Gianluigi Donnarumma e le due parole chiave, speranza e rinnovo

La parola Rinnovo tiene Gigio nel Milan, la parola Speranza lo tiene a distanza

di Beatrice Sarti

Gianluigi Donnarumma non smette di essere nell’occhio del ciclone, o meglio nel ciclone del calciomercato. Ogni occasione è buona per fargli domande sul suo futuro, per estrapolargli dichiarazioni su quale sarà la sua prossima maglia oppure se (come si augurano i tifosi del Milan) continuerà ad essere quella rossonera. Questa volta l’occasione è il viaggio verso Coverciano, dove l’Italia si riunirà in ritiro in questi giorni di pausa dal campionato. Gigio, convocato da Mister Ventura, è stato intercettato alla stazione di Firenze: “Sono molto legato al Milan, ma per il rinnovo ci penserà il mio procuratore. Sono milanista, spero di restare al Milan. Meret può essere il mio vice, l’ho conosciuto in Under 21, gli faccio i complimenti per quello che sta facendo. Non ci sono chiarimenti da fare con i giocatori della Juve, ero nervoso e arrabbiato per come era finita la partita, ma non ci sono problemi da risolvere ”. Parole importanti, dove ribadisce la sua volontà di restare a Milano, ma dove ribadisce anche quel “spero”, segno che tutta la situazione non dipende solamente da lui, perché appunto, se fosse per lui resterebbe.

Sicuramente il verbo sperare ha allarmato e non poco i tifosi rossoneri (anche se l'entourage ha fatto trapelare tranquillità in questo senso sulla sua permanenza), gli stessi però possono avere delle buone speranze di continuare a vedere il loro beniamino a San Siro, il portiere napoletano infatti pronuncia molto spesso la parola rinnovo, non ha paura di baciare lo stemma del Milan o di battersi la mano sul cuore davanti alla sua gente, anzi quando lo fa si legge nei suoi occhi la sua immensa voglia di diventare una bandiera di questa società. Ma di quale Milan potrebbe essere bandiera Donnarumma? Questo ciò che Raiola ribadisce spesso quando gli fanno domande sul suo assistito, quale sarà il progetto di questa squadra quando il closing avverrà? Se avverrà… ? Non sembra solo una questione di soldi quindi dalle parole di Mino, “… fino a che non vedo la nuova proprietà e comincio a parlare con loro non mi posso fare un'idea chiara. Se merita un grande Milan? No, Donnarumma merita una grande squadra” ha sottolineato il procuratore napoletano.

Inutile dire che le big d’Europa e non solo, non esiterebbero un attimo a buttarsi sul talento di Castellamare in caso di un rinnovo tentennante, Florentino Perez, da sempre incantato dai talenti che vestono la maglia rossonera, purtroppo per i tifosi del Milan, è rimasto stregato dal portiere classe ’99, complice anche la poca convinzione dell’ambiente su Keylor Navas. Il club spagnolo vorrebbe battere sul tempo la concorrenza, acquistando subito il portierone rossonero per poi rimandare il suo trasferimento nella stagione successiva. Difficile però che Gigio lasci così facilmente il suo Milan, se dichiara così forte il suo amore adesso che la squadra non viaggia su binari troppo rosei, che speranze avrà la concorrenza di portare via il neodiciottenne se il Milan tornerà a solcare i palcoscenici a cui appartiene? In ogni caso, è vero che il soldo comanda il mondo, ma a volte, ancora oggi, al cuor non si comanda.