosa ha trovato la tranquillità che cercava, a Milano gli è cambiata la vita in meglio dopo le stagioni in Turchia e Ucraina. A lui, ma anche alla sua famiglia. Le voci uscite come al solito sono solo invenzioni della stampa turca frutto della rivalità fra Fenerbahce e Besiktas. Ripeto, è felice al Milan. Lui è arrivato in Italia dopo una trattativa lunghissima durante la quale non si è potuto allenare col Besiktas. Per questo aveva solo bisogno di tempo per raggiungere il top della condizione. Si trova bene con Montella e aspetta la sua opportunità. Intanto sta dando il massimo per assimilare i concetti tattici dell'allenatore".

Bacca, cavolate: lui dal Milan non si muove 30 Novembre 16:09

Sergio Barila, agente dell'attaccante del Milan Carlos Bacca, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli s'è brevemente soffermato sulla possibilità che il suo assistito si trasferisca al Napoli nella prossima finestra di calciomercato: "Sto leggendo e sentendo tante cavolate, lui sta benissimo al Milan e non si muoverà", ha detto.

Milan, tempi lunghi per Davide Calabria 30 Novembre 14:29

Questo il comunicato ufficiale diffuso dal Milan nel primo pomeriggio di oggi: "AC Milan comunica che Davide Calabria soffre ancora per i postumi di un trauma distorsivo alla caviglia sinistra con danno legamentoso, procuratosi ad inizio ottobre in allenamento. Gli specialisti consultati hanno tutti escluso, al momento, la necessità di un trattamento chirurgico. Il danno, in miglioramento, richiede tempi lunghi per la completa guarigione. È stato concordato un programma riabilitativo per portare il calciatore alla ripresa agonistica che avverrà in funzione della risposta clinica alle progressive sollecitazioni".

Post Inter-Fiorentina 4-2: Pioli, il casting è andato così 29 Novembre 18:54

Domande sul modulo, sul valore dell'organico dell'Inter e un commento sulle difficoltà della squadra: Bruno Satin, agente del tecnico nerazzurro Stefano Pioli, ha svelato a Sky Sport alcuni retroscena del colloquio tra l'allenatore e la società, durante i casting per sostituire De Boer. "C'erano tutte le parti del club - ha raccontato - sia la proprietà cinese, con i suoi consiglieri, sia la parte di Thohir, Williamson e i dirigenti italiani Gardini, Ausilio e Zanetti. Credo che hanno fatto una shortlist dalla quale hanno voluto incontrare tutti i candidati". Tante le domande fatte a Pioli durante l'incontro: "Hanno chiesto come voleva giocare, cosa pensasse della squadra e perché non giocava bene. Il modulo su cui lavorare, le motivazioni, lo spirito di gruppo. Pioli è uno serio, non vende fumo. È sempre stato molto sereno e sicuro di se stesso, ha sempre pensato di portare la squadra al top".

Pioli con i vertici Inter prima della Fiorentina 28 Novembre 12:27

Zhang Jindong, proprietario dell'Inter, il figlio Steven e il presidente Erick Thohir sono arrivati a Milano e in mattinata raggiungeranno Appiano Gentile per incontrare Stefano Pioli e la squadra nerazzurra chiedendo subito una reazione dopo la delusione in Europa League. Sarà il primo faccia a faccia tra il numero uno del Suning, Thohir e il tecnico emiliano. Stasera poi i vertici societari saranno in tribuna a San Siro per assistere alla partita contro la Fiorentina.

Montella: Milan, stiamo calmi e continuiamo a crescere 27 Novembre 12:19

"Noi dobbiamo pensare alla nostra crescita che deve ancora esserci. Abbiamo margini di miglioramento e io voglio guardare al futuro e non al passato". Così il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, Nel dopo partita di Empoli-Milan 1-4. "La partita ha detto tante cose - ha spiegato - Ci sono cose da migliorare, il primo tempo non mi è piaciuto per costruzione, atteggiamento e impostazione. La ripresa è stata totalmente diversa e noi dobbiamo avvicinarci al secondo tempo, al di là delle vittorie e della classifica che dipende molto anche dagli avversari". Lapadula tornato carico dallo stage con la Nazionale? "Gianluca non ha bisogno di avere più convinzione, affronta ogni allenamento al 110%. Se riuscisse a gestire meglio le sue energie potrebbe esprimersi ancora meglio in campo. Ma lui è così, è arrivato a questi livelli proprio per questa sua mentalità".

Inter-Fiorentina con Zhang e Thohir a San Siro 26 Novembre 10:53

Zhang Jindong, il figlio Steven e il presidente dell'Inter Erick Thohir sono attesi a Milano lunedì e saranno a San Siro per assistere alla partita dei nerazzurri contro la Fiorentina, posticipo della 14/a giornata di Serie A. Domani intanto, a Nanchino, verrà inaugurato lo store Inter-Jiangsu: all'evento saranno presenti Javier Zanetti, Francesco Toldo e alcuni dirigenti nerazzurri, che poi vedranno anche la partita di Coppa di Cina fra Jiangsu Suning e Guangzhou e poi faranno rientro a Milano.

Montella: il Milan è suo, di Silvio Berlusconi 25 Novembre 16:43

"Non ho sentito se domenica negli spogliatoi abbia detto che tiene il club, ma Berlusconi ha parlato da presidente": lo ha detto l'allenatore del Milan Vincenzo Montella alla vigilia della sfida con l'Empoli. "Alla cessione non penso - aggiunge - Io devo pensare solo alla partita. I ragazzi li vedo concentrati, hanno voglia di vincere e questo è il massimo per un allenatore". Dopo il derby, il patron aveva elogiato Montella e detto di preferire un Milan con due punte e un trequartista. "Certe cose le ha dette pure a me - ha spiegato il tecnico - Ma le parole del presidente non si commentano. Non credo ci sia un modulo che possa far vincere; comunque, ascolto sempre con piacere le parole del presidente". Quindi sulla trasferta al Castellani: "Gara pericolosa. L'Empoli è una squadra organizzata, ma nelle ultime due giornate è stata indecifrabile. Noi, ad ogni modo, dobbiamo vivere alla giornata. Romagnoli? È recuperato, mentre Lapadula ha tanta voglia di essere protagonista ma può starci bene anche Luiz Adriano".

Pioli e l'inammissibile Inter israeliana 25 Novembre 09:20

Le dichiarazioni del tecnico nerazzurro dopo Hapoel-Inter 3-2 e l'eliminazione: "Il risultato di Praga ci poteva ancora tenere in gioco? Proprio non mi interessa. Non possiamo giocare due partite in una come stavolta. Come in passato si è spenta la luce dopo aver subito un gol? Se continuiamo a parlare del passato, di cosa è o non è stato, non andiamo da nessuna parte. Potrei aggiungere che questa eliminazione non arriva certo per il risultato di oggi, ma il vero problema è che tutti dobbiamo lavorare per cambiare in fretta registro. Cosa è successo nel secondo tempo ? Che abbiamo smesso di giocare da squadra e che siamo stati presuntuosi. E questo non deve mai accadere. Se vuoi vincere delle partite, non puoi permetterti certi atteggiamenti. Abbiamo anche avuto la palla del 3-0, ma non abbiamo concretizzato.”

Inter in Israele: largo ai giovani fra i convocati 23 Novembre 11:37

Domani sera Inter in campo contro l’Hapoel Beer Sheva in trasferta per l' Europa League. L’Inter deve vincere per cercare di mantenere viva una piccola speranza di passare la fase a gironi. Il tecnico Pioli ha diramato la lista dei 20 convocati per la sfida di domani sera; non ci sono, come annunciato, Medel e Santon ma è presente tra gli attaccanti il giovane Primavera Pinamonti (1999).

Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni;

Difensori: 13 Ranocchia, 15 Ansaldi, 24 Murillo, 25 Miranda, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 95 Miangue;

Centrocampisti: 5 Melo, 19 Banega, 27 Gnoukouri, 77 Brozovic;

Attaccanti: 9 Icardi, 11 Biabiany, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva, 99 Pinamonti

Inter-Humanitas, lesione al menisco laterale per Medel 22 Novembre 14:07

Gary Medel, dopo l’infortunio patito nel derby che l’ha costretto a lasciare il campo nel primo tempo, si è sottoposto questa mattina ad accertamenti clinici e risonanza magnetica al ginocchio destro presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. Gli esami hanno evidenziato la presenza di una lesione del menisco laterale. Nei prossimi giorni sarà valutato il tipo di trattamento.

Silvio Berlusconi ringrazia la Curva: con il Milan per sempre 21 Novembre 18:45

Questo il testo scritto da Silvio Berlusconi per i tifosi rossoneri dopo la coreografia che ha anticipato il derby del 2-2: "Grazie, grazie, grazie. È stato bellissimo, emozionante e sorprendente. Arrivare a San Siro per una occasione importante come il derby di Milano, essere attorniato da tanti tifosi rossoneri che mi applaudivano e mi ringraziavano ma soprattutto, improvvisamente, vedere la splendida coreografia realizzata dai ragazzi della Curva Sud. Ancora grazie, grazie, grazie. I tifosi Milanisti degli altri settori dello Stadio hanno a lungo applaudito e fotografato questo bellissimo spettacolo. Le televisioni lo hanno mostrato all'Italia e al mondo. Ecco, l'Italia, l'Europa, il Mondo: nella vostra coreografia mozzafiato non avete dimenticato nessuna delle emozioni che abbiamo condiviso, dei sacrifici che abbiamo fatto e dei grandissimi trofei che abbiamo vinto ovunque e comunque. Una coreografia che avete pensato e mi avete dedicato, ma che giro a tutti voi, ragazzi della Curva e tifosi rossoneri. Io ho la soddisfazione di aver contribuito alle vostre emozioni, voi mi avete commosso fino alle lacrime. Insieme, con il Milan e per il Milan. Per sempre. Con tanto affetto, con i colori rossoneri nel cuore, il vostro Presidente. Silvio Berlusconi".

Ultimi 30 anni: i gol negli ultimi minuti di un derby 21 Novembre 11:52

1987 - Milan/Virdis - Inter-Milan 1-2

1990 - Inter/Berti - Milan-Inter 0-1

1993 - Milan/Gullit - Inter-Milan 1-1

1994 - Milan/Massaro - Milan-Inter 2-1

1999 - Milan/Weah - Inter-Milan 1-2

2001 - Milan/Boban - Milan-Inter 2-2

2005 - Inter/Adriano - Inter-Milan 3-2

2013 - Inter/Palacio - Inter-Milan 1-0

2016 - Inter/Perisic - Milan-Inter 2-2

Berlusconi-Zhang: l'incontro poco dopo il 2-2 finale 21 Novembre 07:57

Un bel derby, intenso, sempre sul filo del ribaltamento difronte. E con spettatori nuovi e diversi in tribuna d'onore. Come Steven Zhang, figlio di Jindong, l'uomo della nuova società nerazzurra che seguirà l'Inter più da vicino. Alla fine della partita Zhang ha incontrato Silvio Berlusconi, che invece era, probabilmente, al suo ultimo derby da presidente del Milan. Il giovane business-man cinese ha incassato i complimenti di Berlusconi, che si è congratulato per la partita dell'Inter brava, secondo il presidente, a mettere in difficoltà il Milan e a pressarlo per tutta la gara, dicendo anche che il risultato era giusto. Zhang, che lascerà la città oggi, dal canto suo ha poi commentato che Milano è fortunata ad avere due grandi squadre come Inter e Milan.

Oggi Pioli, domani Montella: il derby degli allenatori 18 Novembre 14:23

"L'aria che sento è quella giusta. Ieri mi sono addormentato sereno, sono arrivato qui al top della mia maturità, sono in uno dei club più prestigiosi del mondo, sono stato accolto bene dai tifosi e sono positivo". Lo dice l'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, in una conferenza stampa inusualmente tenuta nell'antivigilia del derby di Milano. "Sono orgoglioso di come i ragazzi hanno approcciato il lavoro, conoscevo le loro qualità tecniche - ha spiegato - ma ho trovato un gruppo con grande professionalità, che si è messo a disposizione".

Zenga: Milan più squadra, Gigio Donnarumma stia attento 17 Novembre 11:26

Walter Zenga sul derby di Milano: "Non c’è mai una favorita vera: è la partita delle incognite e l’Inter oggi è piena di incognite.Il Milan è più squadra dell’Inter: lavora con lo stesso allenatore da luglio e ha una base di giocatori giovani e pure forti. Diventerà il più forte, ma faccio il pignolo: solo se migliorerà in due cosine, ovvero la chiusura del suo palo e la gestione delle situazioni veloci nell’area piccola. Io a miei tempi, poi Buffon e domani lui: il miglior portiere del mondo sempre italiano. Bello, per il nostro calcio. Donnarumma o Handanovic? Hanno una caratteristica particolare: ci mettono la faccia nell’uno contro uno. Davanti, in mezzo alle mani".

Ausilio forse "scongela" il contratto di Brozovic 15 Novembre 15:33

Piero Ausilio ha parlato di Brozovic, a pochi giorni dal derby: "Non è rinato con la Croazia, aveva fatto buone partite con noi, ha dato continuità al Brozovic dell’ultimo mese. Quando è stato il momento è stato punito, ha capito che dietro la punizione c’era il proprio interesse, gli ha fatto bene sicuramente. Si è messo a disposizione, ha lavorato, parlare di un Brozovic determinante oggi fa felice tutti, tutto il club. Contratto? Ne parleremo, vedremo se sarà il caso di scongelarlo o meno".

Il derby del Dragone nel segno di Lapadula? 15 Novembre 13:24

di Emanuele Colangeli

Alzi la mano chi avrebbe scommesso che quello di questa stagione sarebbe stato l'ultimo Derby di Silvio Berlusconi. Un uomo che ha donato parte della sua vita a un club divenuto il più titolando al Mondo o comunque ora uno dei più titolati al mondo. Quello che andrà in scena il 20 Novembre sarà l'ultimo della gestione dell'ex cavaliere che per oltre trent'anni ha segnato la storia del calcio prima del passaggio di consegne a Sino-Europe Investement Sport. Questa partita sarà anche l'occasione, parlando adesso di campo per vedere se il gol del numero nove rossonero Gianluca Lapadula a Palermo è il classico episodio isolato oppure no. Vista la fame che mette in ogni partita in campo l'italo peruviano però ci sentiremmo di dire che no non si tratta di qualcosa che resta come singolo episodio di una partita che può essere solo decisa da un'invenzione, ma è il frutto di un quotidiano lavoro sul campo che l'ex Pescara ogni giorno si accinge ad eseguire a Milanello. Certo la casacca numero 9 milanista è di quelle che pesano ma "Lapagol" non sembra affatto sentire di questo vero e proprio macigno che pure ha attanagliato chiunque avesse portato sulle spalle quel numero dal dopo Inzaghi in poi. Insomma per gli uomini di Vincenzo Montella il derby sarà la vera prova del 9! Una gara importantissima nella quale si vedrà finalmente di che pasta sono fatti gli undici schierati in campo dal coach Napoletano, visto che ogni partita può essere difficile se non la si prepara con la giusta rabbia e dose di adrenalina e agonismo.

Brozovic e Niang: inizia la volata verso il derby 13 Novembre 22:23

La doppietta di Brozovic contro l'Islanda propone all'Inter un nuovo tema verso il derby milanese di domenica sera. Nella Nazionale croata, Brozovic segnala sè stesso a Pioli per rilanciarsi dopo i problemi avuti con De Boer. Dal canto suo, in casa Milan, si allena con sempre maggiore grinta e intensità Mbaye Niang. Da registrare un singolare pronostico del supertifoso rossonero Diego Abatantuono: "Se dovessi scommettere direi Inter".

Amichevole con Pioli: Inter-Chiasso 3-1 12 Novembre 14:45

Prima uscita e prima vittoria per Stefano Pioli da allenatore dell'Inter: nell'amichevole ad Appiano Gentile, i nerazzurri hanno battuto il Chiasso 3-1. Il nuovo tecnico, complice l'assenza di ben 13 giocatori impegnati con le rispettive Nazionali, ha concesso una possibilità a Gabigol in attacco ed a Kondogbia a centrocampo. Il brasiliano, schierato alle spalle di Icardi, finora ha giocato appena 20' in campionato dopo essere arrivato in pompa magna in estate. Per l'Inter ha aperto le marcature Icardi al 17', trasformando un rigore procurato dal giovane Bakayoko; gli svizzeri hanno pareggiato al 30' con Susnjar, ma tre minuti dopo Miangue di testa su azione di corner ha riportato in vantaggio l'Inter; nella ripresa, al 50', a siglare il definitivo 3-1 è stato Biabiany, abile a battere Guatelli di piatto destro.

Adesso la società Inter è in pianta stabile a Milano 11 Novembre 14:19

L'Inter come società è adesso in pianta stabile a Milano. Zhang Jr. e Mr. Liu hanno cominciato la loro avventura nel capoluogo lombardo per seguire al meglio e più da vicino le vicende di casa Inter e soprattutto far sentire la vicinanza della società alla squadra, La loro presenza diventa di fondamentale importanza visto le quattro partite che aspettano l'Inter dopo la sosta per le Nazionali. La presenza della società farà si che anche il nuovo tecnico Stefano Pioli possa avere un rapporto più diretto e non essere abbandonato a sè stesso, un po' come è avvenuto con Frank De Boer, il quale però non ha voluto avvalersi in panchina del supporto di Beppe Baresi, il quale ben conosce le dinamiche che ci sono in casa Inter. La nuova idea del Suning è cercare di portare serenità ad una squadra che ha perso le sue certezze subito dopo la vittoria, per certi versi sorprendente per carattere e grinta ottenuta contro la Juventus.

Kakà carica il Milan: tutti a San Siro e che non sia l'ultimo derby...11 Novembre 12:02

Ricardo Kakà torna a parla di Milan: "Il Milan sta facendo molto bene quest’anno. Da milanista, mi auguro che Montella sappia schierare la migliore squadra possibile per Milan-Inter e che i tifosi accorrano in massa a San Siro, così che possano gioire per una vittoria rossonera. Ultimo derby per Galliani e Berlusconi? È un po’ pesante constatare questo dato, poiché Galliani e Berlusconi rappresentano la parte migliore della storia di questa società. Staremo a vedere ma mi auguro che non sia il loro ultimo derby”.

Inter, le carte di Pioli - Milan, il lavoro di Niang: è derby 10 Novembre 18:14

Mancano dieci giorni al derby ma complice l'assenza di impegni e la sosta per le Nazionali, si parla molto di Milan-Inter. Così oggi Stefano Pioli: "Dobbiamo pensare una gara alla volta, ora testa al derby, il Milan sta facendo bene ma noi vogliamo giocarci tutte le nostre carte". C'è anche un lungo pre-derby rossonero. Non soltano Lapadula sogna una maglia da titolare, ma sta risalendo nelle gerarchi anche Luca Antonelli rientrato in gruppo e dritto al ballottaggio con De Sciglio. Intanto dopo la febbre con il Pescara e l'assenza di Palermo, Niang sta lavorando a testa bassa per rientrare tonico proprio nel derby.

Milan, prende quota Lapadula nel derby al posto di Bacca 10 Novembre 14:18

Dopo il tacco di Palermo e la Nazionale, una gioia via l'altra per Gianluca Lapadula: potrebbe esserci anche il derby. Proprio così, dopo il primo gol in Serie A, la chiamata in Nazionale con tanto di elogi di Vincenzo Montella e Adriano Galliani, potrebbe non essere finita qui. Secondo quanto riferisce Premium Sport, infatti, l'attaccante ex Pescara potrebbe giocare titolare il derby del 20 novembre al posto di Carlos Bacca.

Il rientro di Fassone in Italia: Milan, le ultime sul closing 9 Novembre 16:55

Marco Fassone è rientrato in Italia, dopo il suo viaggio di lavoro in Cina. Per la prossima settimana sono attese le autorizzazioni da parte del governo cinese, dopo il derby può arrivare il momento del trasferimento dei soldi a Fininvest e del relativo closing. Possibili novità nella lista delle aziende componenti della cordata Sino Europe. Queste le ultime sensazioni dal fronte trattativa Milan.

Infortuni: Andrea Ranocchia salta Milan-Inter 8 Novembre 16:36

Il difensore dell'Inter, Andrea Ranocchia, ha rimediato una elongazione del semitendinoso della coscia destra. È l'esito degli esami di controllo effettuati oggi dal centrale nerazzurro. La situazione sarà rivalutata nei prossimi giorni, ma Ranocchia non sarà probabilmente disponibile per il derby del prossimo 20 novembre. Ranocchia è uscito al 20' del primo tempo della sfida contro il Crotone, fortemente demoralizzato per l'infortunio aveva sbattuto i pugni a terra una volta capita la gravità del problema fisico.

Parola d'ordine Inter: mettere Pioli in condizione di lavorare 8 Novembre 15:52

di Emanuele Colangeli

La società nerazzurra, alla fine ha scelto l'ex allenatore della Lazio. Una decisione presa dal consiglio di amministrazione italiano guidato da Ausilio che però sembrerebbe aver messo d'accordo un po' tutti specie i nuovi proprietari di Suning, manovrati dalla tela come detto di Kia Joorabchian. Che sia un percorso giusto o meno saranno solo le partite a dirlo, ma già il fatto che venga presa una decisione chiara e inequivocabile è tanta roba. Tra le altre cose l'ingombrante figura del presidente Massimo Moratti si è espressa favorevolmente nei confronti di questa scelta. E se fosse da sempre stata la sua l'ultima parola? Una scrittrice molto famosa in questo casi avrebbe detto che una coincidenza è una coincidenza ma due coincidenze sono un indizio! L'unica cosa che ci preme dire è che però adesso la società nerazzurra in toto debba "lasciare in pace" il suo nuovo allenatore senza condizionamenti ulteriori che servono, anzi servirebbero solo a destabilizzare un ambiente già di per se "arricchito" di innumerevoli problemi. Comunque ora la pausa per le nazionali servirà soprattutto per riorganizzare le idee e per provare nuovi assetti tattici in vista di una partita che a questo punto per l'Internazionale di Milano diventa importante se non fondamentale: quella del Derby!

