Fiorentina e Napoli, è qui che l'Inter di Pioli non deve perdere punti

Pioli deve andare in controtendenza contro le grandi per tenersi l'Inter

di Carmelo Catania

Restano solo sei gare al “normal one” Stefano Pioli per portare l’Inter in Europa e convincere la società nerazzurra a puntare ancora su di lui per la prossima stagione. Finora forse la grande pecca dell’allenatore nerazzurro è stata quella di essere stato grande con le piccole e piccolo con le grandi. Da quando siede sulla panchina nerazzurra, Pioli ha avuto il merito di collezionare tanti punti contro le cosiddette piccole del nostro campionato, ma nel momento in cui si è alzato il livello di difficoltà, la sua Inter ha quasi sempre fallito. Ko di misura allo Stadium, sconfitta interna contro la Roma, doppio pareggio contro il Milan, ko al San Paolo ed eliminazione in Tim Cup contro la Lazio.

Ma non solo. Dopo il pari contro il Torino, con la Champions definitivamente sfumata, ecco che l’Inter ha fallito anche gare che fino a quel momento non aveva fallito. Zero punti contro Samp e Crotone ed ecco che anche l’Europa League, obbiettivo minimo, rischia seriamente di sfumare. Adesso, ad attendere l’Inter, ci sono Fiorentina al Franchi e Napoli a San Siro. Anche perdere un solo punto potrebbe essere decisivo. L’avventura di Pioli all’Inter potrebbe essere al capolinea.