Gli allenatori italiani sono i migliori, firmato L'EQUIPE

E alla fine tutti vanno a cercare i tecnici italiani...

di Enrico Vitolo

Prima di (ri)vincere una Champions League o una Europa League forse passerà ancora del tempo, onestamente ci auguriamo di no, ma questo non può mettere in discussione neppure per un momento la scuola italiana degli allenatori. Un conto sono i club, un conto che li allena. E da questo punto di vista il bel paese continua ad essere un passo avanti a tutti, senza alcuna presunzione. Del resto l’ha confermato anche l’Equipe nelle ultime ore inserendo ben nove tecnici italiani nell’elenco dei migliori cinquanta in circolazione in Europa. La posizione più bassa, la 42°, è occupata da Gasperini, alla 39° c’è “addirittura” Trapattoni, alla 32° Spalletti, alla 24° Lippi, alla 23° Sarri mentre alla 18° c’è spazio per Ranieri. Gli ultimi tre invece sono presenti nella topten, si tratta di Allegri (6°), Ancelotti (4°) e Conte (2°). Per la cronaca sul gradino più alto del podio c’è Pep Guardiola, nonostante nell’ultima stagione i risultati ottenuti con il Manchester City non siano stati esaltanti.

Ma quello dell’allenatore è un ruolo che oramai sta impazzando nel calcio moderno, mentre c’è chi festeggia per un traguardo di squadra o personale c’è che invece attende con trepidazione una chiamata. Nessuno si sarà dimenticato di loro, per molti infatti il curriculum parla chiaro, ma intanto il telefono continua a non squillare. E così ecco che la lista dei tecnici senza squadra non fa altro che allungarsi. Impossibile poter pensare il contrario. Perché se Mancini o Capello sono ritornati in pista, per tanti altri è accaduto l’esatto contrario. Un po' come attraversare una porta girevole, magari dalla velocità fin troppo eccessiva, dove in un attimo puoi trovarti non più all’entrata bensì inaspettatamente all’uscita. Tra gli italiani attualmente a spasso ci sono Guidolin, Mazzarri, Delio Rossi, Iachini, Reja, De Canio, Ballardini ed anche Oddo. Tutti in vacanza ma pronti a preparare la valigia e volare verso una nuova destinazione.

.