Moratti e il casting: Pioli è comunque una scelta di buon senso 7 Novembre 17:19

Sull'imminente nomina di Stefano Pioli come prossimo allenatore dell'Inter arriva anche l'endorsement dell'ex patron Massimo Moratti, intercettato fuori dagli uffici Saras: "Mi sembra una scelta di buon senso. È un allenatore che conosce il calcio italiano e che ha fatto giocare sempre bene le sue squadre. Cercherà di inserirsi al meglio. Se sono stato interpellato da Suning? No". Moratti entra anche nel merito delle modalità di selezione: "Non ho mai fatto casting - aggiunge l'ex presidente - ma li vedevo per conto mio. Sono sistemi diversi ma non è detto quale sia giusto e quale sbagliato. Sono metodi trasparenti per compiere una scelta che mi pare ben fatta".

Closing Milan: il governo cinese fa slittare le date 7 Novembre 11:51

Il giornalista di 'Radio China International', Liu Pai, ha rilasciato alcune dichiarazioni a 'Radio 1 Rai':

Sull'Inter: "Non è propriamente vero che Suning preferisse un allenatore straniero per l'Inter e, infatti, tra le prime scelte c'era Fabio Capello, oltre a Guus Hiddink. Marcelino ispirava maggiormente rispetto a Pioli, ma la dirigenza italiana ha evidentemente convinto la proprietà cinese".

Sul Milan: "Da quello che mi risulta, il closing per il passaggio del Milan al gruppo Sino Europe Sports slitterà dopo la scadenza del 18 Novembre. Il problema è legato all'autorizzazione del Governo Cinese. c'è la fila di aziende cinesi che stanno acquistando aziende straniere. CIò detto, tutte le parti sono tranquille".

Il post 3-0 al Crotone: chi è Stefano Pioli 7 Novembre 11:05

L’Inter ha finalmente deciso chi sarà il nuovo allenatore. La società nerazzurra ha scelto Stefano Pioli, il quale ha battuto la concorrenza di Marcelino García Toral e Gianfranco Zola. In attesa del comunicato dell’Inter, l’allenatore dovrà in queste ore risolvere il contratto che ancora lo lega alla Lazio, in scadenza il prossimo mese di Giugno. Non dovrebbero esserci problemi per Claudio Lotito a lasciar andare il suo ex allenatore, esonerato lo scorso 3 Aprile, dopo la brutta sconfitta nel derby contro la Roma per 4-1. Alla scoperta dunque di Stefano Pioli: nato il 20 ottobre 1965 a Parma, Stefano Pioli ha iniziato la carriera nelle giovanili della squadra emiliana, esordendo in prima squadra nel 1982 in Serie C1. Qui collezionò 42 presenze ed un solo goal, visto il ruolo di difensore. Nel 1984 si trasferì alla Juventus, dove in 3 stagioni scese in campo solamente in 36 occasioni, ma conquistando nell’ordine una Supercoppa UEFA (1984), una Coppa dei Campioni (1984/85), una Coppa Intercontinentale (1985) ed un campionato di Serie A (1985/86). Negli anni a seguire girovagò un po’, passando da Hellas Verona, Fiorentina, Padova, Pistoiese e Fiorenzuola. Si ritirò nel 1999, quando iniziò la carriera di allenatore. L’esordio in panchina fu con gli Allievi del Bologna, con i quali vinse il campionato nazionale, poi successivamente fu scelto per guidare i ragazzi della Primavera. La prima vera squadra fu la Salernitana, che lo vide al timone del 2003/04, dopodiché andò ad allenare Modena, Parma, Grosseto, Piacenza, Sassuolo, Chievo e Palermo. Nel 2011 fu ingaggiato dal Bologna, per subentrare a Pierpaolo Bisoli. Il debutto sulla panchina dove tutto ebbe inizio fu vincente: Novara-Bologna 0-2. La sua avventura, però, si concluderà nel 2014, quando venne esonerato dopo 3 vittorie, 6 pareggi e 9 sconfitte da inizio campionato. Successivamente fu ingaggiato dalla Lazio. Qui, in due stagioni, è andato vicino a conquistare il suo primo importante trofeo. Nel 2015 perse la finale di Coppa Italia contro la Juventus ai supplementari, arrivando poi terzo in campionato, mentre nell’agosto successivo perse la Supercoppa Italiana, ancora una volta contro i bianconeri. Stefano Pioli alla Lazio ha spesso utilizzato il modulo 4-3-3, anche se generalmente opta per il 4-2-3-1 o 3-5-2, dove i terzini svolgono un ruolo importante, partecipando attivamente alle azioni d’attacco.

Inter, il giorno di Marcelino e Zola - in uscita Bolingbroke, le parole di Vecchi 5 Novembre 17:04

Mentre la proprietà è impegnata con il casting per il nuovo allenatore, queste le parole di Stefano Vecchi alla vigilia di Inter-Crotone, partita nella quale sarà in panchina proprio lui: "Abbiamo fatto qualcosa ieri con il gruppo diviso, oggi dobbiamo preparare una partita impegnativa. Alle 17 proveremo alcune soluzioni, vediamo in che condizioni sono i giocatori. In un allenamento abbiamo lavorato e messo dentro qualcosa, oggi cercheremo di fare altro. Domani gara molto importante, molto impegnativa perché arrivano da prestazioni importanti. Siamo in un momento complicato e dobbiamo essere bravi ad affrontare la gara con il piglio giusto".

L'Inter fra i vertici con Suning e l'arrivo del Crotone 4 Novembre 19:13

Ausilio, Zanetti e Gardini hanno incontrato Suning in un albergo del centro milanese. L'Inter è rientrata da Southampton con il morale piuttosto a terra dopo l'ennesima sconfitta. La scelta dell'allenatore passa da un'insolita procedura, quella di dar vita a una serie di audizioni di fronte ai cinesi del Suning e alla parte italiana della societa'. Tutto questo rischia di far perdere vista l'incontro di domenica alle 18.00 a San Siro contro il Crotone. "L'Inter sottovaluterà il Crotone? Magari". L'allenatore della squadra calabrese, Davide Nicola, esprime questa speranza in vista della sfida di domenica a San Siro, la sua prima contro i nerazzurri. Nicola sa comunque che anche affrontare un'Inter data come alla deriva non sarà semplice ma ribadisce che i rossoblu' giocheranno senza nulla da perdere. "E' una squadra di qualità altissima, ma andiamo a San Siro convinti di poterla mettere in difficoltà - ha detto in conferenza stampa il tecnico -. Abbiamo lavorato in settimana su pressing e ripartenze per questo".

Allenatore Inter: la delegazione Suning è a Milano 4 Novembre 11:26

La delegazione del Suning guidata da Jun Ren, braccio destro di Zhang Jindong, è arrivata a Milano e nelle prossime ore inizieranno i colloqui per scegliere il nuovo tecnico dell'Inter. Una scelta improcrastinabile, vista anche la sconfitta di ieri con il Southampton. Nel pomeriggio torneranno dall'Inghilterra Javier Zanetti, Piero Ausilio e Giovanni Gardini per confrontarsi con la proprietà. Come ha spiegato ieri il ds, si cerca una soluzione condivisa: Stefano Pioli resta il favorito, ma piace anche Francesco Guidolin e non è del tutto esclusa l'ipotesi di una permanenza di Stefano Vecchi. Il Suning, però, vuole valutare anche profili internazionali. Secondo quanto si apprende, tra i nomi preferiti dai cinesi ci sarebbe anche Guus Hiddink, sentito al telefono, oltre a Marcelino, Vitor Pereira e Marco Silva. Tra i candidati, invece, non ci sono più André Villas-Boas, che ha accettato l'offerta dello Shanghai Sipg, e Leonardo, che pochi giorni fa ha detto di non ritenersi il profilo giusto per l'Inter.

Biglietti Milan-Inter del 20 Novembre: tutto già nel vivo 2 Novembre 15:55

In attesa di capire chi sarà l'allenatore dell'Inter nella notte del derby del 20 Novembre, sta per entrare nel vivo la vendita dei biglietti. La società nerazzurra ha comunicato i dettagli relativi al settore ospiti, dove avranno accesso i soli titolari della tessera ‘Siamo Noi’. L’Inter, essendo formalmente fuori casa, vedrà riservare ai propri tifosi il 2° anello Verde, di cui la vendita agli abbonati presso VivaTicket sarà di scena dal 3 al 9 novembre; nei giorni del 10 e 11 novembre, invece, potranno acquistare i tagliandi tutti gli altri titolari della tessera, che siano anche soci ‘Inter Club 16/17’. Per quanto riguarda la vendita libera, invece, essa scatterà il 12 novembre. Questo invece il listino prezzi completo dei biglietti per San Siro: iniziando dal 3° anello di San Siro. Il costo per sedersi nei settori più ‘alti’ dello stadio è di 30 €, senza distinzione tra Rosso, Blu e Verde. Per quanto riguarda il 2° anello, invece, troviamo differenze tra curva e tribuna. Per chi sceglie di acquistare un seggiolino per i settori più caldi (Blu e Verde), la spesa è pari a 30 €, mentre si sale a 55 € per Rosso e Arancio. Si sale ancora col prezzo per il 1° anello. L’esborso è di 50 € per Blu e Verde, mentre nelle altre aree c’è distinzione. Per quanto riguarda il Rosso, si va dai 120 € della parte laterale (X, Y, J e K) fino ai 250 € per tribuna d’onore e poltroncine centrali; troviamo anche posti a 170 € (A, B, H, I, J, K, L, M, V e Z) e 200 € poltroncine. Per ciò che concerne l’Arancio, la spesa minore è per il settore laterale (65 €), quello che va da 149 a 154 da 167 a 172, mentre quella maggiore è per la tribuna d’onore; disponibili anche biglietti a 90 € (155, 156, 165 e 166), 110 € (poltroncine) e 130 € (poltroncine centrali).

Il dopo Genova: summit dirigenziale ad Appiano 31 Ottobre 13:36

Dopo il dg Giovanni Gardini, anche il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti e il ds Piero Ausilio hanno raggiunto Appiano Gentile per valutare la situazione della squadra e del tecnico Frank De Boer, mentre continuano i contatti telefonici con la Cina e l'Indonesia. Probabilmente ci sarà un confronto anche con l'olandese al termine dell'allenamento mattutino.

Inter ko a Genova: con il Torino vittoria per la società 31 Ottobre 10:05

A Genova l'Inter ha giocato una partita insipida e sfilacciata, con il minimo sindacale di occasioni da gol create nella ripresa per provare a raddrizzare la partita con una Samp passata in vantaggio a fine primo tempo. Il tema è: perchè la squadra ha dato l'anima per De Boer contro il Torino e si è dimenticata di farlo contro la Sampdoria? Una risposta crediamo di averla: contro il Torino era stata la società a parlare ai giocatori e la stessa società con relativa proprietà era presente in tribuna. A Genova, senza la richiesta ufficiale del massimo impegno da parte del Club ai giocatori, la partita è stata persa. E se davvero lo spogliatoio avesse avvertito la crucialità della partita per De Boer, il buon Eder non sarebbe uscito dal campo in quel modo. La sensazione è duplice: squadra lontana sia dall'allenatore che da Icardi che viene servito non moltissimo e non volentieri. Stagione avvitata, in tempo per essere rimessa a posto, ma con un lavoro e con scelte che non si fanno dall'oggi al domani.

Derby Run Milan-Inter un mese prima del derby di calcio 29 Ottobre 20:10

Duemila persone hanno partecipato alla quarta edizione di Derby Run, gara di corsa dove a sfidarsi sono i tifosi di Milan e Inter. Tutti i partecipanti indossavano magliette con i colori dei club. Due i percorsi possibili, da cinque e dieci chilometri, entrambi all'interno del parco di Trenno, in zona San Siro. Oltre ad avvicinare le due tifoserie, l'evento ha anche un fine solidale: parte del ricavato dalle quote di partecipazione sarà devoluto in beneficenza a favore della Fondazione PUPI, Onlus a sostegno dei bambini. La Onlus è stata fondata da Javier Zanetti, ex capitano e oggi vice presidente dell'Inter, che ha preso parte alla corsa insieme alla moglie.

Inter-Blanc: smentita forte dell'agente del francese 29 Ottobre 19:11

"Smentisco categoricamente qualsiasi accordo o discussione con l'Inter o i suoi dirigenti. Non c'è assolutamente niente": lo ha dichiarato Jean-Pierre Bernes, agente di Laurent Blanc in relazione alle voci circolate in questi giorni riguardo a contatti con l'Inter.

Milan-Pescara: tra i 22 di Montella ok Niang e Locatelli 29 Ottobre 19:10

Ecco i 22 giocatori convocati da Montella per l'undicesima giornata di campionato in programma domani alle 15 a San Siro: PORTIERI: Donnarumma (99), Gabriel (1), Plizzari (35)

DIFENSORI: Abate (20), De Sciglio (2), Ely (4), Gomez (15), Romagnoli (13), Zapata (17)

CENTROCAMPISTI: Bonaventura (5), Honda (10), Kucka (33), Locatelli (73), Pasalic (80), Poli (16), Sosa (23)

ATTACCANTI: Bacca (70), Cutrone (63), Lapadula (9), Luiz Adriano (7), Niang (11), Suso (8).

De Boer esce confermatissimo dal vertice Inter 28 Ottobre 16:16

"Nessun allenatore contattato. Sfido chiunque a dire il contrario. Molti si propongono ma la panchina dell'Inter e' di Frank De Boer": lo ha detto il ds dell'Inter Piero Ausilio dopo l'assemblea dei soci del club. "Abbiamo fatto una scelta a fine agosto, lo sosteniamo e siamo convinti che il suo progetto di calcio sara' vincente"."Vogliamo giocare la Champions nella prossima stagione ma non abbiamo rinunciato al titolo italiano. E' sempre nella nostra agenda", ha aggiunto il ceo Michael Bolingbroke "Siamo soddisfattissimi di Frank De Boer, ha accettato di venire all'ultimo minuto - ha aggiunto - e non e' una situazione facile. Siamo al cento per cento al suo fianco. Siamo molto convinti dell'attuale assetto societario. Lavoriamo tutti a stretto contatto". Yang Yang, vicepresidente del Suning, risponde così a chi gli chiede se Erick Thohir resterà alla presidenza dell'Inter. "E' il nostro partner anche nel sudest asiatico, dove vogliamo espanderci in quella zona geografica. C'è massima fiducia".

Moratti, Gazzetta e Sky convergono su Leonardo: l'Inter riflette 27 Ottobre 12:43

Quando si gioca un Campionato ondivago e quando non c'è una proprietà italiana perfettamente integrata nell'ambiente e capace di cogliere e depotenziare segnali, può accadere anche questo. Dunque: Roberto Mancini aveva buona stampa. E in molti hanno interpretato la diffidenza nei confronti di De Boer ("Siamo stati molto poco ospitali nei suoi confronti"...diceva ancora domenica scorsa alle 14.00 Piero Ausilio) come un omaggio calcisticamente "postumo" al Mancio. Poi le cose sono andate avanti, si sono aggiustate dopo la vittoria dell'Inter sulla Juventus, ma la crisi aperta dal pareggio con il Bologna ha consentito ai media di inserirsi nel dibattito sull'eventuale cambio dell'allenatore olandese. Oggi il giornalista Maurizio Pistocchi indica il Leonardo l'allenatore prediletto della Gazzetta. E in altri ambienti giornalistici si fa notare che Leonardo sia "spinto" affettuosamente anche da Sky, presso la quale svolge il lavoro di opinionista. Massimo Moratti intrattiene ancora oggi buoni rapporti con Leonardo e non a caso dopo il successo sul Torino, l'ex presidente nella dichiarazione "Spero che non mi chiedano nulla" lascia abbastanza trasparire che applicherebbe anche a De Boer la sua vena di presidente cambia-allenatori. Tutti non a favore di De Boer quindi, anche se non dichiaratamente a favore di Leonardo. Ma fra i due scenari ci sono di mezzo: la mozione d'ordine dei tifosi dell'Inter a favore di De Boer e il gol decisivo di Icardi a 3 minuti dalla fine di Inter-Torino.

Inter-Torino 2-1: Moratti e Handa ancora tiepidi su De Boer, ma i tifosi hanno capito tutto prima 26 Ottobre 23:26

Dopo la partita, Samir Handanovic su De Boer: "Io devo fare il mio e devo fare il portiere. Tocca alla societò valutare queste cose e guardare quello che accade in campo. Stasera qualcosa di è visto". Lo stesso Massimo Moratti: "A giudicare da oggi bene, se azzeriamo le cose a oggi Inter bene, oggi è stato tutto il contrario di Bergamo. Su De Boer? Tocca a chi gestisce la società decidere, spero che non mi chiedano nulla". Su De Boer però i tifosi dell'Inter c'erano già arrivati, lo avevano abbracciato e assolto prima della vittoria sul Torino. I tifosi hanno capito De Boer prima della loro società, esattamente come avevano capito prima dei dirigenti qualche tempo fa che non si dovesse fare lo scambio Guarin-Vucinic.

Caso De Boer, Thohir prima incontra Zhang poi Zanetti-Ausilio 26 Ottobre 12:47

l presidente dell'Inter, Erick Thohir, è arrivato a Milano e questa sera sarà a San Siro per assistere alla partita contro il Torino, una sfida decisiva per il destino di Frank De Boer sempre più in bilico sulla panchina nerazzurra. Thohir prima della partita ha già visto Steven Zhang e il dirigente Williamson per fare un punto della situazione e valutare quale sia la scelta migliore per il futuro dell'Inter. Alle porte anche un incontro con Zanetti e Auslio. Venerdì sarà poi presente all'assemblea dei Soci che presenterà il bilancio a Giugno del 2016.

Il Milan perde e ci sta tutto, ma i tifosi rossoneri protestano 26 Ottobre 09:46

Il Milan ha perso a Genova per i suoi errori, il suo atteggiamento iniziale e le novità di schieramento, na questa mattina sui social, i tifosi fanno notare 3 episodi:

- il fallo da rigore su Locatelli nela ripresa sull'1-0

- l'espulsione di Paletta poteva starci, ma il fallo è più coreografico che sostanziale

- la mancata espulsione di Pavoletti per una gomitata deliberata e voluta a Romagnoli

I profili twitter milanisti lamentano il fatto che gli episodi arbitrali a favore del Milan vengono ingigantiti e quelli contro invece dimenticati e sminuiti.

Montella paga dazio nella Genova rossoblù: il contraccolpo 25 Ottobre 23:16

Le dichiarazioni del tecnico rossonero nella pancia di Marassi, dopo la sconfitta: "Quando non sei abituato a certe partite, spendi un po' di più a livello nervoso e a noi è capitato contro la Juventus. In tre giorni è difficile recuperare per dare il meglio contro una squadra che fa un calcio fisico contro il Genoa. Il Genoa ci ha concesso poco, ma fino al 2-0 il Genoa non aveva quasi mai tirato in porta e noi anche in dieci eravamo in corsa per l'1-1. Questa sera non è stato un problema di età, non abbiamo fatto una partita eccellente ma una partita, secca perdere ma abbiamo giocato meglio di altre volte. Sull'1-0 in dieci la squadra era in partita e forse meritava il pareggio. Ma quando fai sforzi del genere e non segni, poi rischi di subire altri gol".

Violata la lealtà sportiva? Icardi rischia il deferimento per il libro 25 Ottobre 19:21

Ancora il benedetto libro di Mauro Icardi. Dopo la sconfitta con il Cagliari e la querelle con la Curva Nord, entra in scena Procura Figc. Alcune frasi contenute nell’autobiografia del giocatore argentino, in particolar modo quelle riferite al post Sassuolo-Inter sui “100 criminali” da mandare contro la Curva, hanno indotto il procuratore federale ad acquisire il libro e ad aprire un’istruttoria. Verrà verificato se è stato infranto il codice in relazione alla lealtàà sportiva. Ecco cosa aveva scritto Icardi: “Mi tolgo maglia e pantaloncini e li regalo a un bimbo. Peccato che un capo ultrà gli vola addosso, gli strappa la maglia dalle mani e me la rilancia indietro con disprezzo. In quell’istante non ci ho più visto, lo avrei picchiato per il gesto da bastardo appena compiuto. E allora inizio a insultarlo pesantemente: ‘Pezzo di merda, fai il gradasso e il prepotente con un bambino per farti vedere da tutta la curva? Devi solo vergognarti, vergognatevi tutti’. Detto questo gli ho tirato la maglia in faccia. In quel momento è scoppiato il finimondo. Nello spogliatoio vengo acclamato come un idolo… I dirigenti temevano che i tifosi potessero aspettarmi sotto casa per farmela pagare. Ma io ero stato chiaro: “Sono pronto ad affrontarli uno a uno. Forse non sanno che sono cresciuto in uno dei quartieri sudamericani con il più alto tasso di criminalità e di morti ammazzati per strada. Quanti sono? Cinquanta, cento, duecento? Va bene, registra il mio messaggio, e faglielo sentire: porto cento criminali dall’Argentina che li ammazzano lì sul posto, poi vediamo”.

Marotta: un torto a San Siro, ma non cerchiamo alibi 25 Ottobre 14:27

Nella partita con il Milan a San Siro "abbiamo palesemente subito un torto, è evidente a tutti. Non abbiamo protestato. A fine partita ho avuto un confronto, molto civile, con l'arbitro Rizzoli, esponendo a lui il mio punto di vista". Così il direttore generale della Juventus Beppe Marotta, nella risposta agli azionisti all'assemblea sull'episodio del gol annullato a Pjanic. "Non cerchiamo alibi - ha aggiunto Marotta - la Juventus deve vincere anche facendo fronte alle avversità arbitrali".

Cinesi-Milan: due nuovi grandi gruppi in più 25 Ottobre 11:18

Secondo quanto riporta questa mattina Repubblica, ci sono due novità molto importanti in merito alla cessione del Milan ai cinesi: innanzitutto, è confermato che il closing avverrà nella seconda metà del mese di novembre. Nell’ultima settimana, si è poi chiuso l’accordo con altre due aziende di primo piano, che si aggiungono ai nomi del preliminare (dal colosso di tv ed elettronica Tcl Group al gruppo assicurativo Ping Yan, dagli istituti di credito China Construction e Boashang Bank ai gruppi parastatali China Huarong e Haxia Capital). La cordata cinese si sarebbe quindi arricchita.

