Il Catania in C risponde al Palermo in B, ma quale volontà in Società...

Il Catania tira dritto: squadra più forte dei problemi societari? Lassù, in B, il Palermo corre...

di Carmelo Catania

La vittoria sul Lecce non è passata inosservata ed è cosi che il Calcio Catania torna per qualche giorno nei maggiori quotidiani italiani. Ma non solo… La Sicilia calcistica, che da sempre ha visto in Palermo e Catania i maggiori punti di forza, in questo avvio di stagione sta tornando a brillare. Il Palermo dell’ancora proprietario Zamparini, ha senza dubbio l’obbiettivo di risalire subito in Serie A. Nel capoluogo siciliano purtroppo l’entusiasmo dei tifosi è venuto meno e lo testimoniano i soli 2063 abbonati (meno della vicina Trapani che in Serie C ne conta 2520), ma i motivi per guardare avanti con ottimismo ci sono tutti per la formazione allenata da Bruno Tedino. Giocatori come Nestorovsky, Rispoli e Cionek nel campionato cadetto infatti possono fare la differenza. Per il momento in questo avvio di stagione sono arrivati 5 punti in 3 partite, merito della vittoria sullo Spezia all’esordio e dei pareggi, diversi tra loro, con Brescia (0-0) ed Empoli (3-3). Prossimo avversario il Foggia.

In Serie C invece è bagarre. Presenti Catania, Messina, Trapani, Akragas, Siracusa e l’ambiziosa Sicula Leonzio. Il Catania per il momento ha alternato grandi prestazioni a inaspettati capitomboli. Fin qui una vittoria travolgente sul Lecce, un pareggio che meritava maggior fortuna con il Fondi all’esordio e una sconfitta abbastanza inaspettata con la Casertana. A differenza del Palermo, a Catania però l’entusiasmo dei tifosi non manca. Nell’ultima vittoriosa gara con il Lecce, gli spettatori del Massimino erano quasi 10mila, di cui 5020 abbonati. Numeri che con la Serie C centrano ben poco… La città di Catania ha voglia di ben altri palcoscenici, ma la società avrà la stessa volontà?