Sentimenti blucerchiati, Cassano non si discute, Muriel non ci mancherà

Anche se è stato vicino al Genoa, il blucerchiato ama ancora Cassano: Muriel invece...

di Luca Uccello @Lucaucce

Lo sapevo che saresti tornato. Bravo Antonio, sono felice per te. Ditemi quello che volete, cancellatemi da tutto ma Cassano non si discute. Si ama o si mal sopporta il tuo essere campione senza coppe e scudetti, un fuoriclasse dalla testa matta che ci ha regalato più gioie che dolori in campo. Il resto è storia di un libro che ho preferito bruciare al primo freddo inverno di alcuni anni fa. Adesso tocca a te dimostrare di valere ancora, meritare la serie A quella che pazientemente e con qualche rischio hai voluto aspettare. Per il momento stai vincendo il primo tempo di una lunga, lunghissima partita. Quella che conta lo sai anche tu è il risultato alla fine, al triplice fischio finale di un qualsiasi arbitro oggi pronto a stringerti ancora la mano dopo una stagione tra i piccoli blucerchiati e qualche esotica spiaggia. Si ricomincia, lo fai in casa dei nostri fratelli a Verona. Uno stadio, un pubblico che ha già conosciuto uno dei tuoi preferiti gemelli del goal. La storia si ripete? Sinceramente me lo auguro: vedervi ancora insieme come quelle magiche notti in blucerchiato mi fa venire qualche brivido, qualche farfalla in pancia. Ma il passato come sempre avviene nel pallone si dimentica e così è sempre stato per te. Certo nessuno dimentica i tuoi amari tentativi di vestire anche il rossoblù dei cugini. Brutte cose, da non poter nemmeno immaginare. Eppure ci hai provato e questo non è piaciuto nemmeno a me. Ma non bisogna nemmeno scordare come ti hanno fatto fuori, come il tuo allenatore non abbia mai preso le tue parti. Non sarebbe stato difficile, vedi Spalletti con Ranocchia... Non nascondo che mi verrebbe voglia di abbonarmi al Verona e rivedere quei due, quella strana coppia. Due amici che sapevano far male ed ora ad aiutarli c'è pure un certo Alessio Cerci. BeAti loro.

Concludo con un altro mio pensiero, un saluto. Ciao Mc Muriel, addio Luisone, non mi mancherai. Nemmeno a Genova sei riuscito a esplodere se non di bomboloni. E ora buona tapas...