Mazzola su De Boer: buone idee ma più confronto con la società 24 Ottobre 16:16

"Conosco De Boer: ha delle idee giuste, ma non riesce a comunicarle e quindi i giocatori non capiscono cosa vuole. Sarebbe necessario un confronto con la società, magari inserire un coadiuvante tra squadra e allenatore, una persona che trasmetta il pensiero del tecnico al gruppo, perché sarebbe un peccato perderlo". Lo ha detto la bandiera interista Sandro Mazzola, intervenuto a Radio Crc. "Un mio grande allenatore - ha aggiunto - diceva sempre: prima devo allenare la testa, poi le gambe della squadra. Ed è proprio quello che dovrebbe fare ogni tecnico. Chi è l'anti-Juve in questo momento? La Roma esprime un grande calcio e credo sia la squadra che possa dare più fastidio alla Juventus. Il Napoli, dopo il successo di Crotone, è guarito: ho rivisto una bella squadra, era quella che mi piaceva di più; poi si è un po' persa, ma a Crotone ho visto sprazzi del vero Napoli".

Milan-Juventus 1-0 vista dai social: per tutti i gusti 23 Ottobre 11:21

Questi i principali Tweet su Milan-Juventus:

@DavBusso il fatto che gli juventini dicano che fanno beneficenza... ben venga, anzi fatene di più!

@iltammo L'unica cosa positiva di Milan-Juve? I giovani italiani che giocano,e bene,in serie a a 18 anni. E sono decisivi x la partita.

@lucapagni Stasera il Milan ha rubato ai ricchi per dare ai poveri...##MilanJuve

@pombo1976 Povero Allegri, questa partita gli dice sempre male!

@AntonelloIovane Milan-Juve la verità è che non vogliono mettere moviola in campo o tecnologia simile perchè le polemiche del giorno dopo fanno Bussiness

@GnocchiGene 1 Con portieri come Donnarumma ci vogliono le porte più grandi #Donnarumma #MilanJuve

@BandieraMary La differenza tra noi e loro è che loro hanno cuore, noi giochiamo tanto per... #MilanJuve

@RaffoAR Ho sempre sognato di sentire il tifoso juventino gridare ladro ad un tifoso avversario

@alextahiri08 la cosa che mi interessa di più è la situazione di Dybala il resto conta poco siamo ancora in testa non servono stragi inutili.

@juvefp211897 Paletta: 'Non ci piace parlare degli arbitri'. Eh già, ci parlate direttamente!

@PresMoratti Senza il timore reverenziale non siete nessuno. Non di soli Sassuolo è fatta la Serie A ..

@FantaRobal primo milanista che gli sento dire la parola "Rubentus" gli insulto madre, padre, sorella, fratello, zia, nonna, cane, criceto

@juventusxsempr Ricordatevi che a maglie invertite sarebbe sceso il Parlamento in piazza e cambierebbero anche il referendum di dicembre.

@GiorgioAquila Cari juventini, non si può dire che abbiamo giocato male senza per questo parlare di crisi, essere disfattisti e chiedere teste? #MilanJuve #social #milanjuventus

Per i quotisti Snai, Milan e Juventus ancora lontane 21 Ottobre 20:21

I quotisti Snai virano decisi sul '2' della Juventus a San Siro contro il Milan, che è offerto a 1,83, e scrivono nella casella '1' un corposo 4,50. A 3,50 il pareggio. Nella dinamica Under-Over i bookmaker si tengono in equilibrio (1,80 e 1,90). Per la sfida di domani lo 0-0 è a 9,00, il risultato più probabile è l'1-1, a 6,00. La sfida di San Siro domani sarà preceduta dal derby genovese: i quotisti concedono un '2' al Genoa, dato a 2,45, la vittoria blucerchiata (che manca dal 28 agosto) sale a 3,00, il pareggio a 3,2; l'Under è a 1,73, l'Over a 2,00.

Montolivo con sorriso e stampelle visita la sua Milanello 20 Ottobre 09:03

A una decina di giorni dall'intervento a cui si è sottoposto per la ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, Riccardo Montolivo è tornato per la prima volta a Milanello, dove ha cominciato la fase di terapie, la prima di un percorso che dovrebbe riportarlo in campo non prima di sei mesi. Il centrocampista del Milan, che si muove con stampelle e tutore, ha sostenuto una doppia sessione di fisioterapia, e ha pranzato assieme ai compagni di squadra, che oggi hanno iniziato a preparare la sfida di sabato contro la Juventus. Keisuke Honda e Cristian Zapata sono recuperati, mentre Vincenzo Montella non può ancora contare su Andrea Bertolacci, Mati Fernandez e Luca Antonelli.

Torna Wanda Nara: la fascia di Mauro non si tocca 19 Ottobre 16:51

'Guardate che la gente è molto attaccata a Mauro, gli vuole molto bene'. Lo ha dichiarato, a Fox Sports, Wanda Nara che ha spiegato anche com'è stato trovato l'accordo per calmare le acque: 'Il problema ora è stato risolto, c'è stato un malinteso con le traduzioni. L'autobiografia ora è esaurita, Mauro si è accordato con la società per cambiare quella parte del libro'. E poi ancora: 'Per mio marito è davvero importante l'appoggio dei tifosi. pensate che io gli dico sempre che prima della partita deve venire a salutare la famiglia quando entra in campo, lui invece va sempre prima a salutare la sua gente'. Chiusura con citazione per la moglie del riconfermato capitano dell'Inter: 'C'e' solo una modo per evitare le critiche, non fare nulla, non dire nulla e non essere nessuno'.

Closing Milan: la data chiave resta il 20 Novembre 19 Ottobre 14:52

Sembra ormai confrmato che che tra il 20 e il 25 ottobre, Fininvest possa effettivamente ricevere la lista definitiva degli investitori che fanno parte della Sino-Europe Sports, ovvero la società cinese che, attraverso la controllata Rossoneri Sport, acquisterà il 99,93% del Milan. Successivamente, ovvero nella prima settimana di novembre, Marco Fassone volerà in Cina per degli incontri dove parlerà anche con quattro potenziali nuovi sponsor che sarebbero pronti a immettere, fin da subito, ingenti capitali nelle casse rossonere. Il closing dovrebbe arrivare entro il 20 Novembre: l'annuncio o poco prima o poco dopo il derby di Campionato, in programma proprio domenica 20 Novembre a San Siro.

Partita la ristampa politicamente corretta del libro di Icardi 19 Ottobre 12:53

Le librerie sono pronte a ricevere la ristampa del libro di Icardi senza le pagine incriminate, dopo la polemica con la curva dell'Inter. Il libro è andato esaurito e sarà ristampato senza le pagine incriminata dalla Curva e oggetto di multa da parte dell'Inter.

Cina, conferme sui 2 colossi per il futuro del Milan 18 Ottobre 13:37

In queste ore, anche in Cina, arrivano importanti conferme sulla partecipazione di due aziende precedentemente citate ovvero la Ping An e la China Construction Bank. Non si tratta di comunicazioni ufficiali, sembra però che entrambi i colossi faranno parte, come investitori, della nuova proprietà rossonera. Rumors molto importanti per il futuro del Milan.

Il 18 Ottobre di 98 anni fa: il primo derby milanese della Storia 18 Ottobre 11:41

Esattamente il 18 Ottobre 1908, 98 anni fa: si è giocato, in Svizzera, il primo derby della Storia fra Milan e Inter. Due a uno a favore del Milan il risultato di una partita che conferma la sua vocazione internazionale. Il primo derby giocato in Svizzera, le 10 Coppe dei Campioni/Champions League vinte dalle due squadre della città, le nuove proprietà cinesi delle due squadre.

Ausilio: la versione sui fatti di Sassuolo è una sciocchezza 16 Ottobre 18:41

"Zanetti ha detto che la società prenderà provvedimenti su Icardi? Il pensiero di Zanetti, che è il vicepresidente, è quello di tutta la società. Abbiamo preferito rimandare le decisori a domani perché dovevamo pensare a giocare una partita importantissima. Domani parleremo con Icardi e avremo il tempo per prendere tutte le decisioni. La sciocchezza sta di aver ritirato fuori cose del passato, raccontate probabilmente in maniera non veritiera. Valuteremo le cose a freddo, con calma". Così il ds dell'Inter Piero Ausilio sul caso del giorno in casa nerazzurra, quello del centravanti contestato dagli ultrà per quanto ha scritto sulla propria biografia.

La Curva Nord attacca Icardi: togliti la fascia di capitano 16 Ottobre 08:55

La pubblicazione del libro “Sempre avanti”, di Mauro Icardi, ha scatenato la replica della Curva Nord a quanto scritto dal giocatore argentino in tre pagine a loro dedicate. E le parole del tifo organizzato nerazzurro sono senza domani: “Alziamo le mani in segno di resa. Allucinante. La prima domanda che viene da farsi è: ma perché? Perché tante fantasie, inesattezze, squallide finzioni. Perché? Siamo sbigottiti, amareggiati, allibiti. Capita sotto mano il libro di Icardi. Follia pura. Mitomania. È una situazione strana, grottesca, ridicola. Autobiografia di un ragazzo di 23 anni. Già questo dà da pensare. Bugie. Bugie. Bugie. Fango per farsi ‘bello’, contro di Noi. Icardi è bugiardo quando racconta dell’episodio di Sassuolo. Ed è patetico leggere certe cose.. parlando di noi: “Sono pronto ad affrontarli uno a uno. […] Quanti sono? Cinquanta, cento, duecento? Va bene, registra il mio messaggio e faglielo sentire: porto cento criminali dall’Argentina che li ammazzano lì sul posto, poi vediamo”. Commentiamo? Meglio di no. Ci chiediamo come mai, quando scrive dei confronti con la minacciosa Curva Nord, si dimentica di raccontare di quando, sperando di trasmettergli la passione che contraddistingue il nostro essere, gli abbiamo chiesto di trovare un’oretta di tempo per passare al Covo, dove tutto nasce, per provare a capire veramente cosa c’è dietro a quei novanta minuti di gioco dove dovremmo essere tutti uniti. Perché tutte le falsità concentrate in quelle tre pagine di libro sono inaccettabili. Ci dipinge come oscure figure minacciose che ruotano intorno all’ambiente Inter pretendendo chissà cosa. Quando l’unica cosa che chiediamo è impegno ed onestà. Perché tifiamo Inter da prima che Icardi nascesse, perché l’Inter per noi è un conto in banca a perdere, non certo un rinnovo di contratto all’anno a suon di milioni. Noi non pretendiamo di essere capiti, adulati o accettati. Noi siamo Ultras. Siamo irrazionale passione. Non siamo Angeli, né tanto meno diavoli. Siamo il Cuore che tutto Dona per la Follia di un Incondizionato Amore. Però un concetto dovrebbe essere chiaro a tutti: il capitano dell’Inter non può permettersi tali dissennate uscite. Un individuo del genere non può indossare la fascia di capitano. A prescindere dal nostro pensiero, esulando dalla nostra presa di posizione. L’Inter non lo merita. Scritto ciò, per essere chiari, specifichiamo: Icardi con Noi ha chiuso. TOGLITI LA FASCIA. PAGLIACCIO. Questo, ora si, lo pretendiamo”.

Nella pentola dei Leoni inglesi non bolle Roberto Mancini 15 Ottobre 16:29

"Io prossimo ct dell'Inghilterra? Non so niente, non bolle nulla in pentola". Roberto Mancini, intervenuto al torneo benefico organizzato per i 60 anni del quotidiano "Il Giorno" (incasso devoluto ai terremotati di Amatrice), non conferma le voci che lo vorrebbero tra i candidati principali alla panchina inglese. Nei giorni scorsi il tecnico aveva assistito a Wembley alla gara tra Inghilterra e Malta; ora conferma di "non aver guardato nessuna partita dell'Inter" dopo la separazione dello scorso agosto, ma manda "un abbraccio ai tifosi dell'Inter", aggiungendo di "non avere nulla da dire" su quell'addio turbolento. "Nella vita possono finire anche le cose belle - riconosce Mancini - Moratti di nuovo presidente? Non lo so, dovete chiederlo a lui". E a chi gli chiede se ha più sentito Erick Thohir, scuote la testa in segno di no.

Moratti "protegge" De Boer e fa un riferimento a sè stesso 14 Ottobre 12:29

E' tornato a parlare Masimo Moratti: “L’Inter ha bisogno di soddisfazioni e dobbiamo stare vicini a de Boer, che è arrivato in un ambiente nuovo. Il Cagliari, che ha messo su una buona squadra, i punti li deve cercare ovunque. Da interista tempo il Cagliari per il loro gioco e la loro vivacità. Anche perché tradizionalmente sono sempre avversari ostici. I cinesi? Non possono avere la nostra passione, qualcosa che ci portiamo appresso da bambini. Però rispettano Inter e Milan, le considerano importanti. Ma in questo calcio c’è spazio per tutti, anche per i presidenti-tifosi”. Forse quest'ultimo è un riferimento a sè stesso. Una nuova frase sull'ammissibilità del proprio ritorno alla presidenza interista.

Milan-Cinesi: l'elenco dei possibili compratori dei rossoneri 13 Ottobre 15:24

Marco Bellinazzo, giornalista de "Il Sole 24 Ore", ha fatto il punto su alcuni possibili colossi nella lista degli investitori per l'acquisizione del Milan. I nomi più rilevanti sono China Construction Bank, Ping An Insurance, Baoshang Bank, Huarong International Financial Holdings e Tcl Corporation. Ai quali vanno aggiunti i già noti Haixia Capital e Yonghong Li. La lista dei possibili investitori, contenuta all'interno del contratto è composta da undici società. Nel contratto preliminare si specifica che queste undici società potrebbero sottoscrivere quote del fondo che formalmente comprerà il club. Il senso è che, al momento del closing, la Sino Europe potrebbe essere composta da società diverse da quelle elencate nel contratto preliminare, purché sia assicurato ill saldo di 400 milioni alla firma del closing.

Milano, il sindaco: Suning e Inter seri, Milan in ritardo e strani 13 Ottobre 10:49

Queste le dichiarazioni del sindaco milanese Giuseppe Sala sul futuro dello Stadio di San Siro diviso a metà e ridisegnato a pari merito fra Milan e Inter: "Su San Siro, se fosse per Suning si siederebbe al tavolo già domattina. Zhang Jindong è un imprenditore serio, concreto, che sta coi piedi per terra, sono sicuro che la proprietà nerazzurra investirà in maniera significativa sull’Inter e sul territorio. Ai manager di Suning piace San Siro, ne apprezzano il fascino, la storia, il suo tratto iconico che è “vendibile” in tutto il mondo. Ne ho parlato con loro anche dopo Inter-Juve e c’è la massima disponibilità a investire sull’impianto, ma sono in attesa di capire cosa succederà al Milan. Capisco la situazione rossonera, non mi è chiara, aspettiamo e vediamo come evolve. Possiamo aspettare qualche mese, ma dopodiché l’amministrazione comunale avrebbe il dovere di agire e, di conseguenza, si metterebbe a discutere direttamente con l’Inter. Bisogna cogliere il momento. Milano sta vivendo una fase straordinaria, ha più visitatori di Roma tra turismo e affari e ora ha bisogno di vendere meglio quello che ha. Soprattutto per la clientela orientale ciò che fa la differenza è l’organizzazione, la sicurezza, la pulizia. Anche sullo stadio non inventiamoci nulla ma puntiamo su uno degli impianti più belli del mondo inserendolo in un circuito turistico di promozione internazionale della città. Penso ai visitatori cinesi che stanno diventando i principali artefici della crescita turistica di Milano”.

Thohir non vuole lasciare: nonostante Massimo Moratti 12 Ottobre 12:00

Erick Thohir sembrerebbe per nulla intenzionato ad uscire di scena dall’ambiente nerazzurro: “Assolutamente coinvolto nel progetto Inter - scrive oggi il Corriere dello Sport - ma deciso anche a non mollare i Dc United, anzi. Erick Thohir, infatti, assieme al suo socio americano Jason Levien, ha rilevato anche il restante 40% della franchigia statunitense in mano a William Chang per proseguire il piano di espansione, al cui centro c’è il nuovo stadio che verrà ultimato nel 2018, vale a dire 6 anni dopo il suo sbarco nella Mls. Ebbene, il magnate indonesiano vorrebbe ripetere lo stesso percorso anche con il club nerazzurro. Diventato azionista di maggioranza nel 2013, Thohir immagina nel 2019 un San Siro profondamente rinnovato e soprattutto nerazzurro. E l’idea è condivisa anche da Suning".

Sacchi: avevo consigliato Paulo Dybala al Milan 12 Ottobre 11:59

Arrigo Sacchi, intervistato da La Stampa, parlando di Paulo Dybala, ha rivelato: “Sono un suo ammiratore, diventerà un grandissimo. E se qualcuno al Milan mi avesse ascoltato, due anni fa, forse non giocherebbe alla Juventus”.

De Boer difende Icardi ma su twitter ci sono anche i pro-Diego 11 Ottobre 12:11

"Icardi ha fatto bene a dire una cosa sola su Maradona e poi non dire altro. Non ho da aggiungere altro, a noi non serve. Per me così è abbastanza. Ha risposto ed è chiusa qui. Icardi con l’Argentina? E’ solo questione di tempo, poi sarà in Nazionale”. Queste le parole di Frank De Boer sul suo giocatore. Su twitter, invece, il profilo Tackleduro sostiene: "Nemmeno Icardi può essere un esempio. E comunque al mondo il calcio lo ha cambiato e inventato solo uno, Diego Armando Maradona".

Icardi: io il primo a sapere che Mancini-Inter era finita 11 Ottobre 07:58

"Un giorno di agosto Mancini mi ha parlato in mezzo al campo e mi ha detto che la sua storia con l'Inter sarebbe finita. Ero l'unico a saperlo, avevamo un buon rapporto". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, durante la presentazione del libro autobiografico 'Sempre avanti, racconta di come e' venuto a sapere dell'addio di Mancini all'Inter. "Da quando e' andato via - spiega - abbiamo cambiato mentalita'. Io l'ho fatto per primo perche' ero venuto a saperlo prima. Con l'arrivo di De Boer ci sono stati poi tanti cambiamenti e Mancini l'ho poi sentito al telefono".

Tronchetti: Moratti doveva già essere rientrato nell'Inter 10 Ottobre 13:57

Questa la dichiarazione odierna, sull'Inter, di Marco Tronchetti Provera, numero uno della Pirelli: "Vorrei che Moratti fosse già rientrato. La società ha un grosso potenziale, serve gente italiana che la rappresenti e che si avvicini a squadra ed allenatore. Moratti come competenze e passione sarebbe la persona giusta. Minestra riscaldata? Le persone di qualità non sono mai minestre riscaldate“.

Montolivo ringrazia e si augura che sui social cresca il rispetto 10 Ottobre 13:56

Riccardo Montolivo ha postato questo messaggio sui propri social: "Grazie di cuore a tutte le persone che hanno speso un pensiero per me...tifosi, colleghi, addetti ai lavori. È stato bello, in un momento così faticoso, ricevere così tanti attestati di stima e affetto. E una carezza a tutti quelli che mi hanno augurato la rottura di tibia e perone, la rottura di tutti i legamenti e la morte...con l'augurio che la vita riesca a farvi crescere in educazione e rispetto dell'essere umano. RM"

Milan ai Cinesi: fra 10 giorni la lista per Berlusconi 9 Ottobre 22:05

Secondo quanto riferisce Repubblica.it, il 20 Ottobre è la data in cui verrà presentata a Silvio Berlusconi la lista aggiornata degli investitori che hanno deciso di acquistare il Milan. Tra questi nomi ci sarà TCL Corporation, multinazionale cinese dell'elettronica con 16 miliardi di fatturato controllata dal governo di Pechino, ma partecipata da privati.

Inter-Colonia: anche Hector nel mirino dei nerazzurri 8 Ottobre 17:57

Secondo la stampa tedesca, il primo obiettivo dell'Inter per rinforzare le corsie esterne sarebbe Jonas Hector; il giocatore ha ventisei anni e milita attualmente nelle fila del Colonia, dove sta disputando un'ottima stagione. Punto di forza della Nazionale tedesca, Hector è considerato dagli addetti ai lavori uno dei migliori terzini del mondo. In carriera ha già segnato diciotto reti e servito ben trentasette assist. Ha un contratto con il Colonia fino al 2021, ma potrebbe lasciare il campionato tedesco nella prossima sessione di calciomercato invernale. La dirigenza nerazzurra è andata a visionare Hector in occasione della gara tra Germania e Repubblica Ceca. L'Inter ha intenzione di fare un'importante offerta al Colonia per cercare di garantirsi le prestazioni del giocatore, che è un vero e proprio pallino del tecnico nerazzurro Frank De Boer.

Caceres e Darmian: l'Inter sul mercato degli esterni 8 Ottobre 16:20

Dopo l'addio alla Juventus, Martin Caceres sta recuperando la condizione nei suoi allenamenti a Como ed ha chiesto, ottenendola, dall'Inter la possibilità di allenarsi ad Appiano Gentile per essere visionato da De Boer. Un lungo provino per il duttile difensore che può essere impiegato sia come terzino che come centrale. Se le sue condizioni fisiche ne permetteranno l'ingaggio potrebbe essere un vero jolly nello scacchiere difensivo di De Boer. Altra possibile opzione per rinforzare la corsia difensiva nerazzurra potrebbe essere l'ingaggio di Matteo Darmian, il terzino ex Toro ora al Manchester United che con l'arrivo di Mourinho ha avuto sempre meno spazio. Ausilio aveva già provato a convincere il club inglese per il prestito del difensore italiano ma in estate Darmian era ancora una pedina fondamentale dell'undici titolare. Ora la situazione è cambiata e Matteo non vuole perdere la maglia azzurra.

Il Sassuolo continua ad accusare il Milan e gli arbitri 8 Ottobre 08:29

di Emanuele Colangeli

La compagine Nero Verde del Sassuolo non le ha mandate a dire dopo che in Milan-Sassuolo 4-3, sul momentaneo 1-3 è stato concesso un calcio di rigore ai rossoneri per danno procurato di Niang, danno procurato che nel calcio di oggi in cui vale la legge dei tre punti è lecito fischiare, attenzione. Subito dopo il triplice fischio il presidente del Sassuolo e l'allenatore hanno incominciato a lamentarsi come molto spesso succede in questo paese delle decisioni avverse prese dalla terna nei loro confronti. Si capisce lontano un miglio dopo questi improperi che la partita di ritorno al Mapei Stadium sarà a tinte nero Verdi e chissà magari con qualche aiutino visto che detto sarcasticamente sia ben chiaro, la compagine Emiliana non è abbastanza adeguata per affrontare la Serie A senza favori. Il presidente e l'allenatore degli Emiliani non sanno però che nel secondo tempo di San Siro, la loro squadre è andata a segno per episodi del tutto fortuiti e che poi è stato tutto un monologo a tinte rossonere. Insomma possiamo tranquillamente prepararci a un Sassuolo-Milan dal segno 1 per quanto riguarda il girone di ritorno. In questo senso l'arbitro Guida, direttore di gara dell'ultimo Milan-Sassuolo, è stato anche l'arbitro di un Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015. In quella circostanza il presidente Squinzi non gridò al furto ma ci furono: 2 espulsioni Milan con i cartellini rossi per Bonaventura e Suso, un gol-non gol fermato da Diego Lopez in posizione dubbia sulla linea ma comunque concesso al Sassuolo e una rete di Berardi in sospetto fuorigioco.

