Agnelli ruba la scena a Baldissoni e carica Juventus-Roma

Gli avvisi ai naviganti prima di una grande sfida: è il calcio italiano e Juventus-Roma non sfugge alla regola

di Marco Varini

Juve-Roma entra nel vivo. A 2 giorni dalla disputa sul campo, il match è già iniziato, a suon di dichiarazioni. Il duello è tra Baldissoni e Agnelli. Settimana scorsa, dopo la nota squalifica di Strootman per la simulazione con Cataldi, il DG giallorosso si era sfogato, dichiarando “subiamo una squalifica inattesa e inconcepibile perché stiamo per affrontare Milan e Juve”. Gli eventi successivi sono sotto l’occhio di tutti. Venerdi la squalifica viene tolta, lunedi la Roma batte il Milan, anche se la presenza di Strootman non influisce in alcun modo sul match. Baldissoni ha attaccato indirettamente la Juve, nonostante il club di Torino quest’estate ha “salvato” il club giallorosso con l’acquisto di Pjanic, pagando i 32 milioni di euro previsti dalla clausola rescissoria.

Non si è però fatta attendere la risposta, a distanza ma trasversale e a orologeria, di Andrea Agnelli. Il presidente bianconero, durante la festa di martedì sera riservata a dipendenti e sponsor, ha dichiarato “abbiamo tutte le forze che giocano contro di noi, il principio è che non importa chi vince, l'importante è che non vinca la Juve: questo è l'ambiente che c'è intorno a noi. Dobbiamo smentire i gufi”. Lecito porsi delle domande, a quali forze si riferisce? Chi sarebbero i “gufi” di cui parla? Ma soprattutto per quale motivo una squadra come la Juve, 1° in campionato, qualificata agli ottavi di Champions come 1° nel girone, avrebbe bisogno di tali dichiarazioni? Agnelli ne ha per tutti, giornalisti compresi, se ripensiamo alla diatriba delle scorse settimane con la Gazzetta per la vicenda delle parole di Buffon. Dichiarazioni che ricordano il famoso “rumore dei nemici” di Mourinho all’Inter, nel 2010. Tutto questo dopo le parole di Baldissoni dei giorni scorsi e proprio nella settimana di Juve-Roma. Non viene fatto espressamente il nome del dg giallorosso o della Roma ma i temi, e soprattutto la tempistica, delle dichiarazioni di Andrea Agnelli sembrano essere un chiaro messaggio alla società romana. Sabato sera la parola passa al campo.