Genova, l'estate e il mercato, la Samp operativa, il Genoa sfoglia la margherita Preziosi

La Samp cede per comprare, il Genoa tira a campare aspettando Preziosi...

di Valentino Cesarini

Giorni diversi quelli che stanno passando i tifosi delle due squadre di Genova. Se da una parte i blucerchiati stanno cercando di piazzare i primi colpi dopo le partenze importanti di Schick e Bruno Fernandes, dall’altra parte i rossoblu sono tutti contro il Presidente Preziosi, che però sembra non voler abbandonare la barca. La differenza che balza agli occhi è che le due società stanno vivendo momenti completamente opposti. Partiamo dalla Sampdoria del Presidente Ferrero. E’ vero che le partenze di Schick alla Juventus e Bruno Fernandes allo Sporting Lisbona, più quella quasi ufficiale di Skriniar all’Inter, sono pesanti sul livello tecnico della squadra, ma è anche vero che la Samp ha ottenuto molti soldi, con cui ora può rinforzare la squadra per cercare di lottare per qualche traguardo importante. Nomi di possibili acquisti se ne fanno: dal portiere Meret agli attaccanti Pucciarelli e Falcinelli, passando per Astori, Murru, Nagatomo, Ansaldi, Tonelli e Caprari. E’ ancora presto per vedere qualche colpo, ma l’obiettivo della società blucerchiata è quello di farne alcuni per l’inizio del ritiro.

Il Genoa, dopo la salvezza dello scorso campionato ottenuta in extremis, non vuole ripetersi, ma in casa rossoblu tiene banco la protesta dei tifosi all’indirizzo del Presidente Preziosi. Si è parlato di un possibile azionariato popolare fatta dai tifosi, ma il patron sembra non voler sentire nulla e vorrebbe proseguire a gestire in prima persona, mercato compreso. Preziosi è molto dubbioso, non ritiene possibile la convivenza tra più idee, quindi, dopo le voci su Cellino, gli arabi e un cinese rimarrà un punto fermo. In attesa del calciomercato, che vedrà il Genoa muoversi abbastanza per cercare di costruire una squadra che possa ambire a qualcosa in più di una semplice salvezza. Si fanno tanti nomi: Goldaniga, Bisoli, Mandragora, Ganz, Puscas e Biabiany, arrivando a Cordaz se Perin dovesse salutare Genova.

Siamo ancora al 26 Giugno, ma la sfida per la supremazia cittadina fra Genoa e Sampdoria è già iniziata, fra sfotto’ e speranze.