Montolivo: terza operazione chirurgica in 28 mesi 7 Ottobre 18:45

Riccardo Montolivo verrà operato domattina alle 10.00 per la ricostruzione del legamento crociato del ginocchio. Nel Giugno 2014 era stato operato per la frattura alla tibia e nel Marzo 2015 per la rimozione dei chiodi dalla tibia stessa. Tre operazioni nel giro di 28 mesi, tutte conseguenza di infortuni con la maglia della Nazionale.

Mauro Icardi: ho sempre voluto restare all'Inter 7 Ottobre 18:05

"Questo rinnovo per me e' importante. Sono il capitano e sono molto legato a questa squadra. E' un onore e un piacere. Non ho mai pensato di lasciare l'Inter. Anche negli Stati Uniti ero tranquillo e mi sono sempre allenato al massimo": lo ha detto Mauro Icardi, a margine di un evento nell'Inter Store in centro a Milano, dopo che è stato ufficializzato il rinnovo di contratto che lo lega al club nerazzurro fino al 2021. "Il mio obiettivo - spiega il capitano dell'Inter - e' diventare capocannoniere, mentre l'obiettivo della squadra e' di tornare in Champions League. Io il Totti dell'Inter? In Italia abbiamo gli esempi di Totti, Zanetti e Maldini. Io - ha aggiunto Icardi - sono giovane e non posso promettere di restare qui per i prossimi vent'anni ma e' un obiettivo". Presente anche Wanda Nara, moglie e agente del capitano nerazzurro, in completo nero con giacca di pelle e ovviamente molto sorridente.

Riccardo Montolivo: stagione finita e carriera in bilico 7 Ottobre 14:57

La sensazione forte è che per il ginocchio di Riccardo Montolivo quella di ieri sera non sia una forte botta al ginocchio ma una rottura del legamento crociato del ginocchio. Due anni e pochi mesi dopo la rottura della tibia del Maggio 2014, un altro dramma sportivo in Nazionale per il capitano del Milan. In attesa di pronunciamente ufficiali, se davvero dovesse trattarsi di questo, la stagione di Montolivo sarebbe finita. Con la speranza, per il prosieguo della sua carriera, che il centrocampista bergamasco riesca a superare psicologicamente anche questa tegola.

Derby d'Italia sfiorato: la Juve voleva Icardi ancor prima di Higuain 7 Ottobre 11:50

Wanda Nara, ha confermato l'imminente annuncio del rinnovo contrattuale di Mauro Icardi, suo marito. Importanti le motivazioni e i retroscena: "Io non ho mai detto 'Mauro vuole andare via' ma 'Mauro vuole restare'. Lui sogna di essere una bandiera per l'Inter come Totti lo è per la Roma. Ed è ovvio che avrei preferito rimanere a Milano anch’io: sono incinta, i figli più grandi sono ben inseriti a scuola. Non si sarebbe dovuta muovere una sola persona. Noi siamo proprio tanti!. Non si sa a quanti soldi, tantissimi, ha rinunciato Mauro per restare all'Inter e che la Juventus ha cercato di prenderlo fino a due minuti dalla mezzanotte del giorno in cui poi ha concluso con Higuain. L'offerta del Napoli era importante e meritava rispetto. De Laurentiis mi aveva proposto un film. Ho detto no: dove trovo il tempo con cinque figli?".

Gabigol su rigore: Inter-Lugano 1-0 in amichevole 6 Ottobre 18:08

Nell'amichevole contro il Lugano, l'Inter, in preparazione al match col Cagliari del 16 Ottobre, ad Appiano Gentile, ha battuto per 1-0 la formazione svizzera, che milita nel massimo campionato elvetico. Per gli impegnicon le rispettive nazionali, Brozovic, Perisic, Candreva, Eder, Banega, Miranda, Murillo, Nagatomo, Joao Mario, Jovetic e Miangue non erano a disposizione di De Boer. Nell'Inter l'osservato speciale era Gabigol, che nell'undici titolare ha affiancato Palacio in un'inedita coppia d'attacco. A sbloccare il match ci ha pensato al 21' Gabigol, andato a segno su calcio di rigore, concesso dal direttore di gara per un contatto in area elvetica fra Rouiller e Palacio. Al 30' è stato il Lugano andare vicino al goal, con la conclusione di Sabbatini che si è però stampata sul palo.

Petagna: dopo Borriello un altro ex Milan rilanciato da Gasperini 6 Ottobre 10:00

"Ho un grande allenatore". E' una delle frasi con cui Andrea Petagna, dal ritiro della Nazionale Under 21, ha descritto il suo momento magico nell'Atalanta. Il grande allenatore citato dal bomber è Gian Piero Gasperini, il tecnico dell'Atalanta che ha creduto in lui e lo ha lanciato motivandolo e stimolandolo. Petagna con Gasp sta facendo davvero bene e non è una novità. Già 9 anni fa, nel Genoa, il tecnico di Grugliasco aveva preso e rilanciato un attaccante proveniente dal Milan e con alcune delle caratteristiche di Petagna. Ci riferiamo a Marco Borriello che nelle stagioni precedenti aveva stentato a Reggio Calabria, Genova e Treviso, facendo discutere per il suo rapporto nascente con Belen Rodriguez e per quella squalifica di 3 mesi legata alla positività ai metaboliti del cortisone dopo una partita disputata nel mese di Novembre del 2006 nel Milan contro la Roma. Preceduto da trascorsi e nomee poco positive, Borriello a Genova con Gasperini esplode e torna al Milan dando vita al segmento più competitivo della sua carriera. Borriello viene dal Settore Giovanile del Milan, esattamente come Petagna che non ha i precedenti di Marco ma che come lui aveva perso quotazioni e posizioni nelle ultime stagioni. Gasperini, il ricostruttore degli attaccanti ex Milan.

Montolivo: Prandelli lo "chiama" nel suo nuovo Valencia 5 Ottobre 10:34

Secondo i media iberici il Valencia sarebbe fortemente interessato a Riccardo Montolivo. Il giocatore italiano sarebbe stato richiesto dal nuovo tecnico del club spagnolo Cesare Prandelli, che ha avuto Montolivo nei suoi anni migliori in viola e sul quale aveva costruito la Nazionale del Mondiale 2014 in Brasile. Secondo quanto riporta la stampa spagnola, Riccardo Montolivo sarebbe molto vicino a lasciare il Milan nella prossima sessione di calciomercato invernale; il centrocampista trentunenne è finito nel mirino del Valencia, che sarebbe disposto a mettere dieci milioni di euro. Si tratta di una cifra notevole per un giocatore dall'età non più giovanissima.

Incontro Fassone-Maldini - Mercato: Godin e Brozovic 4 Ottobre 15:06

L'incontro tante volte annunciato e spesso smentito è avvenuto. Marco Fassone, ha incontrato Paolo Maldini e gli ha fatto un'offerta per entrare nel club come direttore tecnico. Paolo ha preso qualche giorno per decidere. Fassone sta provando a chiudere al più presto la questione bandiera, Maldini riflette e a breve arriverà una risposta. Intanto dal mercato arrivano i primi interessamenti del Milan. Tra gli obiettivi, il difensore uruguaiano Godin (Atletico Madrid) ed il centrocampista Brozovic (Inter).

Maldini come Rummenigge: il piano dei Cinesi 4 Ottobre 09:48

Paolo Maldini direttore generale del Milan targato Sino Europe Sports. Sono forti le ultime voci riguardo lo storico capitano rossonero, pronto a tornare in società. Cambia il Milan e arriva Han Li, che ha aperto alla possibilità di avere leggende nella dirigenza, e Maldini è pronto a tornare. Marco Fassone è al lavoro per riportare Maldini al Milan e ha in mente per lui un ruolo in società molto simile a quello di Karl Heinz Rummenigge al Bayern Monaco. Maldini e Fassone si incontreranno in settimana e proveranno a chiudere. C’è ottimismo su questo fronte,, anche se il Milan potrebbe tentare di dare un nuovo ruolo importante a Franco Baresi.

Suning: ha già vinto il derby contro la nascente cordata cinese Milan 4 Ottobre 08:26

Suning solida e riconoscibile. Consorzio cinese Milan misterioso. L'equazione è ormai aritmetica. Anche He Wenyi, direttore del centro di ricerca di sport cinese alla Peking University, nutre dei dubbi circa il consorzio che sta acquistando il Milan e lo ha ha confidato alla Gazzetta dello Sport: "La struttura del gruppo che vuole comprare il Milan non è tipica in Cina. Suning la conoscono tutti, possiede già una squadra e ha rilevato l’Inter per fare sinergie e creare valore in Cina. Quello del Milan è un caso completamente diverso: sembra un’operazione finanziaria con l’obiettivo di trarre profitto in futuro, puntando sul brand value del Milan che in Cina è molto alto e sull’enorme potenziale dei giovani consumatori cinesi".

Tifosi Milan: tutti scatenati contro Di Francesco 3 Ottobre 17:08

I tifosi del Milan hanno incassato le polemiche arbitrali di Eusebio Di Francesco di ieri sera. Qualche errore dell'arbitro Guida c'è stato e il rigore contro Donnarumma doveva essere fischiato. In mano alle pieghe del regolamento, il mani con cui fa gol, la palla sarebbe finita verso il centro dell'area, Adjapong con il braccio. Sotto la lente di ingrandimento anche il rigore concesso a Niang. Ma la domanda che fanno i tifosi del Milan a Di Francesco è molto chiara: quando il Sassuolo ha battuto 3-2 un Milan in 9 con un gol in sospetto fuorigioco e con un gol-non gol di Diego Lopez, l'arbitro Guida, lo stesso di ieri sera, si era fatto condizionare anche in quel caso? Ecco il report di Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015: "Succede di tutto nel lunch match della 36.a giornata. Berardi show e il Sassuolo batte 3-2 il Milan al Mapei Stadium ma sono tanti gli episodi che fanno discutere. Al 13' papera di Diego Lopez su conclusione di Berardi: è gol, ma la palla non sembra aver oltrepassato la linea. Al 31' raddoppio dell'attaccante neroverde in dubbia posizione. Accorcia Bonaventura, pari di Alex. Espulso Bonaventura poi Berardi al 33' firma il tris. Rosso anche a Suso".

SE SI GIOCASSE OGGI - Derby Milan-Inter 3 Ottobre 12:33

Il Milan ha più coesione e più spirito di squadra, l'Inter più singoli e più colpi in canna. E' l'eterno confronto fra il gruppo e le individualità. Il Milan ha vinto contro il Sassuolo ma ha rischiato di affogare, l'Inter ha perso contro la Roma ma in alcuni momenti della gara è stata padrona del campo. Se il derby dovesse prendere la strada degli episodi e delle fiammate la favorita a prenderselo diventa con naturalezza l'Inter. Se invece dovesse trattarsi di una gara tattica, con uno sviluppo più lineare, anche il Milan avrebbe le sue chances.

De Boer su Gabigol: Non è ancora pronto per certi ritmi 3 Ottobre 12:29

Le parole di Frank De Boer al termine di Roma-Inter 2-1: "Nel primo tempo abbiamo fatto molti errori, specialmente sulla velocità di Salah. Nel secondo tempo siamo stati molto compatti e non abbiamo avuto problemi con la Roma, ma i gol subiti sono errori nostri. Con la Roma sono sempre partite difficili, quando cambieremo delle cose che ho notato e ci comporteremo come nel secondo tempo, potremo vincere le partite. Siamo stati molto aperti in campo e quando abbiamo perso la palla siamo andati in difficoltà Sono errori che non possiamo commettere. Gabigol? Adesso non sta fisicamente bene per giocare a questi ritmi, Jovetic si è allenato molto bene e per me quando un giocatore da un segnale buono merita un’opportunità”.

Inter, Ausilio: la Juve non si offenda se chiamiamo Berardi... 2 Ottobre 13:43

Nel giorno di Roma-Inter, il diesse nerazzurro Piero Ausilio parla al Corriere dello Sport: "Juan Jesus alla Roma? Il corteggiamento di Sabatini per lui parte da lontano: ne avevamo parlato già a Gennaio. Nainggolan? “Prima che la Roma lo riscattasse, qualcuno (il Cagliari?, ndr) ci voleva far credere che fosse un’operazione possibile perché il giocatore era ancora in comproprietà, ma sapevo che era importante per la Roma e che i dirigenti giallorossi non se lo sarebbero lasciato sfuggire. Ci piaceva, non lo nascondo, ma non abbiamo voluto entrare in una situazione complicata”. Sugli altri temi: “Non abbiamo neppure iniziato una trattativa per Icardi al Napoli. Basta un minimo di professionalità per capire che l’Inter avrebbe in ogni caso voluto prolungare il contratto di Mauro. E’ il nostro capitano ed è uno dei migliori attaccanti a livello mondiale. Ha un accordo in scadenza nel 2019 e solo un folle non avrebbe pensato di creare i presupposti per chiudere rapidamente una situazione così delicata. L’affare più difficile? Sicuramente Joao Mario perché era un neocampione d’Europa, blindato da una clausola da 60 milioni e di proprietà di una società che solitamente non fa sconti. Anche trattare con Lotito per Candreva non è stato uno scherzo. In realtà poi Berardi non è sfumato perché di fatto non è mai partita la trattativa, ma un giocatore di cui sono calcisticamente innamorato è Berardi. Se in futuro chiamerò il Sassuolo? Vediamo… Sperando che nessuno si offenda…A Gennaio i tifosi sogneranno solo grandi colpi? Abbiamo il dovere di sognare perché abbiamo gettato le basi per un progetto tecnico importante. Serve ancora un po’ di pazienza, ma sono convinto che in poco tempo tornerà a essere vincente”.

Aleix Vidal in uscita dal Barcellona: derby Milan-Inter 2 Ottobre 12:00

Aleix Vidal, il difensore classe 89 arrivato al Barcellona nel 2015 dal Siviglia, dopo appena un anno è ormai già intenzionato a chiudere già la sua esperienza con i blaugrana: non è contento e non da oggi del trattamento riservatogli da Luis Enrique. Il giocatore spagnolo in settimana ha chiesto ed ottenuto un incontro con Robert Fernandez, direttore tecnico del Barcellona proprio per discutere del suo futuro. Nelle scorse settimane il primo sondaggio è stato dell’Inter che vorrebbe poter regalare a De Boer un altro acquisto sul calciomercato di Gennaio. Ma anche il Milan nelle ultime ore sembra essersi mosso con decisione sul giocatore.

Adriano Galliani: devo solo pensare al Milan, poi vedremo 1 Ottobre 16:28

L'amministratore delegato del Milan, Adriano Gialliani è intervenuto ai microfoni di Radio Deejay sulla trattativa Milan-Cinesi: "La trattativa è fatta tra il potenziale venditore che è Finivest e il potenziale compratore che è la cordata cinese, noi siamo l'oggetto non il soggetto. Fininvest sta vendendo ma teoricamente i manager che vengono compro-venduti potrebbero non sapere nulla. C'è un coinvolgimento emotivo che non esistono in altri settori. Dopo? Io non voglio pensarci, fino alla chiusura, devo pensare al Milan. Fino a quel giorno non voglio pensarci, non ho deciso, fino al giorno della chiusura sarò l'ad del Milan, poi ci penserò. Braida? Abbiamo una fortissima rete di osservatori. Non è cambiato nulla, è andato via Braida, ma abbiamo gli stessi osservatori di prima. Capisco che quando non arrivano i risultati sembra che non ci sia nulla ma non così, e sembra tutto sbagliato ma non è. Le persone che ho scelto hanno fatto tutte carriera, credo di avere fatto crescere delle persone in tutti questi anni. Ho degli amici che mi fanno pensare, mi dicono di stupirmi per i 30 anni di durata, non c'è nessuno in europa che è durato 30 anni. Tutte le cose iniziano e finiscono, è la vita. Faremo altro. E' il rapporto più lungo della mia vita, ho avuto un rapporto meraviglioso".

Ok Joao Mario e non Brozovic: i 24 convocati Inter per Roma 1 Ottobre 16:24

Questo l'elenco dei 24 convocati Inter per la trasferta di Roma: Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni;

Difensori: 13 Ranocchia, 15 Ansaldi, 21 Santon, 24 Murillo, 25 Miranda, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 95 Miangue;

Centrocampisti: 5 Melo, 6 Joao Mario, 7 Kondogbia, 17 Medel, 19 Banega, 27 Gnoukouri;

Attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 10 Jovetic, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva, 96 Barbosa

Moratti torna presidente dell'Inter: è la richiesta di Suning 30 Settembre 15:03

"Il Suning mi ha chiesto di tornare ad essere il presidente dell'Inter. E' un onore ma non so cosa risponderei". Così l'ex patron dell'Inter Massimo Moratti, a Premium Sport, torna a parlare della possibilità di riprendere in mano la gestione del club nerazzurro. "C'è nostalgia - ammette Moratti - nel sentimento della gente, dei tifosi. Erick Thohir ha provato a fare acquisti, pur con difficoltà per via delle complicazioni nel gestire un giocattolo più grande del previsto. Coi cinesi mi sento al sicuro, il loro desiderio di far bene è forte".

Raiola: si ai Cinesi dell'Inter, no a Thohir e ai cinesi del Milan 30 Settembre 10:40

Mino Raiola a 360 gradi: "In Italia eravamo i migliori nel calcio, poi in Inghilterra hanno investito sugli stadi, in Germania sui giovani e noi siamo stati a guardare. Meno male che sono arrivati i cinesi, però i cinesi dell’Inter: quelli di Suning sono gente seria, vogliono investire tanto. E De Boer è un tecnico in gamba, preparato, duro: farà bene. Sui cinesi del Milan invece sono scettico. Mi chiedo: se è tutto fatto, perché non hanno ancora messo i soldi? Magari mi sbaglio, per carità, però serve gente seria nel calcio italiano, perché da noi nessuno si mette mai d’accordo per cambiare le cose. E ribadisco: ci vorrebbe una rivoluzione. Non solo nel calcio”.

Divise Milan, da Dolce & Gabbana a Diesel: accordo chiuso 29 Settembre 10:25

Sono stati i futuri proprietari cinesi ad autorizzare l'operazione, per cui il Milan ha chiuso un accordo con Diesel e da domenica, per il match contro il Sassuolo, Vincenzo Montella, il suo staff e la squadra indosseranno la nuova divisa ufficiale, che sarà diversa da quella proposta da Dolce&Gabbana. Il Milan aveva a disposizione un accordo già pronto nei mesi scorsi con Loro Piana, ma l'attuale management commerciale ha optato per Diesel.

Inter, Icardi pensa alla Nazionale, a Praga gioca Palacio 29 Settembre 10:22

Riparte da Praga il cammino dell’Inter nella fase a gruppi di Europa League. La formazione nerazzurra, dopo il brusco stop interno contro l’Hapoel, insiste sul 4-2-3-1. Davanti a Handanovic giocheranno D’Ambrosio, Ranocchia, Murillo, Miangue, davanti alla difesa Gnoukouri e Felipe Melo, Candreva, Banega ed Eder dietro all’unica punta che sarà Palacio. Icardi, turbato dalla scarsissima considerazione della Nazionale argentina, è pronto per ogni evenienza. Intanto, Joao Mario affretta i tempi e potrebbe giocare a Roma.

Milan e Inter, i Cinesi al centro delle rispettive vicende 28 Settembre 18:12

Suning ha in animo di costruire uin grande Centro Sportivo per il Settore giovanile dell'Inter. a dimostrazione di quanto il progetto sia orientato sullo sviluppo e sul futuro. Sul fronte Milan, da più parti viene ricordato che in base alle norme FIGC deve essere nota l'identità dedgli acquirenti. In ognicaso un soggetto già esiste e si chiama Sino Europe Sports.

Europa League: Frank De Boer non convoca Brozovic 28 Settembre 09:57

Non c'è Brozovic nella lista dei convocati diramata da Frank de Boer per il match day 2 della fase a gironi di UEFA Europa League 2016/2017 in programma allo stadio “Letná” domani sera alle ore 19 contro lo Sparta Praga. Recuperato invece Murillo.

Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni;

Difensori: 13 Ranocchia, 15 Ansaldi, 24 Murillo, 25 Miranda, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 95 Miangue;

Centrocampisti: 5 Melo, 17 Medel, 19 Banega, 27 Gnoukouri, 91 Zonta;

Attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva.

Cinesi: da Berlusconi a Confalonieri, parlano tutti 27 Settembre 16:29

In occasione dei suoi 80 anni, Silvio Berlusconi ha parlato di Milan a 'Chi': "Ho un rimpianto, quello di non aver potuto lavorare sul Milan come avrei voluto. Se negli ultimi anni il Milan non è stato come prima è solo perché non ho avuto più tempo per occuparmene personalmente. Si fa presto a parlare. Per anni ho lavorato almeno tre pomeriggi alla settimana con i miei avvocati per preparare le 3.600 udienze dei 73 processi politici che ho dovuto subire. Sono comunque il Presidente di club che ha vinto di più nella storia del calcio".

Secondo Fedele Confalonieri "i cinesi rilanceranno il Milan perchè è nel loro interesse. E poi questi sono seri, sono bravi. Dovunque vadano, basta guardare via Paolo Sarpi, è gente lavoratrice che ha successo. E così in tutte le grandi città del mondo. Benvengano i cinesi, welcome to Milan. Gente come Maldini o Baresi guai a toccarla, però non è necessario che ci sia una bandiera in dirigenza. E poi non è necessaria conseguenza che un campione diventi un bravo dirigente. Benvenga uno come Maldini, perchè le bandiere è bello sventolarle e poi dopo tutti questi anni di Milan. Baresi? Fenomenale come calciatore, un po' meno da dirigente".

