Allegri, Pioli, Spalletti e Montella, come butta il loro futuro...

I Quattro allenatori italiani delle big: le carte sono in regola ma...

di Alessandro Cesarini

Siamo ancora ad inizio Marzo, ma il toto panchina è già partito da diverso tempo. Mercoledì, dopo la goleada rifilata allo Sporting Gijon, Luis Enrique si è presentato davanti alle telecamere annunciando che il prossimo anno non sarà più l'allenatore del Barcellona. La notizia, circolava già da diverso tempo, soprattutto dopo la pesante sconfitta di Parigi, ma ormai è pure arrivata l'ufficiosità dello stesso tecnico. Non è ancora ufficiale, perché non esiste comunicato e sappiamo che le cose nel calcio possono cambiare velocemente, ma sarebbe clamoroso un dietrofront dello stesso tecnico e della società spagnola. Chi al suo posto? Si fanno tanti nomi, da Pochettino a Ronald Koeman, passando per Sampaoli e nelle ultime ore è uscito anche il nome di Max Allegri.

Proviamo a vedere nel dettaglio, la situazione di tre tecnici italiani: Pioli, Spalletti e Montella. Iniziamo dal tecnico del Milan. Cinesi o non cinesi, closing o non closing, Vincenzo Montella sta facendo un buon lavoro con i ragazzi rossoneri, e dopo 5 anni di assenza è riuscito a riportare nella bacheca di Via Aldo Rossi un trofeo: la Supercoppa, conquistata lo scorso dicembre a Doha contro la Juventus. Ma è poco, troppo poco per avere la conferma che sarà lui il prossimo allenatore del Milan, anche se le quote sono nettamente alte: diciamo all'80%. Ma fino al termine della stagione, il tecnico campano, sarà sotto osservazione dai dirigenti, che la scorsa estate hanno dichiarato che l'obiettivo è quello di rientrare in Europa. Non sarà facile, perché Lazio, Inter, Fiorentina e la sorpresa Atalanta continuano a vincere. Ovvio che in caso di qualificazione all'Europa League o di qualcosa di più prestigioso (difficilissimo raggiungere il terzo posto, ma la matematica tiene ancora viva la possibilità), il tecnico rossonero sarà confermato sulla panchina milanista. In caso di fallimento, quindi settimo posto in giù, o sesto ma con la Lazio dietro se vincente in Tim Cup: il Milan sarebbe fuori per il quarto anno dall'Europa, e la posizione dell'allenatore sarebbe sotto esame. Ma chi si siederebbe sulla panchina rossonera? Se ci sarà il closing e Fassone sarà il nuovo AG allora il principale candidato secondo alcuni sarebbe Roberto Mancini, ma in realtà anche in questo caso le percentuali di conferma del tecnico campano al Milan sono molto alte. Se invece, resteranno Berlusconi e Galliani, difficile fare previsioni, ma sia Sarri che Giampaolo piacciono e non poco alla società attuale, anche se il sogno si chiama Antonio Conte. Ma in questo momento, siamo comunque propensi alla conferma di Vincenzo Montella, attraverso un nuovo confronto fra il presidente e il tecnico garantito da Galliani. Cambiando sponda del Naviglio, anche l’Inter ha il suo da fare sull’allenatore. Stefano Pioli sta facendo bene alla guida dei neroazzurri, ma anche qua la posizione finale in campionato potrebbe essere decisiva. Si sa che il sogno della dirigenza neroazzurra è quello di portare a Milano, niente meno che il Cholo Simeone, ma l’Atletico Madrid non è una gatta semplice da pelare visto che il contratto del tecnico argentino scadrà solamente nel giugno 2018. Oltre al Cholo, i sogni si chiamano Mourinho e Conte, ma più realmente Sarri e Spalletti potrebbero essere nomi più realizzabili. Ma Pioli ha tutte le carte in regola per restare in sella alla guida dell’Inter anche nella stagione 2017/2018, se centrerà l’obiettivo Europa e anche perché il suo contratto scade solamente nel 2018. Passiamo alla Juventus e alla situazione di Max Allegri. Non è un mistero che il tecnico livornese stia studiando l’inglese da diverso tempo, ma questo può dire tanto o niente. Sappiamo che qualche telefonata d’oltre manica il tecnico l’ha ricevuta, specialmente da Tottenham e Arsenal e che il tecnico potrebbe lasciare la Juventus da vincente. Ma chi arriverebbe al suo posto? Secondo tanti esperti di mercato, se Allegri lascerà Torino, il principale candidato potrebbe essere il romanista Luciano Spalletti, con Di Francesco possibile allenatore giallorosso. Ma anche qua siamo ancora nel fanta-mercato. Ad oggi, 4 marzo 2017, è ancora presto per capire chi saranno gli allenatori 2017/2018 di Milan, Inter, Roma e Juventus. Noi ci proviamo e lanciamo una “percentuale”. Montella 80% Milan, Pioli 70% Inter, Allegri 50% Juventus, Spalletti 50% Juventus e 50% Roma. Ma ripetiamo, è solamente marzo, e come nel mercato dei giocatori, anche quello degli allenatori regalerà sorprese e colpi di scena…