Date e precedenti, almeno 6 Inter-Milan da ricordare...

Dalla nascita della moviola agli euroderby, dall'11 Maggio al tacco di Palacio: quanta storia di Inter-Milan è passata sotto i ponti di Milano...

di Valentino Cesarini

In attesa del derby di domenica sera, ripercorriamo sei Inter-Milan che sono rimasti impressi nella mente dei tifosi rossoneri e sono entrati nella storia calcistica. Si parte dal derby del 1967 che verrà ricordato come sfida da cui nacque la moviola, si passa per le due strepitose vittorie (6-0 e 4-2) del campionato 2001-2002, arrivando fino ai due euro derby (2003 e 2005).

INTER-MILAN 1-1 – 22 OTTOBRE 1967 CAMPIONATO DI SERIE A: Da questa sfida nasce la moviola…Proprio così, perché nel derby fra Inter e Milan, giocato domenica 22 ottobre 1967 e terminato sul punteggio di 1 a 1, per la prima volta c’è un episodio che crea forti dubbi nel mondo calcistico e tra i giornalisti. Dopo un primo tempo privo di emozioni, l’Inter al minuto 58’ passa in vantaggio con Benitez. Il Milan prova a reagire ed al 78’ trova il pari. Cross di Golin dalla sinistra, Gianni Rivera calcia al volo con la sfera che sbatte sulla traversa prima di rimbalzare a terra. Il milanista esulta, gli interisti protestano ed il direttore di gara (D’Agostini), dopo essersi consultato con l’assistente, assegna il goal al Milan. Il match si chiude sul punteggio di parità, ma questa decisione appare alla maggior parte degli addetti ai lavori irregolare, tanto che in serata, il giornalista Carlo Sassi alla “Domenica Sportiva”, mostra al rallentatore l’azione del goal rossonero. Si ha cosi il primo episodio di moviola nella storia del calcio.

INTER-MILAN 0-6 – 11 MAGGIO 2001 CAMPIONATO DI SERIE A: Si gioca di venerdì. Il Milan del duo Tassotti-Maldini viene dal KO di Perugia (2-1), mentre l’Inter ha surclassato l’Atalanta per 3 a 0. Le due squadre, lontane dalla capolista Roma, si giocano l’ingresso in Coppa Uefa (obiettivo raggiunto da entrambe le squadre). In un San Siro quasi pieno, il Milan parte subito forte e dopo nemmeno 3’ passa in vantaggio. Serginho si invola sulla sinistra, pallone in mezzo per Comandini che batte Frey. La reazione dell’Inter sta tutta in una protesta di Vieri per un contatto in area che Collina giudica regolare, perché al 18’il Milan raddoppia ancora una volta con Comandini, che di testa (assist di Serginho) batte Frey. In campo c’è solamente una squadra e nella ripresa il Milan dilaga. Giunti batte una punizione velenosa dalla trequarti che beffa Frey, Serginho è devastante perché prima di siglare il definitivo 6 a 0, serve un assist al bacio a Sheva che fa doppietta (l’altro assist porta la firma di Kaladze).

INTER-MILAN 2-4 – 21 OTTOBRE 2001 CAMPIONATO DI SERIE A: L’Inter arriva da capolista imbattuta all’appuntamento, mentre il Milan arriva dal KO di Perugia e da due pareggi (Atalanta in trasferta e Venezia in casa). I tifosi neroazzurri sognano la rivincita dopo il clamoroso 6-0 subito cinque mesi prima ed il match sembra mettersi subito sui binari giusti, perché al 13’ Ventola riceve palla da Kallon e da pochi passi batte Abbiati. Il match è equilibrato ed all’intervallo arriva la mossa decisiva del derby: Terim lascia negli spogliatoi Albertini ed inserisce Contra. Al 59’ Rui Costa mette in mezzo all’area un cross perfetto dove si avventa Shevchenko che di testa trafigge Toldo. Non passano nemmeno tre minuti e Contra si inventa il vantaggio con un missile da fuori area che si stampa sotto l’incrocio dei pali. Il Milan è padrone del campo, Contra sulla corsia destra è indemoniato ed al 66’ lascia partire un cross per Inzaghi che di testa batte ancora una volta Toldo. Praticamente la fotocopia del primo goal. Al minuto 78’ arriva il poker rossonero: Serginho se ne va sulla sinistra, pallone teso in mezzo per Sheva che anticipa Toldo e realizza la sua personale doppietta. Nel finale, Kallon sigla il goal del definitivo 2-4. Ma la gioia per Terim dura pochi giorni, perché complici il pari casalingo con il Bologna ed il KO di Torino viene esonerato.