Intanto sembra ci sia stato un viaggio a metà Settembre a Milano del gruppo cinese per ragioni finanziare, amministrative ed economiche. Il gruppo è arrivato alla Malpensa giovedì, passando per una serie di incontri poi a piazza Belgioioso, dove c'è la sede dei legali del gruppo cinese, piazza Cavour, per una cena al ristorante Camillo Benso per proseguire parte dell'incontro, e piazza Repubblica dove viveva in questi giorni il gruppo cinese rappresentato da Han Li, braccio destro di Yonghong Li, il presidente del gruppo Sino-Europe. Ci sono stati altri incontri soprattutto con le banche. L'incontro è andato bene e si va verso il closing.

Milan, la cordata cinese: 4 i nomi accostati al closing 27 Settembre 13:57

Ma chi sono questi Cinesi? Quante volte spunta questa domanda. Ecco 4 sigle che potrebbero davvero far parte dello schieramento di Yonghong Li per l'acqusizione del Milan: Jie An De, holding personale di Li; Zhuhai Zhongfu, quotata alla borsa di Shenzhen, azienda produttrice di lattine e bottiglie per bevande; Long Gu, uno dei maggiori investitori per la realizzazione del Canale di Kra, un Canale creato tra Cina e Thailandia per permettere alle navi cinesi una miglior ed economica navigazione verso il porto di Canton.; Jilin Yongda, pressochè sicuro investitore minore nella cordata cinese del Milan.

Gabriel Jesus tifa Milan, ma il Milan non lo ha portato a casa 27 Settembre 10:39

Gabriel Jesus, il centravanti brasiliano decisivo come Neymar nella conquista dell'oro olimpico del Brasile, il crack passato dal Palmeiras al Manchester City, come tanti altri brasiliani tifa Milan. I tanti brasileiros di classe che hanno indossato negli anni la maglia rossonera, hanno lasciato il segno. Ma il Milan non era competitivo a livello economico-societario per poterlo acquistare. A Extra Time gli hanno chiesto dell'interessamento delle squadre italiane prima di accettare la proposta del City: “Piacevo a Juve e Inter? Ma io tifo Milan. No, come dicevo prima, ha pesato il fattore Guardiola. Ho ricevuto consigli da persone che hanno lavorato con lui e da altri che hanno giocato negli altri club interessati al mio acquisto, ho valutato e poi scelto il City”.

Il post Inter-Bologna: la situazione medica di Joao Mario e Murillo 26 Settembre 15:14

Questi i comunicati ufficiali interisti: "Esami clinici e strumentali per Joao Mario, per lui elongazione al gemello laterale prossimale della gamba sinistra - Esami anche per JeisonMurillo. Confermata la diagnosi di lombalgia. La situazione dei due sarà valutata giorno dopo giorno". Secondo alcune previsioni, Joao Mario sarà out 15 giorni e rientrerà dopo la sosta e dopo aver saltato Roma-Inter.

Donnarumma, 2 rigori contro il Milan e 0 gol segnati 26 Settembre 12:07

Belotti come Ilicic. Due rigori calciati verso la porta del Milan e nessun gol avversario. Dopo la parata di Donnarumma su Belotti a San Siro in Milan-Torino, il portiere del Milan ha sfiorato ieri a Firenze la palla calciata sul palo dagli 11 metri da parte di Ilicic in Fiorentina-Milan 0-0.

Campionato,le formazioni probabili di Fiorentina-Milan 25 Settembre 10:13

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusani; Tomovic, G. Rodriguez, Salcedo; Bernardeschi, Badej, Sanchez, Maxi Olivera; Ilicic, Borja Valero, Kalinic.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Paletta, Romagnoli, De Sciglio; Kucka, Montolivo, Bonaventura; Suso, Bacca, Niang.

Milito e Samuel ad Appiano Gentile, De Boer conquistato da Gabigol 24 Settembre 17:56

Gli argentini, due autentici totem nerazzurri, Milito e Samuel hanno seguito alla Pinetina la rifinitura dell'Inter prima della partita con il Bologna. Su Gabigol, è intervenuto il tecnico De Boer: "Gabigol ha grande qualità, non solo nel dribbling e nel gol. Fa anche assist, ha visione di gioco. Si vede subito negli allenamenti, quando dribbla Gabigol non tiene gli occhi sulla palla ma resta con la testa alta. E’ fantastico perché pochi giocatori fanno così. E’ importante che apprenda il nostro modo di giocare, di attaccare e di pressare alto. E’ comunque vicino al debutto ma un passo alla volta”.

Paolo Maldini, accreditate le voci di un incontro con Fassone 23 Settembre 22:09

Dopo la ridda di voci e di dichiarazioni di due settimane fa che avevano complicato il clima e irrigidito lo stesso Paolo Maldini che aveva voluto far sapere di non aver ricevuto nessuna telefonata da Marco Fassone, sembra che il clima stia cambiando. Non è confermata ufficialmente, ma è molto accreditata la voce di un incontro in tempi relativamente brevi fra il futuro ad del Milan e lo stesso Paolo Maldini.

Milan, nonostante Caixin e Bloomberg: ottimismo Fininvest e Cinesi 23 Settembre 14:31

Dopo l’articolo di Bloomberg di due giorni fa su presunti documenti bancari falsi da parte della cordata cinese che sta acquistando il Milan (poi smentito da Fininvest e Sino-Europe), oggi il quotidiano cinese Caixin riporta di altri documenti falsi presentati da YongHong Li, questa volta riguardano la Dongguan Bank e non la Jiangsu Bank citata da Bloomberg che aveva contattato Fininvest e Sino-Europe prima di far uscire la notizia. Sino-Europe lascia filtrare che potrebbe trattarsi di una semplice ripicca di soci orientali poi usciti dalla stessa compagine che in passato era guidata da Gancikoff e Galatioto. Difficile addentrarsi in un carteggio tra Cina e Italia, che coinvolgerebbe banche e investitori, su cui certamente i colleghi della stampa finanziaria potranno indagare. Quello che trapela è comunque un ottimismo di fondo tra Fininvest e Sino-Europe, che stanno stringendo i tempi degli adempimenti pre-closing,

Pirelli, Tronchetti, Gabigol: le voci su Moratti...tutto torna 23 Settembre 10:14

Luciano Moggi, personaggio che sa captare umori vicini al calcio milanese, ha dichiarato che gli risulta che Suning voglia il ritorno di Massimo Moratti alla presidenza dell'Inter. In effetti la presentazione di Gabigol è stata molto morattiana. Con Tronchetti Provera in prima fila, con il rinnovati entusiasmo di Tronchetti Provera che, quando Thohir mise da parte proprio Moratti, era molto più critico. Molto defilato invece Bolingbroke, una sorta di accusatore della grandeur economica dell'ex presidente. Insomma, tutto sembra tornare.

Il derby Milan-Inter: SE SI GIOCASSE OGGI.....22 Settembre 12:18

Mancano due mesi al derby di andata con il Milan in casa. Ma se si giocasse oggi? INTER FAVORITA. La squadra nerazzurra ha una rosa superiore, accusa ancora problemi di continuità e di tenuta difensiva, ma se giocano in contemporanea Banega e Joao Mario a centrocampo, dalla cintola in su ha già il profilo di una squadra in grado di lottare per i primissimi posti. Il Milan è dietro in termini di valore assoluto. L'allenatore sta lavorando bene e il gruppo si sta applicando in maniera sana, ma per rispondere alla domanda SE SI GIOCASSE OGGI il Milan dovrebbe fare una partita di sacrificio e sperare di non essere penalizzato dagli episodi contro una Inter che sembra ormai lanciata.

Brozovic con la squadra ad Empoli: solo così può "rientrare" 21 Settembre 14:00

Per tornare nell'elenco dei convocati dell'Inter, Brozovic dovrà dimostrare di far parte del gruppo e di avere capito il suo ruolo nello spogliatoio. Brozovic sembra aver capito, tanto che oggi, nonostante non sia convocato, ha voluto ugualmente stare vicino ai compagni durante la trasferta a Empoli. Un segnale, importante verso De Boer, verso la squadra e verso l’Inter. A questo punto Brozovic potrebbe essere reintegrato ed essere a disposizione per la sfida di domenica col Bologna.

Il Milan e Fininvest stanno lontani dagli intrighi cinesi 21 Settembre 11:36

Come derbyderbyderby.it ha scritto in apertura di mattinata, anche altri giornalisti da tempo sul pezzo della trattativa convergono sul fatto che il documento bancario tarocco cui si riferisce Bloomberg è figlio della cordata precedente a questa che sta andando spedita verso il closing. Come forse ben anno i Cinesi fuoriusciti dalla prima cordata e che adesso stanno cercando di rientrare. La trattativa è lunga e complessa, possono esserci confusione e fraintendimenti ma Fininvest in primis e il Milan in secundis guardano soltanto al risultato finale.

Bloomberg: spunta una lettera falsa dei Cinesi durante le trattative Milan 21 Settembre 08:26

La cordata cinese avrebbe presentato un falso report bancario a Fininvest durante la fase iniziale della trattativa per il Milan. Lo riporta un lancio d'agenzia Bloomberg. Si tratta di un documento firmato dalla Bank of Jiangsu. Dal canto suo Yonghong Li conferma di non aver mai inviato a Fininvest un documento del genere. Si tratterebbe di un documento dello scorso 25 Aprile. Ricordiamo che la cordata che ha versato i 100 milioni per il Milan è diversa da quella con cui iniziò ufficialmente la trattativa lo scorso 10 Maggio. Gli eventi sembrano superati.

Squalicato Banega, rientra Kondogbia nell'Inter di Empoli 21 Settembre 08:24

Questa sera De Boer, affiderà a Joao Mario la cabina di regia avanzata al posto dello squalificato Banega. Torna Kondogbia, dal primo minuto al fianco di Medel. Prima convocazione per Gabigol. Spazio anche, ma in panchina, per Ansaldi. Ancora fuori Brozovic. L'Inter dovrebbe giocare cos'ì ad Empoli: Handanovic in porta; D’Ambrosio, Miranda, Murillo e Santon dietro; Joao Mario, Medel e Kondogbia a centrocampo; Candreva e Perisic sugli esterni rispetto a Icardi.

Inter-Juve e Empoli-Inter: parla De Boer, ma parla anche Mancini...20 Settembre 14:30

Alla vigilia di Empoli-Inter, il tecnico nerazzurro De Boer ha parlato di Gabigol e del post Juventus: “Gabigol ha fatto due allenamenti, uno col gruppo. Oggi vediamo come sta, ma può essere convocato. Dopo la Juve sarà importante atteggiamento con le squadre piccole. Si vince lo Scudetto contro queste squadre. Dopo Empoli sapremo come siamo messi in questo processo, è facile entrare motivati con la Juve, ora dopo due giorni abbiamo un altra partita. E’ una cosa che voglio verificare domani”. Cosa deve fare per rientrare nel gruppo Brozovic?: “Dimostrare di fare parte della squadra, nell’Inter. Ha fatto una cosa che non si può accettare. Quando capisce questo per me non c’è problema. Un giocatore deve accettare le decisioni, un giocatore non è grande come l’Inter”.

Attenzione però, perchè oggi ha parlato anche Roberto Mancini: "Su Inter-Juventus non ho niente da dire se non che sono contento che abbiano battuto la Juventus. Sono contento per i tifosi, per i ragazzi, che sono comunque dei buoni giocatori. Della società invece ne riparliamo magari la prossima volta…”.

Sino-Europe le studia tutte: mezzanine financing e borsa di Shanghai 20 Settembre 13:10

Sino-Europe e le difficoltà del consorzio cinese a reperire i fondi che permetterebbero di finalizzare l'acquisto del Milan. Shanghai potrebbe essere la borsa scelta per il collocamento del Club rossonero. Intanto per finanziare i 220 milioni di euro di debiti rossoneri, Sino-Europe potrebbe ricorrere al ‘mezzanine‘, una forma tecnica utile proprio in questo tipo di operazioni. Rumors e voci tra Cina, Stati Uniti e Italia. Ma i parametri necessari non sarebbero ancora stati raggiunti. Non è facile trovare compagni di avventura, per una squadra come il Milan molto indebitato.

Donnarumma: Raiola chiederà 2 milioni ai Cinesi dopo il closing 20 Settembre 10:16

Mino Raiola pensa già al dopo closing. Il procuratore di Gianluigi Donnarumma sta tenendo i rapporti con Galliani che a sua volta tiene informati i Cinesi. Dopo il closing del nuovo Milan, Raiola potrebbe chiedere alla nuova proprietò del Milan un ingaggio da 2 milioni di euro. L'ingaggio attuale del giovanissimo portiere rossonero è di 160.000 euro.

Moratti elogia De Boer per la Juve, ma non vuol più fare l'azionista 19 Settembre 15:41

Il giorno dopo Inter-Juventus 2-1, non ci sono dichiarazioni asiatiche da parte di Zhang e Thohir, ma quelle milanesissime di Massimo Moratti: “Bene, molto bene. La squadra ha giocato molto bene, dopo la partita di giovedì sembrava ci fossero più difficoltà invece è stato bravo l’allenatore, bravissimo. E bravissimi i giocatori, Icardi in testa ma anche tutti gli altri. Era giusto che De Boer guadagnasse tranquillità. Una vittoria di questo genere dà fiducia, da parte del pubblico, da parte di tutti. Ha dimostrato di saper far bene i cambi, non era una partita semplice. Non c’è da dargli dei consigli, c’è da dargli fiducia in se stessi con l’umiltà e con la professionalità. Quindi sono convinto che riuscirà a far bene. Io? Solo il fatto di andare allo stadio ed essere felice è una bella cosa. I nuovi azionisti mi sembra che siano gente fattiva e quindi c’è soddisfazione anche poterci parlare assieme. Mi basta questa parte qua”.

Milan, Galliani e Raiola stanno già parlando del futuro di Donnarumma 19 Settembre 15:15

Ne stanno già parlando, Adriano Galliani e "Mino". Il futuro contratto di Gianluigi Donnarumma è stato al centro della giornata mediatica e di Milanello. Prima le dichiarazioni di Raiola e il grande spazio sui siti, poi la sicurezza ostentata da Vincenzo Montella sulla permanenza di Donnarumma nel Milan durante la conferenza stampa pre Milan-Lazio nel centro sportivo rossonero. Poi, a quanto filtra, la notizia. Del contratto al giovanissimo portiere rossonero, la famiglia del giocatore è già stata rassicurata e il ragazzo continua a sentirsi a casa sua nel Milan. Ma da quanto trapela Galliani e Raiola hanno già iniziato a parlarne, c'è serenita da parte del Milan, la trattativa sembra proprio nel vivo.

Esclusioni argentine, a Gennaio fuori Icardi, oggi Higuain 18 Settembre 16:22

Se come sembra non dovesse partire dall'inizio oggi Gonzalo Higuain, sarebbe la seconda clamorosa eslusione argentina nel 2016 nelle partite fra Inter e Juventus. A Gennaio 2016, infatti, nella gara di andata delle Semifinali di Coppa Italia, Mancini tenne fuori Mauro Icardi in campo poi solo dal 32' della ripresa. Ma la Juventus si impose 3-0. Questa sera Gonzalo Higuain dovrebbe ripartire dalla panchina con la Juventus ed è una sorpresa assoluta perchè dopo la clamorosa operazione estiva, tutti davano per assodato che il Pipita sarebbe stato titolare fisso in tutte le gare della Juventus.

Donnarumma, il Milan scalda i motori per il rinnovo 18 Settembre 16:19

Il Milan ha rischiato negli anni scorsi, non credendo molto in Antonio Donnarumma, di perdere il rapporto con la famiglia campana. Fortunosamente e affannosamente riannodati i fili, è esploso Gigio. Fra i migliori in campo del Milan in tutte le prime 4 partite di Campionato, Gianluigi Donnarumma si avvia a compiere 18 anni in splendida condizione. Non solo la Nazionale, ma anche l'attestato dei Cinesi. Per questo portiere, che può e deve fare tutta la carriera in rossonero come Baresi e Maldini, è in arrivo lo status di testimonial del Milan e un contratto prolungato fino al 2022.

Inter, molto più Eder che Perisic in campo dall'inizio vs Juve 18 Settembre 14:39

Perisic ha lavorato a parte per gran parte della settimana. Anche di fronte alla convocazione, molti osservatori hanno tenuto ferma la loro posizione e cioè e che ben difficilmente Perisic avrebbe giocato. Così sembra. Partirà con ogni probabilità Eder dall'inizio, a sinistra nella linea a tre dietro Icardi che comprende anche Candreva e Banega.

Inter, la voce della mattinata riguarda Garcia: poco credibile 18 Settembre 12:28

Già nello scorso mese di Giugno si avanzava una ipotesi Garcia per il Milan, ma nella lista di 6 allenatori papabili rossoneri da cui è uscito Montella il nome di Garcia non c'era. Questa mattina rimbalza da Roma l'idea che possa essere Garcia più che Capello l'eventuale sostituto di De Boer in caso di fracaso contro la Juventus. Vero che Garcia risponderebbe all'idea internazionale di Suning e Thohir, ma nel complesso l'indiscrezione appare poco credibile.

L'Inter e gli slavi, sono loro l'opposizione interna 18 Settembre 10:21

Prima della partita di Pescara, era stato Perisic prima a dire che la vita dell'Inter non poteva cambiare con i milioni dei nuovi acquisti e poi a battere cassa. Un prolungamento, dopo la mancata cessione, lo ha chiesto anche Brozovic. Mentre Jovetic è da tempo su una linea polemica, voleva andare a Firenze ma non solo non è andato, adesso è anche totalmente di proprietà dell'Inter. Il malumore dei due croati, a maggior ragione quello di Brozovic da oggi in polemica aperta con l'allenatore e con il mondo Inter, e del montenegrino è emerso in superficie proprio nel momento dei rilanci del Club sul mercato.

Inter, Gabigol si allena, Perisic ok, Ansaldi out 17 Settembre 15:48

Frank De Boer, alla vigilia di Inter-Juventus, ha parlato di Gabigol: "E’ bello sapere che è arrivato, bello avere feeling con lo stadio, con l’ambiente, Ha fatto un piccolo allenamento oggi, spero sia disponibile il prima possibile, Sempre bello avere a disposizione qualità del genere. Speriamo possa dimostrare quello di cui è capace. Dobbiamo valutare per prima cosa la sua condizione, ma sono convinto che possa aggregarsi molto presto". Su Ansaldi e Perisic: "Ansaldi sicuramente non c'è, Perisic è convocato".

Milan-Cinesi: il closing un mese dopo, si va a Dicembre 17 Settembre 09:16

Doveva essere entro il 5 Novembre. Fininvest ha invece incamerato la mail in cui è scritto che per il closing Milano-Sino Europe o chi per essa si slitta a Dicembre. Fininvest ha un atteggiamento molto conservativo e molto protettivo nei confronti di questa trattativa, la vuole assolutamente chiudere. Lo slittamento dei tempi conferisce un senso alla prudenza e alla cautela di Marco Fassone, sia sul suo lavoro sia sulle decisioni non immediatamente prese.

Il dopo Hapoel, Thohir in cattedra: parlare poco e lavorare 16 Settembre 19:03

Al momento della presentazione di Joao Mario, il presidente nerazzurro Thohir è intervenuto abbastanza duramente: "Purtroppo la prima partita di Europa League non è andata come volevamo. Non solo il risultato è stato molto negativo, ma la prestazione dei ragazzi non è stata all'altezza di quello che ci aspettavamo e di quello che possono fare. Non bisogna distrarsi in un momento così complicato e dobbiamo essere assolutamente vicini a Frank de Boer che saprà trovare il modo per far crescere questo gruppo di ragazzi e riportarli a lottare per le posizioni che un club come il nostro merita. Bisogna parlare poco e lavorare sodo. Ci vuole concentrazione, fiducia, rispetto per i nostri tifosi e carattere per rialzarci. Ma siamo l'Inter e sono sicuro che lo faremo".

Milan a Genova: tutti i retroscena Bacca-Lapadula 16 Settembre 15:28

Qualcuno può aver pensato questa mattina, leggendo i giornali, che Carlos Bacca possa non giocare questa sera a Marassi a causa di uno strascico, di una sorta di punizione, dopo il confronto con Vincenzo Montella. Filtra e trapela che possa non essere così. Molto probabilmente, Montella in cuor suo aveva già deciso di inserire Gianluca Lapadula dall'inizio dopo Milan-Udinese e il chiarimento, andato comunque a buon fine all'insegna di un confronto schietto e risolutore, fra attaccante e tecnico, sia nato dopo che Bacca aveva già capito nei giorni precedenti, visto il lavoro specifico e personalizzato affrontato in allenamento, che non sarebbe stato titolare nel Milan contro la Sampdoria.

Inter, sulle tracce di un importante centrale brasiliano 16 Settembre 15:02

L'Inter di Suning sta trattando un giocatore al quale nei mesi scorsi, prima del cambio di proprietà, non avrebbe nemmeno potuto avvicinarsi. Si tratta di Thiago Maia, nuovo talento del calcio brasiliano, 19 anni, gioca nel Santosm ed è centrocampista centrale. Thiago Maia aveva gli occhi addosso di Manchester United e Chelsea, Fiorentina, Bayer Leverkusen, Juventus e Monaco, ma l'Inter sta arrtivando forte. Si tratta per una cifra fra i 20 e i 30 milioni di euro. Maia ha tutte le caratteristiche per emergere in Europa. È un centrocampista completo, "box-to-box", capace di difendere e attaccare con la stessa intensità e qualità.

Massimiliano Mirabelli, spunta il patteggiamento del 2011 16 Settembre 12:26

I fari puntati dei media. Fino a che Massimiliano Mirabelli ha avuto un ruolo non mediatico e nno visibile, in questo caso nell'Inter, tutto bene. Adesso che il suo nome e il suo volto è balzato agli onori delle cronache, ecco che la ricerca degli scheletri nell'armadio è andata a buon fine. Secondo Repubblica c'è un precedente nel curriculum dell’ormai ex capo degli osservatori dell’Inter: l’inibizione per 4 mesi patteggiata (ordinanza della Figc del 7 febbraio 2011, con un punto di penalizzazione per il Cosenza e la squalifica di un mese per il calciatore Ceccarelli) “per avere da dirigente del Cosenza redatto e depositato un contratto simulato di 67.193,13 euro del calciatore Ceccarelli, volto a dissimulare il reale accordo economico per il maggiore importo di 186.233 euro, relativo alle stagioni 2009-2012”.

