Calciomercato, alla scoperta di Luiz Gustavo

Il Milan cerca ampiezza, ecco perchè Luiz Gustavo va considerato

di Max Bambara

C’è la forte sensazione che, nelle idee di Mirabelli e Montella, Luiz Gustavo sia il primo nome nel ruolo di centrocampista davanti alla difesa per il nuovo Milan 2017-18. Si tratta di una questione meramente di campo che è opportuno sviscerare con i dovuti particolari. Chi scrive non impazzisce per Luiz Gustavo; nulla di personale ci mancherebbe, semplicemente nella mia visione del calcio, il giocatore davanti alla difesa deve essere quello in grado di dare i tempi al gioco. Luiz Gustavo è un mediano con piede discreto (mancino educato negli appoggi, ma poco avvezzo ai cambi di campo), abile nel recupero palla e molto forte in fase di interdizione e nelle letture rapide su situazioni di palla scoperta. Non riempi gli occhi della platea, semmai cattura gli sguardi più attenti di chi vuole concentrarsi sui dettagli del campo.

Ci sono infatti due considerazioni che sfuggono alle analisi generaliste, ma che vanno obbligatoriamente analizzate. In primis, pare sia intenzione del Milan quella di avere una squadra che sfrutti al massimo l’ampiezza del campo giocando coi terzini alti (l’arrivo di Ricardo Rodriguez farebbe presagire proprio ad un’ipotesi del genere). Alla luce di ciò, avere un mediano capace di giocare anche fra i due difensori centrali ed abile a leggere i movimenti in uscitadei centrali (l’attacco della palla alta è uno dei cardini del pensiero di Montella) al fine di andare a coprire la loro posizione diventa una esigenza fondamentale. Le coperture preventive sono impossibile se non ci sono prima le letture preventive e quei giocatori bravi a percepire il pericolo prima degli altri. In secondo luogo, nell'ipotetico Milan titolare, ad oggi, ci sono solo due marcatori puri: Musacchio e Romagnoli. Una squadra di alto livello deve averne almeno 3 per non soffrire le palle inattive. Era questo il limite principale del grande Milan di Ancelotti in cui il centrocampista difensivo (Gattuso) non era accoppiabile sulle palle inattive. Luiz Gustavo invece è un ottimo marcatore e credo sia questa la ragione principale per la quale, alla fine, arriverà lui. Non è, concettualmente parlando, il mio centrocampista ideale, però non sarebbe corretto farne un discorso personale e le due considerazioni poc’anzi esposte non possono non starci nella bilancia dei pro e dei contro.