Da Salerno chiarisce tutto Lotito, io mai intervenuto per Ventura ct

A sentire Lotito: Ventura lo ha proposto Lippi - Leghe calcistiche, la rivoluzione è già in atto

di Enrico Vitolo

Lazio, Salernitana, ma anche Nazionale. Quando c’è Claudio Lotito si può parlare davvero di tutto, ancor di più oggi dopo la clamorosa eliminazione dell’Italia dal prossimo Mondiale: “Non posso dare giudizi su cose in cui non sono coinvolto in prima persona perché sarebbero giudizi superficiali, giudico solo se posso dare spiegazioni. Ancelotti? Non lo so – ha detto il patron dei biancocelesti e dei granata al termine della gara di serie B tra Salernitana e Cremonese -. In Italia si cerca sempre un colpevole, io invece sono abituato a cercare soluzioni. Quando ci fu la scelta Lippi doveva essere il direttore tecnico e elogiò Ventura col direttore generale, non con me, io non sono intervenuto in nessun modo. Io ho solo espresso dei giudizi pubblici, poi insieme si è giunti a una quadratura, dopo che ci siamo confrontati tutti insieme, perché le scelte devono essere condivise”.

Scelte che, a quanto pare, verranno prese a breve, ma non per la Nazionale: “Bensì per le leghe di serie A e B dove è già partita una rivoluzione puntando a norme più territoriali e professionali – l’ammissione di Claudio Lotito -. Nei prossimi giorni si eleggeranno gli organi delle due leghe e si rinnoverà la politica. È assurdo che in scelte che possono cambiare storicamente il calcio del Paese non siano coinvolte le due leghe principali. È come se in una fabbrica vuoi cambiare il metodo produttivo e non ne parli con la proprietà. Non devono eleggere un presidente, ma devono essere partecipi delle scelte volte a cambiare l’Italia calcistica. Non possono partecipare solo l’AIA, AIG, gli allenatori, i dilettanti e i professionisti, le due leghe maggiori devono essere coinvolte. Senza fare nomi faccio un discorso di politica generale, dico che devono partecipare tutti gli organi coinvolti. Speriamo di arrivare a una decisione entro un mese, perché prima si fa prima si cercano soluzioni”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.