Dopo la "Corea" con l'Hapoel, torna la grande voce di Capello 16 Settembre 10:59

Era stato così anche dopo la sconfitta con il Chievo e il pareggio con il Palermo. Però De Boer a Pescara ha reagito bene e ha avuto ragione lui. Adesso, dopo quella che il Corriere dello Sport definisce una "Corea", la bruciante sconfitta, il passivo poteva essere ancor più pesante, contro gli israeliani del Be'er Sheva, tornano. Proprio così, tornano le voci su Fabio Capello. In caso di brutta e negativa sconfitta con la Juventus, potrebbe esseren l'esperto condottiero bisiaco l'uomo forte della nuova proprietà chiamato a tutelare gli ingenti investimenti fatti sull'Inter di quest'anno.

Inter, allerta Tagliavento: è lui l'arbitro di Inter-Juventus 15 Settembre 16:39

Tocca proprio a Paolo Tagliavento arbitrare Inter-Juventus di domenica. Il fischietto di Terni resta storicamente l’arbitro delle famose manette di Mourinho, quando l’Inter pareggió in casa con la Sampdoria nel 2009/2010 restando in 9 uomini, ma anche l’arbitro di Juventus-Inter 1-3, quando nel 2012/2013 i nerazzurri vinsero allo Juventus Stadium pur con il gol iniziale di Vidal in evidente fuorigioco. Tagliavento ha arbitrato, lo scorso 27 Gennaio 2016, la Semifinale di andata di Coppa Italia a Torino, terminata 3-0 a favore dei bianconeri con, da segnalare, l'espulsione di Murillo.

Perisic, se ci sono i soldi devono esserci anche per me 15 Settembre 15:45

Ecco il perchè di un inizio un pò così...Ecco il perchè di quella intervista a Inter Channel in cui invitava i compagni a essere umili in campo...forse un leggero mal di pancia. L'interpretazione può essere questa: visto che sono arrivati grandi giocatori con grandi ingaggi e visto che Icardi verrà premiato con il prolungamento, veramente ci sarei anch'io...firmato Ivan Perisic. Sembra infatti che 'esterno offensivo croato, peraltro in dubbio per la sfida di domenica con la Juventus per un problema muscolare, con un contratto in scadenza nel 2020 a 3 milioni di euro a stagione, abbia dato mandato al suo agente di battere e che si aspetti un segnale dalla società. L'Inter in estate lo ha considerato incedibile e quindi Perisic aspirerebbe ad essere pagato come uno dei top della rosa nerazzurra.

Milan, le voci su Tielemans rivitalizzano i tifosi rossoneri 15 Febbraio 08:52

The Guardian rilancia una nuova indiscrezione di mercato sul Milan, dopo quella di Fabregas di ieri. Questa volta si parla di un interesse del Milan per il 19enne Youti Tielemans, centrocampista dell'Anderlecht e grande talento internazionale. Si tratta di un ragazzo che in tutte le rubriche televisive rossonere e in tutti i siti, i tifosi del Milan chiedono a gran voce già da molto tempo. Potrebbe essere un ottimo biglietto da visita per la nuova cordata cinese.

Uefa, Dejan Stankovic nuovo vice-presidente dell'ente europeo 14 Settembre 12:47

Non solo Ceferin nuovo presidente dell’Uefa:: il suo vicepresidente sarà Dejan Stankovic ex centrocampista e dirigente nerazzurro. Dopo aver lasciato il campo aveva ricoperto il ruolo di vice-allenatore per Stramaccioni all’Udinese. Poi il ritorno all’Inter dove per un anno è stato team manager, A giugno aveva lasciato la società interista e aveva parlato di nuove sfide. Eccola la nuova avventura, anche lui dovrà lavorare per a ridare credibilità all’Uefa dopo i recenti scandali.

Inter, cambia ad: non più Bolingbroke ma un dirigente italiano 14 Settembre 08:31

Sempre in movimento l’organigramma dell’Inter. L'ufficialità dell’addio di Michael Bolingbroke arriverà appunto con l’approvazione del bilancio da parte degli azionisti: lascia i conti in linea al 30 Giugno 2016 con le consegne del fairplay Uefa Il prossimo amministratore delegato dell’Inter sarà italiano e verrà definito a breve. Se ne occuperà Zhang Jindong, il numero uno di Suning che domenica sarà a Milano per la sfida contro la Juve e ha in agenda dei colloqui per chiudere l'operazione.

Inter, Ansaldi "vede" la Juventus e si ripresenta sui social 13 Settembre 17:08

Non ha ancora esordito con l’Inter, ma ora sembra essere pronto e a disposizione di De Boer che, senza lo stesso Nagatomo tra i terzini a disposizione, ha avuto i suoi bei problemi in difesa. Cristian Ansaldi su Instagram ha comunicato che torna in gruppo dopo un infortunio al ginocchio sinistro che lo ha messo ko da agosto. “Tutto pronto per iniziare con la squadra. Spero di fare del mio meglio per essere utile per la nostra Inter“, ha scritto Ansaldi.

Inter, Icardi parla di Mancini e De Boer: nel suo prossimo libro 13 Settembre 12:00

Mauro Icardi ha scritto un libro, vicino alla presentazione ufficiale e all'uscita in libreria: “Sempre Avanti”. Il volume uscirà l’11 Ottobre ed è stato curato dalla moglie Wanda e scritta da Mauro in prima persona. Lo chiamano autobiografia, ma quelle di solito si fanno a fine carriera, non all'inizio. Malgrado il libro fosse ormai chiuso prima del ritiro a Riscone, Icardi infatti ha voluto aggiornarlo con le polemiche sul contratto, l’addio a Mancini e il benvenuto a De Boer.

Fassone ha chiamato Maldini: incontro nei prossimi giorni 13 Settembre 11:01

La chiamata è partita ed è arrivata. Marco Fassone non ha mai sentito Albertini, Costacurta e Ambrosini. Ieri ha chiamato Paolo Maldini che si trova a New Yotk, Da qui al closing, Fassone parlerà all'interno della società rossonera solo con Adriano Galliani e Barbara Berlusconi. Con nessun altro. All'esterno però il campo è libero. Paolo è a New York e fino a che non rientrerà dagli USA, sull'agenda di Fassone non ci saranno altri incontri e altri contatti sul tema Glorie rossonere in società.

Milan, Montella a Milanello non fa sconti e alza la voce 13 Settembre 08:27

I giornali di oggi riportano alcune frasi di Vincenzo Montella rivolte ieri alla squadra rossonera dopo la sconfitta con l'Udinese: "È arrivato il momento in cui ciascuno di voi si assuma le proprie responsabilità. Voglio vedere più anima in campo. Che si vinca o che si perda sembra che non vi interessi. Perciò d’ora in poi i nomi non giocano più: chi merita va in campo. Ma lo deve dimostrare nel lavoro della settimana”.

L'allenatore del Milan non si aspettava una prestazione così brutta contro l’Udinese, soprattutto a livello di atteggiamento: “Non avete le p...”. “Ha ragione mister” ha replicato un giocatore rossonero a cui Montella ha risposto: “Mi sono stancato di averla”.

Mirabelli, ieri allo stadio Bentegodi per Lucas Biglia 12 Settembre 15:14

Fonti di mercato molto accreditate hanno raccontato della presenza di Massimiliano Mirabelli, collaboratore di Marco Fassone e ds del Milan in pectore, ieri allo stadio Bentegodi di Verona per Chievo-Lazio. Il giocatore osservato da Mirabelli, che ama essere in loco negli stadio senza video e senza report ma con la percezione diretta, era il metronomo laziale Lucas Biglia che non ha ancora rinnovato il contratto con il Club biancoceleste.

Da Muntari a Mirabelli: Albertini riapre il dibattito sulle contaminazioni Milan-Inter e...viceversa 12 Settembre 12:33

Sui social, la posizione degli interisti è stata espressa a più riprese questa mattina: "Ma come, negli ultimi anni tantissimi giocatori dell'Inter, da Vieri a Robaldo a Ibrahimovic sono andati a giocare nel Milan e nessuno ha detto niente, adesso tutto questo casino per Mirabelli". E subito altri twittatori interisti che rafforzano l'elenco: Pazzini, Ganz, Muntari, Destro..." e chi più ne ha più ne metta. La posizione dei milanisti è facilmente intuibile: "Ma come, abbiamo preso Ronaldo dopo che da 5 anni era nel Real Madrid, abbiamo preso Ibra trattandolo con il Barcellona dopo che era stato vituperato e rinnegato dagli interisti, Destro veniva dalla Roma dopo anni di peregrinazioni, che c'entra l'Inter?". Se aggiungiamo che anche Helveg, Brncic, Guglielminpietro, Cassano e Leonardo, anche ex milanisti sono stati nell'Inter. Ma il punto non è questa contrapposizione abbastanza da cortile. La situazione è ben diversa da inquadrare. Sono anni che Glorie doc rossonere sognano e invocano un cambiamento nel Milan. Quando questo cambiamento avviene, il segnale forte che arriva all'esterno è un semplice travaso di quadri dirigenziali dall'Inter al Milan. E' evidente che questo genera sbigottimenti e magari anche travisamenti. Marco Fassone, in questo caso, avrebbe dovuto prima far trapelare i nomi dei nuovi milanisti del nuovo Milan e poi, solo in seguito, procedere all'acquisizione dall'Inter delle professionalità intermedia di sua conoscenza e di sua fiducia.

Porte girevoli: Mirabelli-Milan, all'Inter potrebbe toccare a Cordoba 12 Settembre 09:41

Sembra molto vicino il momento del rinnovo contrattuale nerazzurro per Piero Ausilio. Il direttore sportivo interista è anche molto concentrato sulla sostituzione di Massimiliano Mirabelli, destinato al Milan. Tra i papabili circola anche il nome di Ivan Ramiro Cordoba, quale responsabile della struttura scouting. Un nome di un uomo che sa di calcio, ma anche un interista. Una risposta di campo e di immagine, di forma e di sostanza, rispetto alla campagna acquisti contro natura, e cioè molto interista, che sta facendo il nuovo Milan.

Nuovo Milan: quanti nomi nuovi, dal Cda alle relazioni estere 11 Settembre 09:49

Nella sola giornata di oggi, oltre ad Andrea Romeo, sono segnalati fra i papabili del nuovo Milan anche Massimo Ambrosini come Legend e figura tecnica, Marianna Mecacci per le relazioni internazionali e Fabrizio Viola, tifoso milanista, ex ad del Monte dei Paschi, per il Consiglio d'aministrazione.

Dall'Inter al Milan: non solo Mirabelli, ma anche Andrea Romeo 10 Settembre 16:30

Come ha confermato Sky, sono in ascesa le quotazioni di Massimiliano Mirabelli, un passato da direttore al Cosenza e un presenza da capo-scouting all'Inter, come nuovo ds del Milan. In rossonero potrebbe arrivare anche l'ex team manager interista ed ex arbitro Andrea Romeo, con un ruolo diverso da quello ricoperto nell'Inter.

De Boer: non mi interessa quello che è successo con Mancini 10 Settembre 16:19

Così oggi l'allenatore olandese dell'Inter alla vigilia della trasferta di Pescara: "Da quando ho iniziato non ho guardato quello che è stato fatto con Mancini, ho questa squadra, ho fiducia in questa squadra, penso che potremo fare bene e non bado a quello che c’è stato prima. In un grande club se i risultati non arrivano la pressione c’è sempre, ogni allenatore che si siede su una panchina del genere lo sa. Pe me non è un problema, sono convinto del nostro successo in futuro, ci vuole tempo, non bastano tre giorni o una settimana, ci sarà una ragione se un club come l’Inter ha avuto difficoltà negli ultimi anni. Ci si aspetta tanto da un nuovo allenatore, è normale, ma l’Inter per me potrà creare qualcosa che sarà importante negli anni".

Perisic a Inter Channel: i nuovi non vincono da soli...10 Settembre 07:51

Queste le dichiarazioni dell'attaccante croato dell'Inter: "Prima di partire per la nazionale ci sono stati nuovi arrivi, ora abbiamo bisogno di tempo, non è facile per i nuovi giocatori cambiare paese, squadra, ci si aspetta subito che loro segnino e ci facciano vincere le partite. Dobbiamo aiutare loro, il nuovo mister e solo insieme possiamo fare grandi cose. Il mister ha detto che darà una chance a tutti. Avremo bisogno del contributo di tutti perché giocheremo su tre fronti, Campionato, Coppa, Europa League e non è possibile giocare con 12, 13, 14 giocatori. C’è bisogno di tutti e sono sicuro che tutti saranno pronti a dare il 100%".

Nuova proprietà Milan: l'appello ai tifosi di Umberto Gandini 9 Settembre 15:45

Dopo aver definito quella di Roma una bella sfida per la quale ha bisogno di tempo, Umberto Gandini si è soffermato ancora oggi in Lega Serie A sul Milan: "Quasi un quarto di secolo, una storia straordinaria. Settimana particolare per me, ma c'è la consapevolezza di aver chiuso un percorso, dato tantissimo ed imparato altrettanto. I tifosi diano fiducia al Milan in toto, sia alla dirigenza che sul piano sportivo".

Pescara-Inter: la vigilia di un esame per Frank De Boer 9 Settembre 13:21

La campagna aqcuisti sontuosa di Suning mette al riparto da critiche presidenza e proprietà. Quindi adesso tutto il peso della riscossa è sulle spalle di Frank De Boer. C'è Joao Mario, arriverà Gabigol, i giocatori ci sono...adesso tocca al gioco...deve dimostrare di aver capito il calcio italiano. Insomma, il refrain è questo alla vigilia di Pescara-Inter. Prima c'era Mancini, l'allenatore sul cavallo bianco, per cui ad essere sotto esame erano sempre i giocaotri. Oggi le parti si sono invertite.

E' già Fantacalcio: 75 milioni Milan per Harry Kane 9 Settembre 12:20

La nuova proprietà del Milan scatena già tutte le fantasie. Quest'estate ci aveva provato AS con Isco, ora il Daily Mirror con Harry Kane. Per il bomber del Tottenham, il classico giocatore adatto solo alla Premier, si vocifera di una possibile offerta MilanCinese di 75 milioni, ma fossimo nei lettori lasceremmo perdere.

Inter, Jeison Murillo lo ha scoperto proprio Mirabelli 9 Settembre 10:28

Il retroscena. Nei giorni in cui si parla di Massimiliano Mirabelli come probabile ds del Milan, c'è chi ricorda come proprio Piero Ausilio indicò in lui lo scopritore di Jeison Murillo, attuale difensore colombiano dei nerazzurri. Non lo conosceva nessuno, ma Mirabelli continuava a ripetere che era bravo e che andava preso.

Parla Gabigol: San Siro deve essere come il Vila Belmiro 9 Settembre 08:42

Gabigol ha lasciato lo stampo dei suoi piedi alla Walk of Fame del Museo Pelé, dove ci sono anche le impronte di grandi campioni Ronaldinho e Kakà. Nell'occasione, ha parlato: "L'Inter mi aiuta in tutto ma delle questioni contrattuali non voglio parlarne. Quello che devo fare è giocare a calcio anche perché è la società che si prende cura dei miei genitori e di mia sorella. Sono felice per l'affetto, praticamente mi sento come fossi ancora al Santos. Voglio che il Giuseppe Meazza diventi come il Vila Belmiro. Per il momento sono onorato di aver messo i miei piedi in un luogo dove lo hanno già fatto grandi del calcio prima di me. E' un riconoscimento importante per me, sono molto felice di questo".

Miranda, dopo il compleanno e il Brasile, sogna 5 gol nell'Inter 8 Settembre 18:19

Queste le dichiarazioni del difensore centrale brasiliano Miranda, che ha compiuto ieri 32 anni e ha fatto gol contro la Colombia vincendo una sorta di derby con Bacca, rilasciate a Inter Channel: "Ho festeggiato bene il mio compleanno, abbiamo giocato e vinto con il Brasile, sono molto contento. Ora sono tornato qua, voglio festeggiare vincendo anche domenica. Il campionato è lungo, ma dobbiamo ripartire bene e vincere già domenica. Spero di segnare almeno 5 gol quest’anno. All’Inter ho grandi responsabilità, sento di averne nel mio ruolo di leader. In campo questo deve diventare qualcosa di importante per vincere le partite”.

Massimiliano Mirabelli, da nuovo Branca a nuovo ds del Milan 8 Settembre 17:58

Nel 2013, dopo importanti risultati a Cosenza nelle serie minori, va al Sunderland con Paolo Di Canio. Nel 2014, quando Piero Ausilio sale di grado per l'uscita di Marco Branca dall'Inter, lui, Massimiliano Mirabelli va a colmare numericamente la casella. All'Inter ha fatto il capo dello scouting, ma si tratta di un dirigente che ha fatto in carriera anche il direttore generale anche se non in Serie A. Molti osservatori di mercato lo accreditano per il nuovo Milan. Marco Fassone deciderà la prossima settimana, ma se tanto ci dà tanto Mirabelli potrebbe arrivare al Milan proprio con la "benedizione" di Piero Ausilio nei confronti dell'amico Fassone. Intanto al Milan sono chiare le condizioni di Mati Fernandez: lesione al flessore, verrà rivalutato fra due settimane, potrebbe tornare in campo il cileno per la gara con il Sassuolo del prossimo 2 Ottobre.

Umberto Gandini: al Milan rimane Galliani, uno dei più grandi 8 Settembre 09:09

Queste le dichiarazioni di Umberto Gandini, ormai nuovo ad della Roma in uscita dal Milan, al Corriere della Sera: “Non avrei mai pensato di andare a lavorare in un’altra società italiana. Invece è arrivata questa opportunità che mi rende orgoglioso poiché riconosce la mia professionalità. Se non c’era posto per me nel nuovo Milan cinese? Me lo sono chiesto anch’io ma poi il desiderio di crescere mi ha condotto a questa decisione. Del resto il cambio di proprietà comporta un turn over di dirigenti. Siamo alla fine di un’era, giusto così. Le aziende cambiano, il tempo passa per tutti. Qui però resta Adriano Galliani, uno dei più grandi dirigenti italiani. E per inciso l’uomo che mi portò al Milan quando mi occupavo dell’acquisizione dei diritti tv in Rti. È finita un’epoca, ci saranno nuovi dirigenti ma il Milan è il Milan. Ha un dna e una cultura che nessun club possiede. Il Milan di Sacchi e di Capello è quello che i giovani cinesi hanno imparato ad amare”. E su come vivrà Roma-Milan del 12 dicembre, non ha dubbi: “Sarò come il giocatore che segna ma non esulta. Per rispetto”.

Maldini-Milan non c'è niente, strade diverse 7 Settembre 21:09

Giornata pro Demetrio Albertini per la figura Legend del nuovo organigramma Milan. Arrivano a confermare tutto questo le parole di Paolo Maldini, come sempre a Sky: "L'addio di Berlusconi al Milan mi fa effetto. Sono arrivato al Milan con il presidente Farina, ma ho vissuto in prima persona l'arrivo di Berlusconi. Lui è stato il presidente più vincente e innovativo del calcio moderno. Io nel nuovo Milan? Mi sono fatto la mia vita. Il Milan rimarrà sempre, e per sempre un grande amore di tutta la mia famiglia. Per ora, però, non c'è niente".

Joel Asoro: è un '99 il protagonista del nuovo derby di mercato 7 Settembre 15:33

Ieri sera, in Svezia, a Malmoe, per la partita deili Under 21 padroni di casa contro la Spagna, terminata 1-1, erano presenti anche gli osservatori dell'Inter per visionare il nuovo talento del calcio del Nord Europa: Joel Asoro, attaccante, anno di nascita 1999. Il calciatore, anche trequartista, ha esordito proprio in questo match nell'Under 21 svedese ma, già da tempo ha attirato l'attenzione di molti talent scout da tutta Europa: secondo 'Expressen', media scandinavo, ieri sera oltre gli osservatori dell'Inter erano presenti sugli spalti per Asoro quelli del PSG, dell'Olympique Lione, del Bayern Monaco, del Borussia Dortmund, del Red Bull Lipsia, del Villarreal, del Valencia e, soprattutto, del Milan. Si profilerebbe, dunque, un eventuale nuovo derby di #Calciomercato tra le due compagini meneghine. Intanto, Asoro ha dimostrato molta sicurezza di sé, e nelle proprie capacità, parlando a fine partita ai microfoni di 'TV 12', alla quale ha spiegato di non essere sorpreso dal fatto che molte società fossero presenti in tribuna per la partita, ed ha aggiunto come la sua intenzione sia quella di giocare a calcio senza alcuna preclusione per il futuro. Un solo problema: gioca nel Sunderland allenato da David Moyes e per prenderlo bisogna pagarlo tanto e bene.

Inter, le parole importanti di Ramires e mai banali di Moratti 7 Settembre 14:15

Ramires, l'ex giocatore del Chelsea oggi in forza allo Jiangsu Suning, ha parlato dell'Inter: "Per il momento solo voci, ma se l'Inter chiama..." Chiara l'intenzione del giocatore. Poi, le parole di Massimo Moratti: "Ritengo che il risultato del ricorso della Juventus valga meno rispetto alla memoria e ai fatti di quanto successo a suo tempo. Gli atti ufficiali hanno minore importanza, è sufficiente ricordare. Non c’è quindi molto da commentare, è tutto chiarissimo. Questo esito lo giudico come un risultato scontato. Non perdo troppo tempo ad approfondire questa notizia. Non ne vale la pena”. Poi il tema di Moratti diventa Mancini: "Mi sembra ci sia stata tensione per tutta l’estate. C’era la sensazione che qualcosa sarebbe potuto accadere, e infatti è successo. Non è questo il momento di un mio ritorno in società e non è nei miei programmi immediati, ma per il futuro certo. Potrebbe succedere”.

Cile-Bolivia 0-0, infortunio per Mati Fernandez 7 Settembre 07:19

Tegola sul Milan. Nel corso della gara sudamericana di Qualificazioni mondiali, Mati Fernandez è entrato in campo al 9' minuto della ripresa al posto di Rodrigo Millar. Il neo rossonero ha giocato 10 minuti ed è uscito per un problema muscolare, all'inguine. Il ct cileno Juan Pizzi ha stretto a sè Mati Fernandez mentre usciva sconsolato dal campo. La gara fra Cile e Bolivia è poi terminata 0-0.

