Procuratori a tutto campo, Beppe Accardi - Gattuso ok, Icardi deve restare, Lazio meglio della Roma

Accardi: Gattuso ha preso il toro per le corna. La Lazio di Inzaghi è la sorpresa...

di Francesco Montanari

Beppe Accardi in esclusiva per Derbyderbyderby.it su Milan, Inter, Napoli, Juventus, Roma e Lazio. Il vulcanico agente ci ha riservato le sue stilettate -sempre pronte- sul momento del campionato.

Beppe, cosa ne pensi della crescita del Milan di Gattuso? - "Penso che finalmente, come nella nostra tradizione italiana, abbiamo un tecnico che ha preso il toro per le corna. Lo potete vedere anche voi che ha conquistato i giocatori con il suo carisma, con la voglia di lavorare, ed ora i suoi uomini sono pronti a combattere e a morire per lui. Il Milan è diventato una squadra"

Rino ascolterà i consigli di Berlusconi? - "No, penso che lui debba continuare con il modulo e con le idee che sta proponendo"

Icardi lascerà l'Inter in estate? - "Io faccio due considerazioni: primo l'Inter può sostituire Icardi con un bomber che dia le stesse garanzie? Secondo a Icardi conviene andare al Real Madrid dove non sarebbe capitano e il primo del gruppo? Considerando poi che le merengues cercano attaccanti che sappiano giocare a calcio, mentre Icardi è più che altro un grande finalizzatore, un grande bomber".

Tra Roma e Lazio chi la spunterà? - "Penso che sono due squadre che stanno crescendo ma sicuramente nessuno a inizio stagione si aspettava i risultati della Lazio. E qui bisogna dire che conta molto la mano dell'allenatore e mi riferisco a Simone Inzaghi".

La Juventus è alle prese con diversi infortuni e il Napoli nel calciomercato di riparazione invernale non ha aggiunto pedine. Come vedi tu la corsa scudetto? - "Non credo che qualche infortunio o un giocatore in più possano essere determinanti. Sia Napoli che Juventus hanno ormai una mentalità vincente e hanno una rosa in grado di esprimersi ad altissimi livelli con le loro risorse"

Si ringrazia Beppe Accardi per la cortese disponibilità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.