Carlo Ancelotti si defila, silenzio assoluto sul futuro azzurro

Italia dopo lo sprofondo: solo silenzio attorno al futuro CT

di Marco Rizzo

Ancelotti era il grande candidato. Un pò per la sua grande esperienza ed il lignaggio da grande vincente, un po’ per il suo status da “libero sul mercato”, benchè con uno stipendio monstre. Ma l’ex rossonero ieri sera si è tirato indietro ufficialmente. “Il Ct è un altro lavoro, io sono ancora un allenatore”.

Chi, allora, per il dopo Ventura ?

Dopo qualche giorno di trambusto dopo l’eliminazione con la Svezia, è calato il silenzio sull’argomento, complici anche le dimissioni di Tavecchio ed il futuro incerto della presidenza della Federazione. Al momento candidati seri e credibili non ce ne sono, liberi. Solo profili “alla Ventura”, come Guidolin o Mazzarri. La Federazione vuole un profilo diverso, di grande livello. Oppure una scommessa che poggi però su basi solide. Ma ovviamente da un lato serve prima che ci sia un Presidente che possa decidere, ed in secondo luogo, che un grande profilo si liberi ed accetti le lusinghe dell’Italia.

I profili non sono tantissimi. Uno è quello di Massimiliano Allegri, più volte avvicinato alla panchina della Nazionale. L’attuale tecnico della Juventus, però, anche qualora lasciasse i bianconeri a fine stagione, sarebbe ambitissimo sul mercato tra le big europee. Difficilmente accetterebbe. Discorso analogo per il cavallo di ritorno Conte, che vorrebbe si tornare in Italia, ma alla guida di un club, ed il Milan su di lui sembra fortissimo. Occhio anche alle lusinghe del Psg. Un candidato-scommessa potrebbe essere Gasperini, anche in un’ottica di crescita dei giovani. Il tecnico della Dea, però, ha bisogno del lavoro costante sul campo per agire sulla crescita dei calciatori. E la Nazionale questo non glielo offrirebbe.

Il candidato più serio e credibile resta quindi Roberto Mancini.

Il tecnico sta vivendo una buona esperienza allo Zenit, ma a fine stagione potrebbe voler cambiare, e la Nazionale sarebbe l’approdo perfetto dopo tanto girovagare. L’esperienza ci sarebbe tutta, cosi’ come lo status di grande allenatore. L’ingaggio importante potrebbe essere superato giocando sugli anni. Non solo contratto di due anni sino all’Europeo itinerante del 2020, ma contratto di 4 anni fino al mondiale in Qatar 2022.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.