Brasile-Colombia 2-1: gol di Miranda e vittoria Seleçao 7 Settembre 07:17

Il difensore interista Miranda ha segnato il gol d'apertura, al 2' minuto del primo tempo, di Brasile-Colombia 2-1. Il match clou era molto importante nel gruppo sudamericano delle Qualificazioni mondiali. Dopo la rete di Miranda, che a questo punto raggiungerà rinfrancato il ritiro nerazzurro in vista di Pescara, la Colombia ha pareggiato nel primo tempo con una autorete di Marquinhos. Ad un quarto d'ora dalla fine il gol della vittoria brasiliano, segnato da Neymar.

Marco Fassone sceglierà il nuovo DS del Milan a partire da lunedì 6 Settembre 10:55

Da quando si è diffusa la notizia del ruolo di Marco Fassone nel nuovo Milan cinese, il dirigengte piemontese è stato raggiunto da molte telefonate, segnalazioni e curriculum. Ha tutti gli elementi e tutti i contatti per poter decidere. Ma lo farà a partire da lunedì 12 Settembre. Non c'è ancora agli atti una scelta definitiva. Fino a quando non ci sarà il closing, il profilo di Fassone sarà molto molto basso. Ma le decisioni arriveranno, con un timing che sarà quello di Fassone, non delle previsioni mediatiche.

Difesa Milan, contro l'Udinese spazio ancora a Paletta 6 Settembre 07:23

Con Gustavo Gomez ancora in Paraguay, dovrebbe toccare ancora a Gabriel Paletta, come contro il Torino, giocare con l'Udinese al centro della difesa rossonera. Gomez tornerà dal Sudamerica a poche ore dalla gara. Paletta dal canto suo ha giocato contro il Bournemouth in Inghilterra in amichevole.

Si legge Gullit ma si dice De Boer e Roberto Mancini va giù duro 5 Settembre 21:14

In molti hanno letto le confidenze dello stesso Frank De Boer, nuovo allenatore dell'Inter, dietro queste parole di Ruud Gullit: "Nell’Inter c’è una buona dose di talento ma Mancini non ha fatto molto durante la preparazione estiva. Ha pensato che sarebbe comunque andato via e ha allenato molto poco la squadra, così ora De Boer si ritrova una squadra non pronta fisicamente. E ora li sta allenando e sta cercando di formare la squadra. Ci sono tante individualità nell’Inter e spero che De Boer riesca a metterle insieme perché la serie A è un campionato molto diverso dall’Eredivisie. Gli attaccanti hanno spesso una sola chance da sfruttare". Rispetto alle accuse pesanti di Ruud Gullit, dietro le quali non c'è ombra di derby ma semplicemente i buoni rapporti di Ruud con De Boer e i pregressi non esaltanti con Mancini quando entrambi giocavano, Mancini è intervenuto pesantemente: “Gullit è stato fortunato ad essere stato un grande calciatore. Punto. Nel calcio, quando si è stati grandi sul campo e poi non si riesce a fare altro, è difficile accettarlo e a volte, a queste persone, piace parlare male di altri allenatori e giocatori. Va bene essere amico di de Boer ma questo non giustifica tali ammissioni. Gullit però non è l’unico, ce ne sono tanti. L’invidia è una brutta bestia“.

Inter e Milan, dalle proprietà cinesi i giocatori attendono i rinnovi 5 Settembre 09:00

Questa settimana i vertici di Suning saranno a Milano per affrontare i temi economici dei rinnovi contrattuali di Icardi e Brozovic su tutti, ma verranno esaminati anche altri casi. Anche la nuova proprietà cinese del Milan è attesa dallo spogliatoio rossonero con i relativi procuratori. Primo obiettivo conoscere il progetto. Subito dopo, saluti e baci o prolungamenti. I discorsi più importanti riguarderanno Donnarumma, De Sciglio e Bonaventura.

Inter, Gianfelice Facchetti attacca Mauro Icardi 4 Settembre 18:43

A 10 anni dalla scomparsa del padre, le parole di Gianfelice Facchetti sono severe nei confronti di Icardi: "Per essere una bandiera dell'Inter bisogna dare l'esempio con meno capricci e più sacrificio. C'è stato un cambiamento radicale della rosa. E l'addio di Javier Zanetti ha reso necessaria la creazione di una nuova leadership. Tra i nuovi acquisti credo ci siano giocatori che possono diventare delle bandiere ma bisogna dimostrarlo tutti i giorni".

Fine Luglio, il Milan voleva cedere proprio Niang...4 Settembre 12:18

Dopo Mexes, Boateng, Menez e Balotelli, il Milan voleva dismettere anche Niang. Nonostante le dichiarazioni d'apertura di Montella alla sua presentazione a Casa Milan del 7 Luglio, il desiderio societario di liberarsi di tutti i bad boys era molto forte anche a fine Luglio. Sono state le prestazioni con Bayern e Chelsea negli USA a far rientrare tutto. Poi hanno fatto il resto le ottime prestazioni contro Torino, Napoli e Bournemouth. Anche se l'espulsione di Napoli ha riportato alla luce il Niang che non va bene, quello che guida senza patente, che fa incidenti stradali nel corso della stagione e che si tuffa in piscina dal tetto di una casa.

10 anni fa Giacinto smetteva di stare male e diventava un mito 4 Settembre 10:23

Come sta Giacinto, come sta Giacinto...Milano non si chideva altro. Poi il 4 Settembre 2006, la notizia, la brutta notizia. Dieci anni dopo è ancora e sempre un mito Facchetti. Il Cipe è stato capitano, dirigente e presidente dell'Inter, con cui ha conquistato da giocatore quattro scudetti, due Coppe dei Campioni, due Intercontinentali e una Coppa Italia. Importante anche l'avventura in azzurro, suggellata dall'Europeo vinto nel 1968: a oggi, resta l'unico titolo continentale della nostra Nazionale. Facchetti è stato un po' terzino, un po' attaccante (59 gol con la maglia dell'Inter), un po' ovunque perché il fisico lo consentiva (188 cm e doti atletiche straordinarie), mentre la testa sapeva gestire ogni situazione nella maniera più intelligente. Il ricordo dell'Inter: "Giacinto, ci manchi". E' così.

Montella: brutte pagelle sul nostro mercato, Galliani è espertissimo 3 Settembre 08:38

Sulle pagine de Il Giornale, le parole di Vincenzo Montella sui giudizi sul mercato del Milan: “Ho trovato quei giudizi ingenerosi e ho deciso di stampare tutti quei 4 e quei 5 ricevuti per affiggerli sui muri di Milanello. Sono convinto che i calciatori del Milan valgono molto più di quanto loro stessi credono. Io ho già vissuto, a Roma, la stagione della transizione tra una proprietà e l’altra e quindi conosco bene i tormenti e le difficoltà. Per Galliani, che è al suo trentesimo mercato, perciò uno dei dirigenti più esperti, è stato complicatissimo. Alla fine un regalino è arrivato“. Una precisazione in merito al caso Mati Fernandez: “Chiarisco subito. Primo punto: con Mati ho instaurato un rapporto che non è professionale ma anche umano. Secondo punto: è molto probabile che sia stato lui a chiamare me ripetutamente. Terzo punto: alla fine mi ha convinto per il suo entusiasmo e appena si è aperto lo spiraglio ha firmato. Nessun ostruzionismo per il Cagliari, è bene che si sappia. È un centrocampista dinamico, nello stretto, palla al piede, molto abile“.

Paraguay-Cile 2-1: Gustavo Gomez ammonito, Medel espulso 2 Settembre 11:13

E' terminata 2-1 per i padroni di casa del Paraguay la gara di qualificazione mondiale sudamericana contro il Cile. La gara è stata dura e maschia. Il milanista Gustavo Gomez è stato "solo" ammonito, l'interista Gary Medel prima ammonito e poi espulso. Non è sceso in campo, nel Cile, il neo-rossonero Mati Fernandez.

Colombia-Venezuela 2-0: Murillo e Bacca titolari Cafeteros 2 Settembre 09:03

La Colombia con i tre punti del 2-0 sul Venezuela aggancia Uruguay ed Ecuador in vetta alla classifica del gruppone Sudamericano di qualificazione Mondiale, a quota 13 punti. l'attaccante milanista Carlos Bacca ha giocato 83 minuti, ha sbagliato un rigore e ha fatto l'assist per il gol dell'1-0 messo a segno da James Rodriguez. Il difensore interista Jeison Murillo è stato in campo dall'inizio alla fine della gara.

Gabigol a Milano a fine Settembre, niente Juve 1 Settembre 15:08

Gabigol sarà a disposizione di De Boer in occasione di Inter-Bologna del 25 Settembre alle ore 15.00 a San Siro. Per via dei tanti impegni estivi, Olimpiadi e Qualificazioni mondiali in primis, l’attaccante brasiliano si aggregherà ai nerazzurri prima del match casalingo contro il Bologna. Gabigol non ci sarà per quattro partite: Pescara-Inter dell’11 Settembre, l’esordio in Europa League del 15 Settembre contro l’Apoel B.S., Inter-Juventus del 18 Settembre e Empoli-Inter che si gioca di mercoledì sera in turno infrasettimanale, il 21 Settembre.

DENTRO IL DERBY: il mercato di Inter e Milan 1 Settembre 11:36

Negli ultimi 3 Campionati l'Inter è sempre arrivata davanti al Milan e questo mercato ha allargato il gap cittadino. L'Inter non ha completato il mercato con giocatori solidi e di equilibrio, ma ha piazzato 4 colpi (Banega, Candreva, Gabigol e Joao Mario) di una fascia irraggiungibile per il livello medio del mercato fatto dal Milan nell'estate 2016.

Fernandez al Milan: il Cagliari protesta 1 Settembre 9:34

Una telefonata di Pablo Cosentino, ex dirigente del Catania radiato, al procuratore di Mati Fernandez impegnato nella trattativa con il Cagliari, ha scatenato la dirigenza sarda. La protesta di Capozucca, l'insurrezione dei social. Anche i tifosi del Milan non hanno gradito il coinvolgimento del sudamericano nel mercato rossonero.

Inter, restano i 4 esuberi - Milan, il giro dei portieri 31 Agosto 16:27

L'Inter non riesce a cedere nessuno dei 4 giocatori in esubero e non sembra vicina ad obiettivi in entrata. I 4 esuberi sono: Jovetic, Brozovic, Ranocchia e Santon. Il colpo Hernanes in uscita dell'anno prima non riesce. Lo stesso Hernanes sembra rimanere sul libro paga della Juventus. Portieri: la Fiorentina e non il Napoli su Sportiello, il Milan vuole tenere Gabriel richiesto dal Bologna e punta a cedere Diego Lopez all'Espanyol.

Milan e Inter estranee a voci su Jovetic: il rumore è degli agenti 31 Agosto 15:15

Per il Milan l'ipotesi non esiste, All'Inter non risulta assolutamente nulla. La possibilità di un passaggio di JoJo dal Milan all'Inter viene tenuta viva soltanto dagli agenti del giocatore che vogliono tenere alta l'attenzione sul ragazzo.

Ultimo giorno di mercato, Galliani e Lotito 31 Agosto 10:12

L'ultimo giorno di mercato è sempre quello in cui si pensa che Adriano Galliani e Claudio Lotito possano imbastire una operazione di mercato. Un anno fa grande agitazione per il loro incontro nella sede del Milan, si pensava che potesse esserci lo scambio fra Riccardo Montolivo e Lucas Biglia. In realtà si arrivò soltanto al prestito dal Milan alla Lazio di Alessandro Matri. Oggi, 31 Agosto 2016, l'ipotesi è quella di uno scambio di prestiti o fra Keita e Luiz Adriano, o fra Keita e Honda. In realtà Galliani non è mai felice di dover fare trattative economiche con Lotito pur essendo suo caro amico e la differenza di ingaggi fra le due società rende praticamente impossibile qualsiasi operazione di scambio di prestiti che è peraltro l'unica che si possa immaginare all'ultimo giorno di mercato.

Inter e Milan: il punto su Jovetic e Wilshere 30 Agosto 22:31

La trattativa per Jovetic alla Fiorentina prosegue. Non c'è ancora accordo economico, ma si andrà avanti fino a quando lo si troverà. Per quanto riguarda Wilshere in uscita dall'Arsenal, l'ipotesi Milan è assolutamente inesistente.

Milan, mercato chiuso: nessun movimento in entrata 30 Agosto 17:10

Dopo che al Milan sono stati attribuiti vari movimenti per la difesa, da Musacchio a Rodrigo Caio passando per Ranocchia e addirittura Caceres, il Milan ha fatto trapelare che il proprio mercato in entrata è assolutamente chiuso. Anche la visita odierna a Casa Milan di Rezo Choconelidze, tutor di Shevchenko e Kaladze ai tempi d'oro rossoneri, è stata di pura cortesia e non certo per una trattativa con la Dinamo Kiev per la cessione di Luiz Adriano. Mentre resta da trovare una collocazione per il difensore colombiano Jherson Vergara, la giornata di oggi è stata dedicata alla firma del contratto con l'Empoli da parte di Josè Mauri. Prestito secco dell'argentino per un anno al Club toscano.

Milan, Pasalic: "Adesso mi alleno senza dolore" 30 Agosto 09:06

Mario Pasalic, nuovo acquisto del centrocampo del Milan, ha parlato del proprio infortunio: "Nessuno riusciva a capire di cosa si trattasse, poi una volta identificato (ernia discale di 3 millimetri, ndr) da alcune persone fantastiche, sono riuscito a superarlo e oggi mi alleno senza dolore. Il Milan è un grande onore, non ho ancora parlato con Montella, ma quando nel museo del Milan ho visto una maglia di Boban ho voluto subito fare una foto".

Donnarumma e i suoi sogni: si aprono le porte di Coverciano 29 Agosto 09:32

Gigio Donnarumma ha affidato ad una foto su Instagram che lo ritrae in azzurro con Buffon e Marchetti, l'ispirazione per un post su twitter: "Fai della tua vita un sogno, e di un sogno una realtà, oggi si realizza uno dei miei".

Montella si affida a Sky per precisare le sue parole 28 Agosto 16:19

L'allenatore del Milan sceglie Sky per precisare il senso delle sue parole nel post.gara di Napoli: "Come spesso mi capita fare, anche ieri ho cercato di non rispondere a domande di mercato utilizzando l'ironia. E ho fatto una battuta in merito alla proprietà cinese dell'Inter, che ha investito parecchio nel momento in cui la probabile futura proprietà del Milan è ancora nella fase preliminare di acquisizione del club. Nessun altro significato o interpretazione. Soprattutto nessuna polemica, ma solo la ricerca di svincolarmi da opportune domande di mercato cercando di dare una risposta alla stampa invece di una non risposta".

Lo sfogo di Montella nel post Napoli-Milan potrebbe portare Obiang 28 Agosto 16:01

Rumors di mercato indicano che il West Ham avrebbe proposto Pedro Obiang, ex sampdoriano, al Milan. Obiang potrebbe fare davvero il vice-Montolivo. Fattibilità dell'operazione e disponibilità ad un prestito da parte del West Ham, tutte da verificare. L'arrivo di Obiang smentirebbe quanto fatto fino a questo momento a centrocampo con i vari Sosa e Pasalic.

Inter, 3 pensieri dei propri tifosi da Facebook-Sport Now 28 Agosto 10:13

Il Mercato - Nicola Moccia: "Mercato da 9..per avere un voto massimo bisognava inserire anche un ulteriore difensore date le poche doti del buon Ranocchia e la partenza del ahimè sottovalutato Erkin..però noi interisti non ci possiamo lamentare..non abbiamo ceduto,abbiamo la stessa formazione titolare dell’anno scorso,abbiamo rinforzato i reparti carenti e in più bomba con Gabriel Barbosa..molto soddisfatto"

Andrea Testa: "Il mercato dell’Inter è andato anche oltre le mie aspettative. Sono stati acquistati giocatori di livello che hanno fatto bene in Europa e anche con le rispettive nazionali. I presupposti per fare bene, molto bene ci sono tutti, starà a De Boer e compagnia bella far funzionare il tutto nel miglior modo possibile.

Il vero colpo di mercato è stato secondo me Banega a zero, un fuoriclasse assoluto che già vinto e sa come si vince. Mercato ottimo, se dovesse arrivare anche Caceres a 0 il voto è un bell’8.5. Potrebbe essere più alto se riusciamo a cedere anche gli esuberi".

La donazione Suning pro terremoto - Nicola Moccia: "Vederci del marketing su un’opera del genere è un po’ da carogne..il suning di soldi ne ha tanti..e non ha paura di mostrarli.e nel frattempo inizia a mostrare di tenerci al nostro paese. 200mila euro così dal nulla non sono poco visto che ci sono squadre che per donare aspettano ipotetici incassi da partite con prezzi maggiorati...".

Andrea Testa: "Non penso possano speculare su questa tragedia solo per marketing. È stato un gesto significativo e molto forte, gli unici in Italia che hanno tirato da fuori subito il denaro senza dover ricorrere a incassi di stadi e musei, a testimonianza dell’enorme patrimonio che hanno a disposizione. Che dire, si sono presentati nel miglior modo possibile sia dal punto di vista del mercato sia dal punto di vista solidale. Bene così".

I Prossimi nomi - Nicola Moccia: "Il più abbordabile per ovvie ragioni (prezzo, tempistica, conoscenza del calcio italiano e duttilità ) è caceres..parametro 0 di lusso..viene dalla squadra vincitrice dell’ultimo scudetto (non faccio il suo nome) ed può giocare da terzino e centrale..cosa volere di più?garay è un ottimo profilo da inserire come un di più a caceres..ma sono molto soddisfatto anche del solo uruguaiano..e se siamo competitivi?certo che si lo siamo stati per buona parte l’anno scorso quindi ora c’è la giochiamo con chiunque!"

Andrea Testa: "Secondo me arriverà Caceres, ho questa sensazione da ormai due settimane. Garay è difficile perché ha il suo costo e lo Zenit fa muro. Caceres è un grande giocatore e prenderlo a zero sarebbe un affare. Può giocare in tutti e i 4 ruoli della difesa e può anche giocare nella difesa a 3. Penso che se arrivi la squadra sia ancora molto più completa e competitiva di quella attuale, anche se mi piacerebbe un altro terzino visto la partenza ormai certa di Erkin. Questa squadra con l’aggiunta di Caceres può arrivare in fondo in Europa e conquistare l’accesso all’Europa principale, anche se per lo scudetto c’è ancora distanza"

Il record in azzurro: da Donnarumma a Bergomi 27 Agosto 16:14

In Nazionale a17 anni e 6 mesi: anche così si si scrive il proprio nome nella storia del calcio italiano. Da oggi Gianluigi Donnarumma è il più giovane giocatore ad essere convocato per la Nazionale negli ultimi 100 anni. Giampiero Ventura, c.t. azzurro, ha inserito il nome del portiere rossonero nella lista dei convocati insieme al suo idolo Buffon. Il primatista che decade è Giuseppe Bergomi, il suo record durava da 34 anni, precisamente dall'Aprile 1982: all'epoca lo Zio aveva 18 anni e 3 mesi.

Aveva ragione Pastorello, la schiena di Pasalic sta bene 27 Agosto 10:44

Ieri mattina, contro tutte le perplessità scatenatesi contro la schiena di Pasalic, era sceso in campo su twitter il suo agente. Federico Pastorello: "Sta bene, ha superato tutto, giudicatelo in campo". In effetti il 21enne centrocampista croato ha superato oggi la visita del professor Fornari, un luminare nel settore. Aveva operato alla schiena, e restituito al calcio, un certo Alessandro Nesta.

Bacca: "Resto perchè con Sinisa si correva e con Montella si gioca" 26 Agosto 08:42

Carlos Bacca sulle pagine della Gazzetta dello Sport, ha svelato i motivi della sua permanenza al Milan: "Mi ha fatto cambiare idea la mia famiglia. Oltre che dall’Inghilterra avevo offerte anche da Italia e Francia, ma erano tutte situazioni in cui non mi vedevo al 100%. Quanto ha influito Montella? Ha fatto la sua parte. Mi ha detto chiaramente che gli sarebbe spiaciuto perdermi, che mi ritiene forte, un leader, e che segno tanto come faceva lui. Ho sentito la sua fiducia e so che nel suo tipo di gioco ci starò bene come ci starei in quello di tutti gli allenatori. Sono uno che si adatta e lavora duro per la squadra, è sempre successo così".

Gabigol: ben 4 offerte per lui dall'Europa delle big 25 Agosto 18:15

Ma allora dove va Gabigol? Segnale importante in questo senso quello che arriva dal suo agente, Wagner Ribeiro, che ha annunciato:: “Abbiamo proposte reali. Porteremo al Santos quattro proposte di grandi club europei. Ci sto lavorando e avrò un pranzo con Gabigol per definire il suo futuro”.

Pierre Aubameyang, dalla Primavera del Milan al valore di Higuain 25 Agosto 10:52

Se Pierre Aubameyang, che il Milan sapeva fosse migliore e più bravo dei suoi fratelli Catilina e Willy, si fosse trovato al Milan adesso, nell'era dei Donnarumma, dei Calabria e dei Locatelli, sarebbe sicuramente rimasto. Invece mentre lui si rivelava il miglior giocatore della Primavera del Milan in un torneo giovanile in Malesia, il Club rossonero cercava Pato. Oggi Pierre aubameyang ha 27 anni, gioca nel Borussia Dortmund e in una intervista a Sport Bild ha dichiarato: "Penso che se dovessi essere ceduto, il valore della mia operazione sarebbe simile a quello di Higuain, circa 91 milioni di euro".

Inter Night: serata con i tifosi nerazzurri a San Siro 24 Agosto 09:32

Oggi alle 19.00, dopo il doppio allenamento di giornata ad Appiano Gentile, De Boer il suo gruppo di giocatori saranno a San Siro per vivere la serata di inizio stagione con i tifosi. Ci sarà la squadra e ci saranno i trofei vinti dall'Inter. A Inter-Palermo di domenica assisteranno il proprietario Zhang Jindong e il presidente Erick Thohir.

Tournèe Usa: scorie milanesi, Handanovic e Bertolacci 23 Agosto 07:26

Sia Inter che Milan hanno affrontato la tournèe americana con la International Champions Cup. Disagi organizzativi ma tanti benefici economici. E con gli stipendi dei calciatori di oggi, se non fai la Champions League, devi sottoporti a questi sforzi. Certo, ci sono delle conseguenze. Handanovic, dopo la sconfitta di Chievo, ad esempio dice: "La tournèe ha spezzato i ritmi". Un po' lo pensava anche Mancini...Non dice nulla Bertolacci al Milan, ma forse, il problema muscolare che lo terrà fuori fra le 3 e le 4 settimane è figlio di quell'acciacco, sempre muscolare, accusato a Chicago contro il Bayern Monaco.