INTER-MILAN 1-1 - 13 MAGGIO 2003 SEMIFINALE RITORNO CHAMPIONS LEAGUE 1-1: E’ stato il derby più importante tra i 297 giocati fino ad oggi. E’ il 13 maggio 2003, Inter e Milan si incontrano per il ritorno della semifinale di Champions League. All’andata, con il Milan padrone di casa, il match si era chiuso con uno scialbo 0-0. Al Milan basta un pari con goal per volare a Manchester, mentre l’Inter deve assolutamente vincere. La gara è equilibrata, la tensione si taglia con un coltello e le azioni tardano ad arrivare. Un minuto prima dell’intervallo, Seedorf pesca Sheva, che si beve Cordoba e batte Toldo in uscita disperata. Nella ripresa, l’Inter prova a gettarsi in avanti, ma fino al minuto 83’ Abbiati non corre grandi rischi. A sette dal termine, Martins supera in velocità Maldini e batte il portiere rossonero. Nel finale l’Inter va alla ricerca disperata del goal che vale la finale, ma le speranze degli uomini di Cuper si infrangono sul ginocchio di Abbiati che salva la conclusione di Kallon. Il Milan vola dunque a Manchester, dove quindici giorni dopo alzerà la sesta Coppa Campioni battendo la Juventus ai rigori.

INTER-MILAN 0-3 (A TAV.) – 12 APRILE 2005 RITORNO QUARTI CHAMPIONS LEAGUE: Due anni dopo la semifinale, Milan ed Inter si ritrovano in Europa nei quarti di finale. L’andata, con il Milan padrone di casa, si chiude con il punteggio di 2 a 0 in favore della squadra di Ancelotti, grazie alle reti di Stam e Shevchenko. Al ritorno, ai ragazzi di Mancini serve un’impresa, ma sono i rossoneri alla mezzora a sbloccare il match con un grande sinistro a giro di Shevchenko che non lascia scampo a Toldo. L’Inter prova a reagire, ma Dida è attento prima su Veron poi su Mihajlovic. Si arriva al minuto 71’, quando Cambiasso di testa trova il pari, ma Merk annulla fra le proteste vivaci dei neroazzurri. A questo punto, dalla Curva Nord iniziano ad arrivare fumogeni, bengala, bottiglie…che colpiscono anche Dida, costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Merk, dopo una sosta durata quasi mezz’ora, prova a far riprendere il gioco, ma i tifosi dell’Inter continuano nel lancio di oggetti, che costringe il fischietto tedesco a sospendere la partita. Il Milan vince 3 a 0 a tavolino e arriverà fino alla tragica finale di Istanbul.

INTER-MILAN 1-0 - 23 DICEMBRE 2013 CAMPIONATO DI SERIE A: In un derby d'andata, quando lo 0-0 sembra ormai acquisito e mancano pochi minuti alla fine, Rodrigo Palcio infligge al Milan quello che tanti anni prima, nel 1971, aveva inflitto Roberto Bettega: un gol decisivo e storico con un colpo di tacco. La rete dell'attaccante argentino ha garantito ai nerazzurri la vittoria nel derby pre-natalizio di andata, ma ha soprattutto segnato il destino di Massimiliano Allegri che, molto probabilmente a causa di questo derby perso, poche settimane dopo viene esonerato dalla guida tecnica del Milan.