Donnarumma, tutti i gangli di un rinnovo

Il silenzio di Gigio, la convenienza di un rinnovo

di Carmelo Catania

Sono passati ormai tre mesi da quando Gigio Donnarumma è diventato maggiorenne. Erano in molti ad aspettarsi il rinnovo del suo contratto una volta arrivata la maggiore età. Ma così non è stato. Da quando Gigio è diventato maggiorenne il Milan ha cambiato pelle con il famoso closing, ed in sede di conferenza la nuova proprietà fece subito capire come il rinnovo fosse una delle priorità, ma ad oggi tutto tace. Un silenzio forse voluto dalla stessa società rossonera, per far calmare un po' le acque e rassicurare Gigio e il suo procuratore sulla bontà del progetto rossonero. Ma negli ultimi giorni, nuove voci dall’estero hanno rotto il silenzio. Ci sono sirene inglesi per Donnarumma. Sono in pochi a pensare che veramente il Milan possa cedere Donnarumma già quest’anno, ma a differenza di qualche mese fa, qualche crepa tra i tifosi inizia a scorgersi. Questo temporeggiare da parte di Donnarumma e soprattutto del suo procuratore Raiola sta tenendo in agitazione i tifosi rossoneri.

Dal punto di vista dei tifosi è giusto che Gigio scelga il suo futuro e faccia chiarezza. Le parole e i gesti servono a poco, passi la gratitudine per il suo procuratore che lo segue da molti anni, sarebbe importante però una presa di posizione da parte del numero 99 rossonero. Giusto pretendere una cifra congrua al suo valore, ma rinnovare solo in base agli eventuali acquisti del nuovo Milan, rischia di non essere compreso da chi si è sempre professato milanista. Rischia di creare una illusione ottica agli occhi dei propri tifosi, che tanto affetto e fiducia stanno riponendo su di lui. Il rinnovo alla fine arriverà perché conviene a tutti. Conviene al Milan e ai suoi tifosi e conviene anche a Gigio e al suo procuratore, che di certo non vorrà cederlo a cifre basse o addirittura a zero nella prossima stagione. Ma, per i tifosi, un rinnovo a giugno potrebbe essere diverso di un rinnovo fatto alla fine di agosto….