Galliani: ma Raiola è un problema o non è un problema? 22 Agosto 10:39

Ci sono pochissimi tifosi milanisti, una assoluta minoranza, che sanno bene che, se non ci fosse un buon rapporto fra Adriano Galliani e Mino Raiola, oggi Gianluigi Donnarumma sarebbe al Bayern Monaco. Il papà di Gigio si è infatti rivolto a Raiola per contrapporre al Milan un interlocutore forte nel caso in cui il Club rossonero avesse finito per liberarsi del figlio minore, così come aveva fatto con il figlio maggiore Antonio. Le offerte dall'estero per Gianluigi, erano tante e pesanti. Sotto traccia, lasciando che all'esterno si insinuasse di tutto, Galliani ha continuato a coltivare il suo buon rapporto con il potente Mino e ha tenuto Gigio in rossonero. Se il rapporto Galliani-Raiola non fosse stato utilizzato, ormai da anni, per attaccare l'ad rossonero, forse nell'estate 2012 i 5 milioni di commissione per Pogba all'agente li avrebbe pagati il Milan. E Pogba avrebbe, magari, giocato nel Milan.

Inter: 23 i convocati per Chievo, assenti Ansaldi e Murillo 20 Agosto 18:22

Ecco la lista dei 23 portati da De Boer porterà a Verona: Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni; Difensori: 13 Ranocchia, 18 Erkin, 21 Santon, 25 Miranda, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 94 Yao; Centrocampisti: 5 Melo, 7 Kondogbia, 17 Medel, 19 Banega, 27 Gnoukouri, 77 Brozovic; Attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 10 Jovetic, 11 Biabiany, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva. Mancano Ansaldi, infortunato e Murillo che deve scontare una giornata di squalifica.

Una buona notizia per le due milanesi: il Real Madrid blinda James 20 Agosto 08:36

Il Real Madrid comunica a James Rodriguez che rimane. E' il titolo odierno di AS, quotidiano sportivo molto vicino al Real Madrid. I riflessi positivi per Inter e Milan non mancano. Se James rimane il Real non fa grandi cessioni e quindi lascia libero quel Sissoko (Newcastle) accostato a centrocampo all'Inter nelle ultime ore. Fronte Milan, invece, la conseguenza è che con la permanenza del colombiano potrebbe crearsi quell'affollamento in rosa che potrebbe convincere nelle ultime ore di mercato Zidane a dare via libera a Florentino Perez per la cessione in prestito di Kovacic al Milan.

De Boer ad Appiano Gentile: lo chiamano il sergente 19 Agosto 13:04

Molto attento alla puntualità, alla concentrazione e al sudore, al modo in cui i giocatori fanno gruppo fuori dal campo. Queste le caratteristiche di Frank De Boer percepite ad Appiano Gentile. C'è già chi lo chiama il sergente, magari non direttamente di fronte a lui, ma il nomignolo che gira nel Centro sportivo nerazzurro è proprio quello.

Mercato Inter, possibile obiettivo Garay 18 Agosto 13:16

Non è facile lasciare lo Zenit San Pietroburgo, ma Ezequiel Garay ci prova. Il difensore centrale argentino che compirà 30 anni ad Ottobre ha un costo dsi 15 milioni di euro e piace a Inter e Benfica.

Inter e Milan, parlano Sacchi e Kakà 18 Agosto 13:13

Arrigo Sacchi interviene sull'Inter per fare i complimenti a Frank De Boer: "E' un gran cultore del gioco, deve riuscire a imporsi con giocatori nmon scelti da lui" - Kakà invece sul Milan: "Mi rende triste vederlo così" -

Simeone: Sosa è un giocatore molto completo 17 Agosto 11:40

L'allenatore dell'Atletico Madrid, il Cholo Simeone. ha dichiarato su Josè Ernesto Sosa: "E' uno dei migliori centrocampisti che conosco, un giocatore molto completo".

Inter e Milan fra Joao Mario e Rodrigo Bentancur 16 Agosto 10:24

Le ultime sul fronte del mercato nerazzurro indicano una possibile chiusura della trattativa per Joao Mario fra due giorni, giovedì 18 Agosto. Il Boca Junior ha ormai invece detto no ad una offerta di 14 milioni di euro più bonus per il suo centrocampista 19enne.

Milan, Bentancur sembra in arrivo ma i tifosi sperano in Kovacic 13 Agosto 10:59

Secondo i media argentini sarebbe fatta per Bentancur, ma nel frattempo i tifosi del Milan si lamentano perchè sognavano altri acquisti, come ad esempio quello di Kovacic.

Milan, non è tramontato l'interesse del Napoli per De Sciglio 12 Agosto 09:31

Il Napoli ci pensa ancora. Tra i difensori che sta seguendo non c'è solo Maksimovic che già un anno fa però era rimasto a Torino. C'è anche Mattia De Sciglio, per il quale sembra ci sia stato ieri un contatto fra Galliani e De Laurentiis. Ma il giocatore rossonero rientra nei piani di Montella e il Milan potrebbe ponderare l'operazione solo in caso di offerta fra i 20 e i 25 milioni di euro.

L'addio di Silvio Berlusconi al Milan e al calcio italiano 11 Agosto 18:50

Così Silvio Berlusconi sul proprio profilo facebook:

"Trent'anni fa ho acquistato il Milan per amore. Lo cedo per un atto d'amore ancora più grande: affido la squadra ad un gruppo che ha le risorse necessarie e la volontà di investirle per riportare il Milan a competere con i maggiori club internazionali.

Sono naturalmente commosso e addolorato, ma sono anche sereno nella convinzione di aver agito ancora una volta per il bene del Milan, di cui continuerò ad essere il più fervido degli appassionati.

Di questi trent'anni mi rimarranno nel cuore ricordi straordinari, senza uguali: ho avuto il privilegio di guidare la squadra che amo fino a farla diventare il club più titolato al mondo. Ricordo e ringrazio i grandi giocatori, allenatori e dirigenti che si sono succeduti: molti di loro faranno per sempre parte della leggenda del calcio, quella leggenda che abbiamo contribuito a scrivere con vittorie straordinarie in Italia, in Europa e nel Mondo.

Ma soprattutto non dimenticherò mai la partecipazione e l’affetto dei tifosi: la passione di milioni di persone per i colori rossoneri è stata determinante per rendere questa squadra speciale, diversa da tutte le altre, più forte di tutte le altre, più forte dell’invidia, più forte dell’ingiustizia, più forte della sfortuna. Con loro sarò sugli spalti ad esultare e magari a soffrire: ma sono certo che presto festeggeremo insieme i nuovi grandi successi con i quali il Milan saprà onorare la sua grande tradizione. Un abbraccio forte…e rossonero a ciascuno di voi".

Fassone, Bacca e Musacchio: le 3 notizie di Casa Milan 11 Agosto 12:27

Sino-Europe Investments ha ufficializzato la nomina di Marco Fassone come futuro ad e direttore generale del Milan. Con il West Ham vicinissimo a Jonathan Calleri, bloccato ogni possibile spazio per il trasferimento di Carlos Bacca. Il difensore argentino del Villarreal trattato un mese fa dal Milan, Musacchio, ha determinato le dimissioni del tecnico Marcelino dopo un litigio fra i due.

Il Celta Vigo molto interessato a Diego Lopez 10 Agosto 09:54

Questa sera a Reggio Emilia, Trofeo TIM, incontro ravvicinato fra il Celta Vigo e Diego Lopez. L'infortunio al ginocchio del portiere Ruben Blanco, sebbene non grave, e la necessità di rinforzare il reparto dei portieri hanno riaperto l'interesse galiziano verso l'ex titolare del Milan. Gli ostacoli sono le sirene inglesi, anche se il Chelsea non ha mai fatto una vera offerta, e l'ingaggio alto del giocatore.

Frank De Boer: mai nessun contatto con il Milan 9 Agosto 14:27

Alcune dichiarazioni di Frank De Boer da nuovo tecnico Inter: Icardi resterà all'Inter. non ho mai avuto contatti con il Milan. Con l'Inter ci siamo sentiti due settimane fa. Ora abbiamo analizzato la rosa con grande attenzione, Banega può giocare da regista, io voglio che tutti restino al momento, poi vedremo. Prima di tutto si vede dai video come sono i giocatori ma a volte possono sorprenderti perchè possono adattarsi a ruoli diversi, però dobbiamo conoscere tutti i giocatori della rosa”.

Zabaleta niente Inter, ha parlato con Pep e resta al City 9 Agosto 08:55

Pablo Zabaleta, 32 anni nel prossimo mese di Gennaio, ha deciso che quelle sul suo futuro sono solo speculazioni. Ha parlato con Guardiola e lo ha informato di aver deciso di restare al City. Il tecnico catalano sembra soddisfatto della decisione presa dal giocatore argentino.

Novembre 2014-Agosto 2016: finisce il secondo regno di Roberto Mancini 8 Agosto 08:14

Ha aperto il suo regno con il pareggio nel derby del Novembre 2014, 1-1 sul campo del Milan, e lo ha chiuso a Maggio 2016 con la sconfitta sul terreno del Sassuolo. Tre campagne acquisti e mezza, un quarto posto e un ottavo posto. Fra l'Inter e Mancini è andata così. Adesso tocca a Frank De Boer.

Carlos Bacca, il Milan non può aspettare il 25 Agosto 6 Agosto 08:25

Adesso c'è qualcosa di concreto, c'è una data: il 25 Agosto. Quel giorno si disputerà la gara di ritorno fra Astra Giurgiu (Romania) e West Ham, in casa degli Hammers, per i playoff di Europa League dopo l'andata del 18 Agosto. E' solo il 25 Agosto che si saprà se il West Ham parteciperà o meno alla prossima Europa League e quel giorno potrebbe arrivare la decisione definitiva di Carlos Bacca che, almeno in Europa League, vuole affrontare competizioni europee. Il Milan però non aspetterà così tanto. Un giocatore come Bacca non si sostituisce in tre giorni. Il colombiano dovrà probabilmente farsi un'idea e prendere una decisione, in un senso o nell'altro, dopo la partita di andata.

Più del 6-1, il problema interista è Icardi 6 Agosto 08:23

Non è tanto la sconfitta di Oslo che fa sensazione, anche se il punteggio è pesante, rumoroso: in Spagna un 1-6 anche in amichevole viene definito fracaso. Il problema è Mauro Icardi che appare svuotato, impalpabile, fermo. La prestazione non positiva del capitano contro il Tottenham arriva dopo l'insofferenza manifestata dai tifosi nei suoi confronti.

Inter e Milan tra Icardi e il Chelsea 5 Agosto 11:23

Nuove tensioni fra i tifosi interisti e Mauro Icardi. La gente nerazzurra vuole un capitano-centravanti concentrato e determinato, non un ragazzo passivo rispetto alle manovre di mercato. L'Inter, secondo quanto trapela, valuta il rinnovo, ma anche una cessione non al Napoli. Intanto dagli USA, Vincenzo Montella fa sapere che quella contro il Chelsea è stata la miglior prestazione estiva della squadra rossonera.

Minneapolis, un buon Milan contro il Chelsea di Conte 4 Agosto 07:26

Nel primo tempo, meglio il Milan. Poi, nella ripresa, i gol del Chelsea. E' andata così a Minneapolis, nell'ultima uscita del Milan della torunèe americana. I rossoneri sbarcheranno domani a Malpensa. La squadra rossonera nel primo tempo è stata pericolosa con Abate, Niang e Bonaventura, prima di pareggiare con lo stesso Jack il gol di Traorè segnato dal Chelsea su respinta di Donnarumma. Poi, nella ripresa, rigore e gol nel finale, sempre di Oscar.

Storia Milan, Rino Gattuso non torna al Pisa 3 Agosto 07:11

Il Comunicato ufficiale di ieri sera del Pisa garantisce che, pur con il cambio societario, il clamoroso ritorno di Gattuso in panchina non ci sarà: "L’ A.C. PISA 1909 comunica con soddisfazione che il Dottor Maurizio Mian ha accettato di presiedere il nuovo Consiglio di Amministrazione della società che vedrà come Vice Presidente Lorenzo Giorgio Petroni e come Consiglieri il Dottor Giuseppe Tambone e l’Avvocato Vincenzo Taverniti, il quale sarà Consigliere Delegato.

Il primo compito del nuovo Consiglio di Amministrazione sarà quello di individuare, di concerto con il direttore generale Dottor Fabrizio Lucchesi, al quale è stata riconfermata piena fiducia dall’intero Consiglio, il tecnico più qualificato per sostituire Gennaro Gattuso alla guida della prima squadra"

Milan, la giacca da tirare è sempre quella 2 Agosto 08:47

I titoli della Gazzetta dello Sport sul Milan: Paralisi rossonera, in attesa dei cinesi, la chiave è...Silvio - Menez al Bordeaux, ma acquisti bloccati. O il club cede Bacca o serve un intervento di Berlusconi. Suso: "Voglio essere un punto fermo di questa squadra".

Mancini e Icardi, grande freddo e grandi dubbi 2 Agosto 08:44

I titoli della Gazzetta dello Sport sull'Inter: L'ora del silenzio, Mancini-Inter insieme per forza - Il tecnico sbarca e dice "meglio tacere" - Il Club non darà segnali subito, ma l'ipotesi divorzio si allontana. Icardi sì, Icardi no, pugno duro e sondaggi - Nessuna apertura Inter su una cessione in Italia, ma Gabbiadini piace e c'è stata una richiesta per Aubameyang, e poi c'è l'Arsenal...

Diego Costa: obiettivo Milan-Chelsea per rilanciarsi 2 Agosto 07:42

Diego Costa, attaccante del Chelsea di Antonio Conte, sta recuperando da infortunio ma il suo futuro è incerto. Le sirene dell'Atletico Madrid sono sempre accese. Conte vuole schierare Hazard come attaccante. Adesso, con Milan-Chelsea in programma a Minneapolis (per i rossoneri l'infortunio di Bertolacci non è grave), Diego Costa potrebbe tornare in campo. Oltre a quelle contro Milan e a seguire contro il Werder Brema, non ci sono altre amichevoli a disposizione di Diego Costa per recuperare in vista dell'inizio della Premier.

United, senza buonuscita Schweinsteiger non ascolta Inter e Milan 1 Agosto 12:49

Bastian Schweinsteger non rientra nei piani di Josè Mourinho. Il Manchester Evening News cita di alcuni contatti con Inter e Milan, ma senza accordo di buonuscita con il Club, il campione tedesco non è intenzionato ad ascoltare le due squadre che giocano a San Siro.

Amichevoli atto secondo: Bayern-Inter 4-1 e Liverpool-Milan 2-0 31 Luglio 07:01

Dopo aver perso ai rigori con il Milan, il Bayern Monaco segna 4 gol in un tempo all'Inter. Nel secondo tempo, a gara chiaramente finita e passata agli archivi, un errore difensivo del Bayern consente a Mauro Icardi, entrato nella ripresa, di segnare. Il gol dell'argentino diventa motivo di esultanza non per lui, che non lo fa e non potrebbe essere altrimenti con un passivo di 4 reti, ma per la moglie Wanda che twitta: "Imprescindibile". Dal canto suo, passo indietro per il Milan che con una formazione diversa rispetto al Bayern Monaco concede 2 go, ancora problemi difensivi per Vergara, al Liverpool nella ripresa. Il vero problema è Andrea Bertolacci. Dopo una stagione costellata da infortuni, la scorsa, la sua prima al Milan, voleva mettere ordine nella sua militanza rossonera e crescere in autorevolezza, ma al 33' del primo tempo è dovuto uscire per un problema muscolare alla coscia.

Milanesi negli USA, derby Milan-Inter a distanza contro il Bayern 28 Luglio 12:22

Per le vittorie nelle amichevoli estive bisogna lasciare intonse le fanfare e non bisogna fare i caroselli di auto. Ma sono comunque gli unici risultati del periodo e, se non ci sono brutte sconfitte che destabilizzano, queste partite vanno accolte con soddisfazione. Come per il Milan con il Bayern: 3-3 nei tempi regolamentari e 5-3 a favore del Milan al momento dei rigori. Per il Milan contro i tedeschi è andata così. Adesso, fra due giorni, alle 23.00 ora italiana del 30 Luglio a Charlotte toccherà all'Inter affrontare il Bayern ed inevitabilmente scatteranno i confronti fra le due squadre di Milano.

Il Milan si lascia alle spalle il mercato e batte il Bayern ai rigori 28 Luglio 06:32

Marcatori: 23' Niang, 29' Ribéry, 38' Alaba, 49' Bertolacci, 61' Kucka, 89' Ribery su rigore.

BAYERN MONACO: Ulreich, Rafinha, Badstuber (Feldhahn 31'), Martinez (Pantović 80'), Bernat, Alaba, Xabi Alonso (Benko 60'), Lahm, Thiago (Öztürk 60'), Ribéry, Green (Lappe 80'). All. Ancelotti.

MILAN: Donnarumma, Abate (Kucka 45'), Romagnoli, Paletta, Antonelli (Ely 63'), Poli (Vergara 80'), Montolivo (El Hilali 80'), Bertolacci (Zanellato 63'), Bonaventura, Niang (Matri 63'), Suso (Honda 63'). All. Montella

SEQUENZA RIGORI: Honda (M) GOL, Lahm (B) GOL, Matri (M) GOL, Alaba (B) GOL, Kucka (M) GOL, Bernat (B) GOL, Romagnoli (M) GOL, Rafinha (B) PARATO, Bonaventura (M) GOL.

Inter-Estudiantes 1-1: pareggio con Mancini in panchina e senza Icardi 28 Luglio 06:30

Marcatori: 5′ Nagatomo, 43′ Desàbato,

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 25 Miranda (81′ Dellagiovanna 96), 13 Ranocchia, 55 Nagatomo; 11 Biabiany, 5 Melo, 7 Kondogbia (46′ Bessa 12), 18 Caner (81′ Bakayoko 83); 8 Palacio (81′ Pinamonti 99), 10 Jovetic (60′ Miangue 95). All. Mancini.

ESTUDIANTES: 12 Sappa; 2 Desàbato, 3 Diarte, 6 Schunke, 14 Sanchez; 8 Damonte, 10 Brana, 18 Solari, 15 Cavallaro; 7 Auzqui, 9 Viatri. All. Vivas.

Inter, Mancini stazionario e Bielsa continua a collezionare rifiuti...27 Luglio 23:54

A inizio Luglio, Marcelo Bielsa ha lasciato la Lazio in mezzo ad una strada. A fine Luglio, ecco un nuovo rifiuto del Loco: il suo no alla Nazionale argentina ha fatto rumore. A proposito, è argentino anche Javier Zanetti e la situazione di Roberto Mancini resta incerta, in divenire. Che ci sia una longa mano argentina e nerazzurra dietro i cintinui rifiuti di Bielsa?

Thiago Silva voleva andare a Rio, il no del PSG 27 Luglio 07:38

Amatissimo nei suoi anni al Milan dal 2009 al 2012, Thiago Silva ha confessato a L'Equipe di aver chiesto al suo Club, al Paris Saint Germain, di poter andare a disputare con la Nazionale brasiliana i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, la "sua" città. Ma l'autorizzazione non è arrivata e il commento di Thiago è stato: "Accetto la decisione. In effetti è complicato collegare e gestire date così ravvicinate all'inizio di una stagione".

Bacca: anche il PSG si defila 26 Luglio 09:11

Unai Emery nell'intervista esclusiva concessa a L'Equipe è stato lapidario. Alla domanda di un suo interesse per Carlos Bacca, che ha allenato al Siviglia, Emery ha risposto testualmente: "E' extracomunitario". In effetti il PSG ha già quattro giocatori extracomunitari: Maxwell, Lucas, David Luiz e Thiago Silva. Quindi: l'Atletico Madrid va su Gameiro, il PSG non ci sente, il Siviglia non arriverà mai agli almeno 26 milioni chiesti dal Milan. Per cui resta solo il West Ham. Bacca deve decidere.

Mancini: alla rosa dei nomi si aggiunge Villas Boas 26 Luglio 07:32

In caso di rottura definitiva fra Mancini e l'Inter, la Gazzetta dello Sport avanza tre nomi: Leonardo, Prandelli e De Boer. Altri aggiungono un contatto, che sarebbe già avvenuto, con Villas Boas.

I titoli della Gazzetta: Inter amala e Milan vu cumprà 21 Luglio 16:50

La Gazzetta dello Sport è una grande istituzione, tutti la vogliono dalla propria parte. Tutti a volte la sentono distante o vicina, a seconda dei casi e delle sensibilità. La mano può essere felice o infelice, ad esempio nei titoli. La Gazzetta è di Milano, anche se ha dna nazionale e internazionale. I tifosi di Milan e Inter se la "contendono". Nell'autunno 2010, il Milan patì molto la prima pagina BUNGA BUNGA JUVE dopo una vittoria bianconera a San Siro contro il Milan di Ibra e in seguito alle polemiche politiche e di gossip riguardanti Silvio Berlusconi. Il tema torna di attualità dopo quello che, secondo alcuni, appare un trattamento ben diverso fra le 2 nuove proprietà cinesi dei due Club milanesi. Questa volta è andata bene all'Inter: SUN...INTER AMALA. Meno bene al Milan con Sonny Wu sbattuto in prima pagina con Wu compra, ovvero un chiaro riferimento al Vu Cumprà.

Per Roberto Mancini vale la prova del 3 20 Luglio 10:38

Angelo Gregucci, che aveva già affinato le sue doti a San Siro l'anno scorso nella Semifinale di Coppa Italia con l'Alessandria contro il Milan, non basta. Ottenere il vice gradito non può essere il discrimine ultimo e definitivo per un tecnico come Roberto Mancini abituato a farsi ascoltare e soprattutto ad ottenere. Quindi: siamo sempre all'incontro andato non benissimo fra il tecnico jesino e Suning a Giugno. All'epoca la lista della spera del Mancio era stata chiara: Yaya Toure, Zabaleta e Candreva. Tutti e tre bocciati per limiti di età e di filosofia. Per iniziare a costruire sul serio il feeling fra l'allenatore dell'Inter e la nuova proprietà è praticamente necessario almeno l'arrivo uno dei tre. Se almeno uno dei tre arriva, sarà la prova del 9 positiva in chiave permanenza in nerazzurro di Mancini.